www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 23 Settembre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso 
  segnala un evento
[20-12-2007]  
vi segnalo un evento, un caso di commistione tra genio e musica popolare, e lo segnalo perchè sarà ineterssante vedere il risultato, ricordate "ti regalerò una rosa" ?...

il 21 Dicembre al Lian Club di Roma Simone Cristicchi presenta un inedito Racconto di Natale
La vicenda (che vede Simone Cristicchi interpretare alcuni brani dedicati al Natale) si snoda come un viaggio nel passato che passa per una critica al consumismo del presente, e l' immagine di un futuro non privo di speranza.

Inedita anche la formazione che lo accompagna: Cristicchi sarà sul palco con tre bravissimi musicisti che eseguiranno musiche tratte dalla tradizione popolare natalizia.
Il racconto è affidato ai pensieri lucidi e sognanti di Giacomino, un bambino di 13 anni che si appresta a festeggiare la Vigilia di Natale con la sua famiglia strampalata. La nonna e il Natale di tanti anni fa a Rocca di Papa, il padre miscredente che smonta le credenze, e una Mamma incinta al nono mese di gravidanza.

Formazione:
Simone Cristicchi, voce;
Raffaele Pinelli: organetto;
Marco Cignitti: Zampogna;
Massimo Cusato: Rumori e percussioni

Lian Club :Via Degli Enotri 8 (S.Lorenzo)-Roma.


Risposta Condividi


[241]   
Da: Parulana 
  Re: segnala un evento
[26-07-2010]  
Segnalo quest'evento degli Archivi della Resistenza "Fino al cuore della rivolta. Edizione 2010 dedicata a Paolino Ranieri " per il suo indubbio valore sociale e culturalen e anche perchè coinvolge il gruppo operaio i Zezi di Pomigliano d'Arco e presenta un contrasto "toscano" in ottava rima:

30 luglio- 3 agosto a Fosdinovo (MS) al Museo Audiovisivo della Resistenza
Cinque giorni di musica, dibattiti, teatro e poesia con tanti ospiti, tra cui:
Maurizio Maggiani, Stefano “Cisco” Bellotti, Coro delle Mondine di Novi, Ascanio Celestini, Apuamater, Alessio Lega, Suonatori Terra Terra, Poeti in Ottava Rima, E Zèzi Gruppo Operaio, Canzoniere della Rivolta, Nuovo Canzoniere Bresciano, ...

Dal Programma:
Venerdì 30 luglio – in collaborazione con il festival “I Luoghi della Musica”
Ore 22.00 Cisco e il Coro delle Mondine di Novi “Fatica da coltivare”
Dopospettacolo/1- Antica Rumeria Lagrima de Oro

Sabato 31 luglio -
Ore 21.00 Ascanio Celestini “Racconti”
Ore 22.00 Apuamater e Alessio Lega “Canto di una cattiva compagnia contro il silenzio”
a seguire Suonatori Terra Terra
Dopospettacolo/2 Los Caimanos

Domenica 1 agosto
Giornata in collaborazione con il festival “Lunatica”
Intervento teatrale del Maggio drammatico di Antona “Berluska e… l’opposizione”
Ore 18.30 - Camminata per i Sentieri della Resistenza dedicata a Ivan Bernardini. Accompagnamento musicale dei Suonatori Terra Terra
Ore 21.00 - Contrasto in Ottava rima coi poeti estemporanei toscani Realdo Tonti, Gabriele Ara, Emilio Meliani
Ore 22.00 Simone Cristicchi e il Coro dei Minatori di Santa Fiora “Canti di miniere, vino, amore e anarchia”
Dopospettacolo/3 Suonatori Terra Terra

