www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Domenica 20 Ottobre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[20-05-2008]  
apro qui una nuova "sfida all'ultimo stornello" con QUESTE REGOLE:

1)PUò RISPONDERE SOLO CHI è STATO INVITATO

2)E' OBBLIGATORIO ATTENERSI AL TEMA,

3)UNA VOLTA RISPOSTO AL TEMA SI PUò AFFRONTARE UN TEMA DIVERSO

4)E' INDISPENSABILE INVITARE UN'ALTRO A RISPONDERE

con l'occasione ricordo che chiunque può aprire sfide con le regole che preferisce.



Risposta Condividi


[16]   
Da: DONATO DE ACUTIS 
(BACUGNO)
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[13-05-2009]  
dal tuo discorso giampiero ne ho edotto
che il giovane puledro va al galoppo
divien cavallo faticando il trotto
e da vecchio cammina a piede zoppo
Forse ho capito qual'era il tuo motto
male da soli ma una donna è troppo
a giuseppe lo chiedo di mia volta
meglio col basto o con la briglia sciolta?

Risposta Condividi


[17]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[14-05-2009]  

Se c'è qualche persona che m'ascolta,
gli vengo a ricordar che ogni occasione,
non va sprecata, anzi, va raccolta,
usando sia il fucile che il cannone.
Facendo come fece il John Travolta,
che ha colpito pure in processione.
Ad imitarlo ogni maschietto anela
tenendo sempre pronta la "candela".

L'Italia oggi presenta una sequela,
di fatti e di piccanti situazioni.
Reality oppur Telenovela,
veline candidate alle elezioni.
Ministre frutto della "clientela"
del premier re delle televisioni.
Su quel che si racconta di Casoria,
confido nel giudizio della storia.

Ritorno su quell'altra traiettoria,
sulle vicende del primo discorso.
M'aiuta un certo sforzo di memoria,
per non finir, d'un tratto, "fuori corso".
In questi casi non c'è sanatoria,
non ti risolve il pronto soccorso.
In quei momenti caro il mio Donato,
chi ha avuto-avuto, e chi ha dato-ha dato.

E' un'avventura tutta nel privato,
serve perfino un poco di prudenza,
per non finir sedotto e abbandonato,
in preda a qualche crisi di coscienza.
Per molti è stato questo il risultato,
per altri una bellissima esperienza.
Vorrei però che qui rendesse omaggio,
la "Parulana" sul "piantare maggio".




Risposta Condividi


[18]   
Da: Parulana 
(scuola d'itaGLIano per straniere)
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[19-05-2009]  
La primavera sempre la festeggio
ch’è benvenuta la buona stagione
sull’Appennino “Bene venga maggio!”
si ode ancor di questua la canzone;
porgon ragazzi alla beltà un omaggio:
dai boschi colgon rami ed al portone
li piantan della bella insieme a’ fiori,
rinascono amicizie e nuovi amori!

Di maggio e di natura adoratori
per procurar fortuna ed abbondanza
piantano il palo in piazza e tra i clamori
in giro a questuar vanno... per la panza
chiedendo uova e vin (se bevitori);
se la raccolta no, nun è abbastanza
t’attaccan con le strofe dispettose!!!
...Gioia, tu a maggio fai quali altre cose?


Risposta Condividi


[19]   
Da: Gioia 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[29-05-2009]  

E bene venga maggio? E maggio l'e' venuto
cosi' cantava bene il cantante capelluto
il capellon Cristicchi sul palco prestigioso
insieme alle "sbandate" ben poco vergognose.

C'e'ra pure 'n vecchietto, ma tanto tanto caro
Francesco De Gregorio che n'antra ne faceva
"Viva L'Italia" e si era proprio quella, era 'nfaro,
e la platea, si, si proprio si commuoveva.

Ecco de maggio Gioia che faceva,
percio' Parulana mia, lasseme perde,
chiamamo Mao che lui si che se ne intende!