Lunedì 2 agosto -
Ore 10.30 Laboratorio musicale per un canzoniere della rivolta
Ore 16.30 Dibattito/5- Cantare la rivolta! Canzoni di lotta tra passato e presente
con Cesare Bermani (storico orale), Stefano Arrighetti (Istituto Ernesto de Martino), Gianfranco Azzali “Micio” (Lega di Cultura di Piadena). Introduce Matteo Bartolini (Contatto Radio – Popolare Network)
Ore 22.00 E Zèzi gruppo operaio
“Ciente paise”
con Marzia Del Giudice (voce e nacchere), Maura Sciullo (voce e tammorre), Massimo Ferrante (voce e chitarra), Cristian Galia (batteria), Massimo Mollo (voce, chitarre, mandolino), Franco Paolo Perreca (clarinetto), Maurizio Saccone (sax), Enzo Salerno (basso), Carmine Terracciano (chitarra, mandola), Pasquale Terracciano (voce, tammorre e percussioni), Angelo De Falco (strumenti popolari)
Dopospettacolo/4 Fratelli Rossi

Martedì 3 agosto - Ore 20.15 Spettacolo nel bosco Blanca Teatro “Il timido”
Ore 21.30 “Canzoniere della rivolta”Concerto di Paolo Ciarchi, Claudio Cormio, Sandra Boninelli, Nuovo Canzoniere Bresciano e tanti altri ospiti…
Ore 22.00 Paolo Pietrangeli (t)ESSERE

INGRESSO GRATUITO PER TUTTI GLI SPETTACOLI
Museo Audiovisivo della Resistenza (info 0187 680014 www.museodellaresistenza.it)
Per il festival info: 329.0099418 / 320.5627746

Programma completo qui:
http://www.archividellaresistenza.it/cms/index.php?option=com_c ontent&task=blogsection&id=6&Itemid=71




Risposta Condividi


[242]   
Da: alfonso 
  Re: segnala un evento
[29-07-2010]  
sabato 31 luglio e domenica 1 agosto 2010 a Polla (SA)

1° Festival della Zampogna

P,zza dei Parlamenti esposizione di costruttori di strumenti popolari, artigianato di qualità e prodotti tipici

Ore 18.30 – Comune di Polla
TAVOLA ROTONDA

“Polla città della zampogna”

Interventi di

Rocco Giuliano - Consigliere Provinciale di Salerno
Massimo Lovisio – Sindaco di Polla
Gennaro Gonnelli – Assessore alla Cultura del Comune di Polla
Antonietta Caccia: Festival internazionale della zampogna di Scapoli
Camillo Carapelle: Soffi d'Abruzzo - Festival dei Suoni del Vento
Maurizio Cuzzocrea: Zampognarea
Sebastiano Battaglia: Associazione Zampognari Cardeto
Antonio Giordano: Associazione Daltrocanto, le Zampogne di Daltrocanto

Ore 20.30 – Piazza dei Parlamenti

ESIBIZIONE suonatori e costruttori provenienti da tutta Italia:

Zampogne di Polla; Zampogne di Caggiano; Zampogne di Colliano; Zampogne di Chieti; Zampogne del Molise; Zampogne di San Lucido; Gianluca Zammarelli e Pietro Citera, zampogne del Cilento

Ore 21.30 – Piazza dei Parlamenti
CONCERTO di musica popolare della Compagnia Daltrocanto con Paolo Simonazzi, Mimmo Morello, Mhiretu Ghide

1 agosto

Ore 18.00/24.00 – Piazza dei Parlamenti
ESPOSIZIONE di costruttori di strumenti popolari, artigianato di qualità e prodotti tipici

Ore 20.00 – Piazza dei Parlamenti
ESIBIZIONE suonatori e costruttori provenienti da tutta Italia:
Mimmo Morello, zampogna a paro (Calabria); Sergio Di Giorgio, zampogna a chiave (Calabria); Sebastiano Battaglia, zampogna di Cardeto (Calabria); Kiepò, zampogne del Cilento; Quintetto Symphònia, zampogne della Costa d'Amalfi; Paolo Simonazzi con Patrick Novara, ghironda e piva emiliana (Emilia Romagna); Giovanni Floreani, musette francese (Friuli); LassatilAbballari, zampogne della Sicilia

Ore 21.30 – Piazza dei Parlamenti
CONCERTO di musica popolare del gruppo siciliano Nakaira


Risposta Condividi


[243]   
Da: Parulana 
  Re: segnala un evento
[08-08-2010]  
Oggi vado con l'Irpino a Montorio nei Frentani a vedere il Tratturo e domani lì vicino, a Larino nei Frentani (CB), dove ci hanno promesso... 'a Paranza d'O LIONE!!! quest'anno non l'ho ancora visto, in Emilia viene tutti gli anni, ma quest'anno ce l'hanno fatto desiderare... così vado ad inseguirlo per la penisola, e non è facile, perchè non ho trovato un solo sito che contenga tutte le sue date... Anzi ero un po' preoccupata, perchè notizie discordanti me lo davano nello stesso giorno ad Accadia FG e a Larino CB (che abbia acquisito il dono dell'ubiquità? che ci sia in giro una banda di clonatori che fabbrica i "falsi-Lioni" come le borsette?...) Ma ho telefonato all'organizzatore di Larinetnica che mi ha assicurato che O LIONE a Larino c'è!!!!!
Qualcuno di voi ci va? Così, tanto per riconoscersi (che non ci siamo mai visti di persona, ho solo visto una volta Melchiorre esporre i suoi strumenti a Bellaria, ma sono stata timida- non si direbbe, eh?- e non mi sono presentata...) e salutarsi... ;)

Risposta Condividi


[244]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: segnala un evento
[09-08-2010]  
Hai visto Melchiorre e te ne sei, giustamente, tenuta a distanza, qualcuno da lassu' ti ha protetto, non sai che salvata ti sei data.

Risposta Condividi


[245]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: segnala un evento
[10-08-2010]  
a larino invece ci siamo abbracciati e baciati
con Mascia e Remì.....poi farò un resoconto
dettagliato a fine estate....
comunque Tizià, non ti preoccupare.....neanche un morso.......

Risposta Condividi


[246]   
Da:  
  Re: segnala un evento
[10-08-2010]  
segnalo due eventi prossimi, in Calabria

Kaulonia Tarantella Festival (Caulonia - Reggio Cal.) dal 24 al 28 Agosto

Tarantella power (Badolato - Catanzaro) dal 23 al 27 Agosto.

Un caro saluto a tutti
Loredana

Risposta Condividi


[247]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: segnala un evento
[11-08-2010]  
probabilmente eri sazio

Risposta Condividi


[248]   
Da: RonnaPaulina e l'Irpino 
  Re: segnala un evento
[11-08-2010]  
Lasciando proprio a malincuore i Frentani, poichè segnalo che oggi a Bonefra c'è una interessantissima giornata di approfondimento e studio sulla tammorra (con stage e laboratorio tenuto da Raffaele Inserra) e sulla tarantella di Montemarano (mannaggiammè mannaggia! averlo saputo prima!!!),
segnalo altresì che comunque ad Arsita, nell'entroterra dolce collinoso teramano , dove ci recheremo stasera, oggi 11 agosto si tiene la terza giornata della rassegna Valfino al canto, che nei giorni scorsi ha visto la partecipazione anche dei cantori e suonatpori della Val di Caffaro; c'è qualcuno di voi???

il programma di questa sera 11 agosto:


ore 17.00 – Incontro pomeridiano nella piazza della chiesa:

Puccazze, Pucchelle, Mammoccie e Pantasime, Il ballo della pupa:
tradizione e mistero, incontro con Massimo Piunti e Silvia Di Gregorio

Formule Magiche nel mondo contadino abruzzese dalle registrazioni di Diego Carpitella.
Presentazione del libro Musiche tradizionali in Abruzzo. Le registrazioni di Diego Carpitella in provincia di Chieti (1970), a cura di Domenico Di Virgilio, Squilibri Editore, 2010.
Incontro con Domenico Di Virgilio (Archivio Etnolinguistico Musicale Abruzzese) e Annunziata Taraschi (Associazione Bambun)

alle ore 21.00

APERTURA DELLA FESTA
con le Pupazze in cartapesta di Massimo Piunti e Silvia Di Gregorio, ingresso per le vie dei gruppi ospiti guidato da Li Tamurrë di Pretara:

Suonatori dell'Acquasanta – tamurrë e ddu bbottë dall’Alta Val Fino
Li Sandandonijrë di Penna S. Andrea – canti di questua, ballate e serenate dalla Valle del Vomano
Li Tamurrë di Pretara - piffero, ‘rancasce e tamburi dalla Valle Siciliana
La luna ‘mbriaca – Associazione indipendente suonatori cerquetani e Giacomo Mastrodascio, Antonio Leonardi, Elia Di Cesare – canti e balli di Cerqueto e dell’Alta Valle del Vomano
A’ ssaltarella e Giannina Malaspina – canti da Civitella del Tronto e dalla Val Vibrata
Saltarello amatriciano – ciaramelle e balli dall’Alta Sabina
Forró Do Dendê - musica contadina del Nord-est del Brasile
Gallina La Lupa – psycho-musette orchestre da Parigi
La Menina sin Nombre – da Parigi alla Transilvania musiche senza nome
Lez Enkombrants – fanfara approssimativa - Parigi
Anfarti - musiche per la danza e canti dalla Corsica
Penne folk – dalla valle del Tavo
Nicola Violante e Domenico Di Martino detto “Mimì” – canti e sonate da Bisenti
Quattro per quattro – musiche per il ballo dalla Val di Sieve

ore 21.30-24.00 – Suonate a ballo alla piazza della chiesa con:
Li Tamurrë di Pretara – repertorio rituale e da ballo
Il saltarello amatriciano
Forró Do Dendê – baião, coco, rojão, quadrilha, xaxado e xote dal Nord-est del Brasile
I suonatori di ddu bbottë delle valli teramane: Antonio e Guido Del Papa, Arnaldo Di Gennaro, Gabriele “lu cellarottë”, Giacomo e Paolo Mastrodascio, Donato Di Stasi, Danilo Di Casmirro, Domenico Di Martino detto “Mimì”, Nicola Violante

ore 24.00 - Ballo della pupa pirotecnica

Nei pressi dell’alba, Laboratorio polymusicale notturno guidato da Kouzmienko

Nei tre giorni della festa saranno visitabili i Percorsi d’Ascolto del Centro Flurijì – per la ricerca sulla musica di tradizione orale nelle valli orientali del Gran Sasso. Negli spazi del paese saranno attivi un Laboratorio di Costruzione della pupazza abruzzese tenuto da Massimo Piunti e Silvia Di Gregorio (8-11 agosto, intera giornata), un Laboratorio di liuteria, un Laboratorio-mercato di strumenti artigianali (millepiedi, tamburelli, vurrë vurrë, trik balak) di Enzo Di Silverio, Le voci del vetro di Marco Rodomonti (9-11 agosto, durante la festa)

Il centro storico del paese (dall’imbocco del corso fino al “gomito” dopo il Museo del Lupo) è a disposizione per i gruppi musicali invitati e presenti nel programma, ma è vietato a gran casse, tamburi e rullanti (ad eccezione di indicazioni diverse da parte della direzione artistica), per permettere l'espressione del canto nelle diverse forme di tradizione. L'uso dei rullanti e di strumenti con membrane metalliche o plastiche è comunque sconsigliato; si raccomanda a tutti di mantenere, soprattutto con gli strumenti percussivi, un volume sonoro rispettoso degli altri e della festa.

I gruppi spontanei che desiderano partecipare alla festa sono pregati di contattare preventivamente la direzione artistica della manifestazione (331.9630236, 349.2952274)

In concomitanza con “Valfino al canto” si svolge la sagra del “coatto” un antico piatto pastorale a base di carne di pecora bollita con particolari spezie



--------------------------------------------------------------- -----------------
Un gran saluto a Tiziano e Melchiorre (bbboni, state bboni...)



Risposta Condividi


[249]   
Da: l'Irpino 
  Re: segnala un evento
[11-08-2010]  
Scusate... ad integrazione per quel che riguarda Bonefro, specifichiamo meglio:

COMUNE DI BONEFRO (CB) ASSESSORATO ALLA CULTURA
Assessore alla Cultura dott.ssa Cludia Lalli Responsabile Ufficio Cultura Assunta Rinali
Direzione artistica associazione culturale “Alberi Sonori“

presenta

11 12 13 AGOSTO

EFROFESTIVAL 2010
“Il Borgo che si racconta Cantando”
Terre in musica….Voci di popoli

1° Rassegna di Musica Etno – Popolare

I SENSI DELLA TRADIZIONE
Paesaggio, Sapori, Profumi, Musiche, Danze

PROGRAMMA DETTAGLIATO

GIORNO 11

I SEMINARI E I LABORATORI AL CONVENTO “SANTA MARIA DELLE GRAZIE”
Via Monte di Dio
(gratuiti)

ORE 14:30
I balli dell’Italia centro meridionale (salterello, ballar ella, ecc…) a cura di Francesca Sara Spallone. Partire dal Molise per ripercorrere gli stili e i cambiamenti avvenuti nelle danze del cuore dell’Italia.