Risposta Condividi


[20]   
Da: mao 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[30-05-2009]  
i complimenti sai, ben si comprende,
ti portano la faccia ad un sorriso
gni ruga nella fronte si distende
ed ogni mal pensier risulta acciso
ma nella mente poi, gioia, s'accende
pensiero che raggrugna ancora il viso
per chi lavora è festa il primo maggio
dev'esser chiaro a tutti sto messaggio.

ho visto poi però, c'è chi ha 'l coraggio
di rinventarsi un santo artigianale
e dire messa, ma ben venga maggio
e il gonfalone amico in alto sale
il rosso gonfalon non sia mai ostaggio,
di lotta e libertà lui sia messale.
se pianti maggio poi, tutto è migliore
e tu peppì sei un re, quasi un signore




Risposta Condividi


[21]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[01-06-2009]  

Piantare maggio è bello a tutte l'ore
ma il mese di maggioè già passato.
Inizia giugno a cui chiedo il favore
di non sembrare troppo disgraziato,
in quanto c'è la donna del mio cuore
che una casa la mare ha prenotato.
Se giugno saprà essere clemente,
andrò in spiaggia senza salvagente.

Nel fine settimana specialmente
con l'obiettivo della tintarella
guardo verso il levante ed il ponente
alla ricerca di qualche pischella
a cui narrar, seppur velocemente,
dell'importanza della tarantella
e quanto in questo mese sia importante
il santu Paulu meu delle tarante.

E' questo un argomento interessante,
che cattura molto spesso l'attenzione.
Spiegarlo come puoi, in qualche istante,
quanto preziosa sia la tradizione,
a chi con la bellezza provocante
ti leva il sentimento e la ragione?
Sperando di non far troppo baccano,
venga in soccorso il dottor Tiziano.



Risposta Condividi


[22]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[04-06-2009]  
Caro Peppino, questa è bella.
Come hai citato la tintarella
d'acqua ne venuta giù più de 'na catinella

ma il tempo tornerà a farsi bello
potremo allora chiudere l'ombrello
sul prato intonare uno stornello
e sorseggiare del buon vinello

le mie rime sono assai banali
sembrano quasi tutte uguali
ma non è per questo il peggior dei mali
vediamo che ne pensa il Pontuali



Risposta Condividi


[23]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVIT
[04-06-2009]  
Le rime de Tiziano so' bracciali
de perle inanellate all'infinito
che verranno ricordate sugli annali.
E' 'st'argomento che nun ho capito:
è utile parla' de temporali?
Nun cambio , io col tempo, l'appetito;
e nun me metto a fa' come Bernacca
che quanno parla o la và o la spacca.

Ma l'argomento ch'a me mai me stracca,
lo dico e lo ripeto in sempiterno,
è quanno che se parla de patacca,
(che si ci'arrivo è come vince' 'n terno)
o puramente quanno se bivacca,
qualunque esso sia lo governo;
e così vivo bene a la giornata.
Che dici Arfo', pe' te è 'na cavolata?

Risposta Condividi


[24]   
Da: alfonso 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[30-01-2010]  
capisco er tuo 'nteresse, porca vacca,
imperciocchè da quanno er monno gira
che sia de roma oppur cecoslovacca
der Pisoniano o dell'Africa nira
che vesta seta pura oppur fusciacca
che soni er corno o canti sulla lira
sia essa secca o tonda come bacca
è noto che la cosa molto tira
e torna 'n mente come 'na risacca

e l'argomento, è noto, è molto amato
da quelli ch'oramai, perse le forze,
je resta che d'aricordà er passato
guardannose pietoso le scamorze
che pènnono di già in pietoso stato,
e quinni non rimune che la lingua
e la memoria prima che si estingua,
ma prima che 'l vegliardo s'arrovelli
sentimo che ne pensa Zammarelli