ORE 16:00
La Tammurriata dei Monti Lattari.
Seminario sulla tammorra a cura di Raffaele Inserra
Seminario sulla danza della Tammurriata a cura di Hiram Salsano e Catello Gargiulo
ORE 17:30
La Tarantella calabrese a cura di Cinzia Minotti.
DALLE ORE 15:00 (per bambini dai 7 anni in su)
La Corte dei Commedianti a cura di Francesco Rescio.

TUTTI NEL BORGO IN
PIAZZA MUNICIPIO

ORE 19:00
Gli artisti di strada…in strada.
Il borgo si veste di toni magici con Saltimbanchi, Fachiri, Mangiafuochi, Giocolieri e Cantastorie a cura della compagnia di Specimen Teatro.

ORE 20:30
I Guje (Molise – Guglionesi).
Riecheggiano al tempo dei potenti bassi dei bufù di Guglionesi canti e stornelli di Terra Molisana, accompagnati dalle danze di coppie che si colorano di tessuti e pizzi tradizionali.

ORE 21:30
Raffaele Inserra, Catello Gargiulo e Hiram Salsano (Campania – Monti Lattari)
ORE 22:30
I Virtuosi della Tarantella (Paternopoli – Montemarano)
Antonio Boccella, Angelina Biancardo, Giuseppe Boccella, Antonio Cresta, Luca Cresta, Penta Michele.

A CHIUSURA RONDE SPONTANEE


Risposta Condividi


[250]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: segnala un evento
[11-08-2010]  
noi scherziamo e' chiaro Pierfilippo potrebbe essere il mio fratello grasso

Risposta Condividi


[251]   
Da: Irpino  
  Re: segnala un evento
[02-09-2010]  
Le ciaramelle amatriciane e le zampogne italiane. Studi, seminari concerti
Amatrice Rieti 3-5 settembre 2010.
Amatrice è, tra i luoghi delle zampogne, quello che ha conservato uno strumento che continua ad eseguire un repertorio particolarmente arcaico.Le ciaramelle amatriciane sono nel panorama delle zampogne italiane quelle che non hanno un uso connesso alle feste del Natale, mentre è tuttora vivo il loro utilizzo per le nozze. L’intento di queste giornate è quello di far incontrare strumenti provenienti da varie parti d’Italia. Per questa prima edizione le zampogne ospiti sono quelle siciliane, calabresi e bergamasche. Le pive del nord saranno presentate dal prof. Febo Guizzi (Università di Torino). Uno spazio viene anche dato alla musica d'autore con la zampogna, ci sarà infatti la partecipazione di Piero Ricci, di Goffredo Degli Esposti e di Alessandro Mazziotti. L’incontro è non solo tra gli strumenti che potranno essere ascoltati in concerto, o per i vicoli di Amatrice, ma anche tra gli etnomusicologi che questi strumenti hanno studiato.

PROGRAMMA

Venerdì 3 settembre
dalle ore 16.00 alle 24.00 - Fiera degli strumenti e dei prodotti artigianali
ore 18.00 - Presentazione della Mostra a cura di: Antonietta Caccia, Presidente del Circolo della Zampogna e responsabile del “Centro Italiano della Zampogna” e della “Mostra Permanente di zampogne e cornamuse italiane e straniere” di Scapoli (IS); Mario Sarica del Museo Etnomusicale di Gesso (ME)

Sabato 4 settembre
dalle ore 9.00 alle 24.00 - Fiera degli strumenti e dei prodotti artigianali
ore 10.00 - (ex chiesa S.Giuseppe)
Incontro di studio sul tema “Le zampogne in Italia: organologia e repertori”, intervengono:
prof. Febo Guizzi (Università di Torino)
prof. Giancarlo Palombini (Università di Perugia)
prof. Enzo La Vena (Università di Bologna)
dott. Mario Sarica (Museo etnomusicale di Gesso ME)
ore 15.30 - (ex chiesa S.Giuseppe)
Tavola rotonda sul tema “Le zampogne in Italia: sviluppi e nuove funzioni”, partecipano:
Febo Guizzi, Giancarlo Palombini, Enzo La Vena, Mario Sarica.
dalle ore 17.30 alle 19.00 - (Portici Comunali)
Seminario di saltarella amatriciana a cura del gruppo Ma-tru (con il contributo teorico di Pino Gala).
dalle ore 17.30 alle 19.00 - (Portici Comunali)
Seminario di tamburello stile amatriciano a cura di Franco Moriconi
ore 19.00 - (P.zza Cacciatori del Tevere) Laboratorio Gnocchi Ricci
ore 21.00 - (P.zza Cacciatori del Tevere)
Festival musicale della zampogna: concerto - “Esecutori tradizionali”
– La zampogna siciliana (a cura di Mario Sarica)
– Le zampogne calabresi (a cura di Enzo La Vena)
– Le ciaramelle (a cura di Giancarlo Palombini)
– Le pive del nord a cura di Febo Guizzi)

Domenica 5 settembre
dalle ore 9 alle 19.00 - Fiera degli strumenti e dei prodotti artigianali
ore 10.00 - (ex Chiesa S.Giuseppe) Rassegna editoriale sul tema organologico
ore12.00 - (P.zza Cacciatori del Tevere) Laboratorio Gnocchi Ricci
dalle ore 15.00 alle 17.00 - (Portici Comunali) Seminario di saltarella amatriciana a cura del gruppo Ma-tru e seminario di tamburello stile amatriciano a cura di Franco Moriconi
ore 17.30 - (ex Chiesa S.Giuseppe)
“Amatrice te ne recordi com’era” Viaggio nel passato di Amatrice
ore 21.00 - (P.zza Cacciatori del Tevere) Festival musicale della zampogna: “Invenzione e reinvenzione” con: Goffredo Degli Esposti, Alessandro Mazziotti, Piero Ricci.


a cura di Marzio Mozzetti su:
http://www.amatricenews.it/apri_news.asp?id_news=88&offset=60



Risposta Condividi


[252]   
Da: Valerio Filippi 
(Roma)
  Re: segnala un evento
[04-09-2010]  
Il Saint Louis College of Music presenta

seminario di Francesco Loccisano sulla
CHITARRA BATTENTE
Mercoledi 8 settembre ore 17
presso la sede del Saint Louis di via Urbana, 49

Info e prenotazioni
Tel. 06 4870017 info@slmc.it
euro 20,00





FRANCESCO LOCCISANO, BIOGRAFIA
Inizia gli studi di chitarra all’età di nove anni, a dieci forma il suo primo gruppo con il quale svolge un’intensa attività concertistica in tutto il sud Italia. A 22 anni sotto la guida del Maestro Salvatore Gullace consegue il Compimento Inferiore presso il Conservatorio di Musica di Cosenza. Intraprende gli studi di Chitarra Flamenca a Sevilla attraverso la frequentazione di musicisti e luoghi popolari dell’Andalusia. A seguito di un’attività di ricerca e composizione con diversi musicisti del panorama della musica popolare calabrese si avvicina ad alcuni degli strumenti tradizionali (tamburello, organetto e chitarra battente), con particolare attenzione alla chitarra battente, sulla quale apporta modifiche strutturali e sviluppa uno stile personale di composizione. Nell’ambito della musica di ricerca calabrese incide come chitarrista e arrangiatore diversi lavori discografici e partecipa ai più importanti festival e rassegne di musica etnica (Sanremo 2008, Womad, Tarantella Power, Festival dello Stretto, Paleariza, Sfinks, Stimmen, Premio Matteo Salvatore, Bardentreffen e altri). Nel 2005 ha accompagnato Pietra Montecorvino nel tour Napoli mediterranea in Italia, Spagna e Francia. Per il teatro ha composto le musiche della commedia brillante “Il Droghiere”, testo di Giorgio Salieri e “IL SONNAMBULO” di Bruno Papalia, prodotti dal Gruppo Spontaneo di Bovalino. Per la televisione ha collaborato come chitarrista alla realizzazione della colonna sonora del film “IL PADRE DELLE SPOSE”, regia di LINO BANFI e musiche di Eugenio Bennato. Attualmente collabora come chitarrista e arrangiatore con Eugenio Bennato, con il quale ha suonato nei più importanti festival di World Music.