Risposta Condividi


[25]   
Da: zammarelli 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[30-01-2010]  
se mo m'hai richiamato a li stornelli
è che nel tema fregna sò er più bravo
ogni sei mesi ve svegliate belli
nun ve cercavo e manco ve pensavo
siccome mo me trovo a sti fornelli
ve sforno un detto antico del mio avo
la pulce nella paglia non se cega
lo pesce nello mare non s'annega

ma sempre il sor Alfonso qui mi prega
di fare lo stornello con l'invito
c'è chi con la patacca mai non lega
e chi gli piace il culo del marito
nel primo caso va a votà la Lega
nell'altro fonda no nuovo partito
chiamo Melchiorre che lui se ne intende
non ce n'ha una eppure la pretende

Risposta Condividi


[26]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
((Ascoli Piceno))
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[11-06-2010]  

Del "Pierfi" caro "Zamma" le vicende
le conosci soltanto in superficie.
E' storia vera mica son leggende,
altro che un romanzo d'appendice!
Di donne conquistate quattro agende,
dalla lettera "zeta" a Beatrice.
Con la lettera "A" ebbi rivali,
a cominciar da Pino Pontuali.


Risposta Condividi


[27]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[20-06-2010]  
Penzavo d'aver chiuso li canali
sdrajannome der mare a la risacca,
ma ecco che rispunta dagli annali
quarcuno che me parla de patacca.
Allora me rilucido l'occhiali,
ne va dell'onor mio, porca vacca!
E state certi nun ricconto balle:
ho perzo er conto e nu' sto più a contalle.

A tutte io je guardo er fondovalle
e lo fo sempre in modo assai garbato.
Nun so mai annato a caccia de farfalle
e le conquiste nun ho mai vantato.
le donne nun me stanco de cercalle
e nun ricconto mai co' chi so' stato.
E in nome di quell'attimo divino
in causa lo chiamo er sor Peppino.

Risposta Condividi


[28]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano (Rm))
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[24-06-2010]  

C'è chi possiede un proprio taccuino
dove riporta il nome d'ogni bella
scrivendo, addirittura, lì vicino
un voto, come fosse la pagella.
Qualcuno, invece, in fase di declino,
ferito nell'onore si ribella
e questa condizione non accetta,
perciò viagra in pillole e fialetta.

Di Laura racconta e di Fiammetta
e di storielle da Decamerone
partendo dalla solita cenetta
o con la serenata ad un balcone,
dove potrebbe esserci Giulietta.
Cavalcata finale col fiatone.
Però nessuno dice, in un racconto,
come si sta sul viale del tramonto.

Non si chiede di fare un resoconto,
neppure se può essere importante.
Andrebbe in ogni caso messo in conto,
per dimostrarsi valoroso amante.
In questo ruolo ognuno è sempre pronto
e si rivela un abile attaccante.
Più forte di qualunque calciatore,
come l'Irpino con il raffreddore.



PdR


Risposta Condividi


[29]   
Da: Irpino 
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[24-06-2010]  
Primma cerco licenzia a 'sti ssignore
e po' a 'sti sunature e a chi ce sente
ca si comm'a nucella è fatto ammore
primm'e magnà l'ià rompe e nun fa niente
ca ormai io sò 'nu viecchio cantatore:
n'aggio magnate noce e 'e tengo a mente!
No comm'a Mao ca pe s'arricurdà
nce vò 'nu calannario pe scialà!









Risposta Condividi


[30]   
Da: mao 
(chiazza)
  Re: sfida all'ultimo stornello " A INVITO"
[29-06-2010]  
è vero, caro mio che sai cantà,
il mio principio l'è: non ricordare,
perchè da vecchi, sai, se pò parlà
e per non dir dovrai dimenticare.
perchè la donna, e questo lo si sa,
non ama troppo chi ne vuol parlare.
chiediamo pur a Alessio il suo parere,
che forse più di noi ne può sapere



Risposta Condividi