LAVORI DISCOGRAFICI:
Mimmo Cavallaro: ”Sona Battenti”; Quartaumentata: “Navigando”; Quartaumentata: “Abballamu cu ventu”; Arlesiana Chorus Ensemble: “En clave negra”; Taran Khan: “Albjonica”; Zona Briganti; Eugenio Bennato: “Sponda Sud”; Eugenio Bennato: “Grande Sud”; KarakoloFool; Scialaruga: Colonna sonora per il film “LIBERARSI.Figli di una rivoluzione minore”, Regia di Salvatore Romano; Colonna sonora per il Video Realizzato dall'Associazione Don Milani di Gioiosa Jonica e prodotto dalla Provincia Autonoma di Trento” LUNGO LE STRADE DELLA LEGALITA'.”



Cenni storici e teorici sulla chitarra battente


La Chitarra Battente: Parente stretto delle chitarre rinascimentali e barocche, che si presentano pero più sovente con il fondo piatto o solo lievemente bombato, lo strumento è stato adottato dalle popolazioni del centro e del sud Italia e rivisitato da queste nel corso dei secoli, fino ad assumere caratteristiche e modalità d'uso autonome rispetto al modello storico, di indubbia origine colta. Oggi essa è detta anche chitarra Italiana in contrapposizione alla chitarra "classica" che importata solo alcuni secoli fa dalla Francia, viene indicata con il termine di chitarra Francese.
La Chitarra Battente ha la forma simile a un otto allungato, le spalle hanno una lunghezza prossima a quella della pancia. Viene utilizzata prevalentemente come strumento di accompagnamento eletto al canto, grazie alla sua sonorità cristallina e ricchissima di armoniche che ben si lega al suono tenuto della voce.
Tra i costruttori Italiani di chitarre battenti Matteo e Giorgio Sellas furono i più attivi della prima metà del seicento, infatti si possono ammirare sia al museo Ashmolean di Oxford che al museo Fitzwilliam di Cambridge alcuni modelli ancora in ottimo stato di efficienza.
La presenza di un altro liutaio inglese del 1600, Jacobus Stadler, dimostra che la diffusione questo strumento non era limitata al solo centro e sud Italia, alcune delle sue chitarre “battenti” sono infatti depositate al museo di London Hill, una delle quali risulta particolarmente raffinata nella costruzione con raffigurazioni di scene di caccia sia nel fondo che nelle fasce.
La famiglia di liutaii italiani che ha saputo tramandare la tradizione dalle sue origini è quella dei De Bonis di Bisignano (CS). Attivi finora nella costruzione sono i Fratelli Costantino e Vincenzo. Rosalba, figlia di Costantino, sarà la depositaria di una tradizione che dura ormai più di 400 anni.
Alcuni cenni teorici
Le corde della chitarra Battente sono dieci, 5 cori da 2, ma si trovano configurazioni con 5 corde (4 + scordino) e 15 (3+3+3+3+3). Le corde sono metalliche e di spessore pressochè uguale (0,09 - 0,11) e regolate su tensioni diverse per ottenere la seguente accordatura:
MI
SI
SOL
RE (accordata un ottava sopra rispetto alla chitarra francese)
LA (accordata un ottava sopra rispetto alla chitarra francese)
Tutte le corde si ritrovano nell'ambito della stessa ottava producendo un suggestivo effetto cluster.


IL FUTURO DELLA CHITARRA BATTENTE “ITALIANA”
Si tratta di uno strumento di grande pregio in Calabria, grazie alla tradizione popolare.
E’ possibile, però, espandere la diffusione territoriale e l’interesse verso questo capolavoro di liuteria chiamando in causa più soggetti con lo scopo di realizzare una forte polarizzazione nei confronti della chitarra battente e delle sue particolari tecniche esecutive, proponendolo sia come depositario di una tradizione che affonda le sue radici nel rinascimento colto, sia come possibile riferimento di nuove composizioni contemporanee che sfruttino il fascino arcano di questo nobile strumento musicale. Un’operazione di questo tipo non può avvenire senza il coinvolgimento dinamico e attivo di più enti sensibili ai fenomeni socio-culturali al cui capo devono per forza stare le strutture didattiche di formazione e di specializzazione musicale nello sforzo congiunto di non lasciar cadere nell’effimero del tentativo personale un tal progetto di riabilitazione di un patrimonio proveniente dal passato che potrebbe riservare conseguenze positive di non trascurabile peso e dagli imprevedibili sviluppi.




**
Ufficio Stampa Saint Louis
Giorgia Mileto

Mobile +39 320 3323236
Ph. +39 6 4870017
ufficiostampa@slmc.it


www.odiolestate.it
www.jazzscool.it
ww w.slmc.it
www.jazzcontest.it
www.saintlouismanagement.eu
**







Risposta Condividi


[253]   
Da: Associazione Culturale Gentes 
(Bisignano(CS))
  Re: segnala un evento
[11-09-2010]  
5° Raduno Suonatori di Organetto ed altri strumenti tradizionali, il raduno si svolgerà il 16 Ottobre a Bisignano(CS), in occasione dei Festeggiamenti della Madonna di Costantinopoli, possono partecipare tutti gli appassionati e i suonatori di organetto e di altri strumenti tradizionali come la zampogna, tamburello, chitarra battente, ciaramella ecc. Durante la serata "A Quararella" sagra enogastronomica bisignanese.

16 ottobre 2010 - Ore 19:00 - Rione Santa Croce - Bisignano(CS)

http://www.associazionegentes.com
email: info@associazionegentes.com






Risposta Condividi


[254]   
Da: alfonso 
  Re: segnala un evento
[13-09-2010]  
17-18-19 Settembre-2010

Soffi d’Abruzzo
VIII° festival dei suoni del Vento

e

VI° Incontro degli zampognari italiani a
Chieti e ..altrove,

Venerdì 17
ore 18,30 Chieti

presentazione del 2° volume “Ciclo della vita dal sorgere al tramonto
con intervento degli autori: F. Stoppa, U. Di Gregorio

ore 20,oo Concerto del gruppo siciliano Kalamos”
ore 20,30 Cena e………………………..

Sabato 18

ore 9,00
Transumanza zampognara
dall’Adriatico alla Majella ( Chieti Scalo-TarantaPeligna)

transumando in pullman per:
Civitella M.R., Lama dei Peligni, Taranta Peligna,( Palena)

ore 13,30-14,00 Pranzo conviviale a Taranta “Ottagono”Località acque vive
ore 17,00 Musica zampognara nei dintorni di Taranta
(Lama dei P., Palena,Taranta)

ore 20,30 Chieti Scalo Piazza Marconi
“Zampognari italiani in concerto” con le zampogne di:

Calabria (Scalea, Cardeto)
Campania (Polla, Salerno, Napoli)
Lazio (Cassino, Ardea,, Alatri,)
Liguria (Genova)
Molise (Boiano, Scapoli, San Polo Matese,San Vincenzo al Volturno)
Piemonte (Torino)
Puglia (Monopoli, Trani, San Giovanni Rotondo, Monte Sant’angelo)
Sicilia (Galati Mamertino)
Veneto (Pederobba,)
Abruzzo (Chieti,Cepagatti Civitella del T. Penne, Pianella, Sulmona
Luco dei Marsi-Lanciano, Giulianova)

ore 22,oo Cena e……………………….

Domenica 19

ore 9,30 Chieti alta villa comunale
musica zampognara a spasso
ore 12,oo Piccolo concerto degli zampognari italiani
(villa comunale Piazza G.B. Vico)

ore 13,00 Pranzo conviviale e……………….
ore 16,30 Musica zampognara in chiesa
ore 20,30 concerto compagnia ” DALTROCANTO


Risposta Condividi


[255]   
Da: mimmo 
(Lanciano)
  Re: segnala un evento
[11-10-2010]  
L'Associazione "Terre del Sud" organizza a Lanciano (CH) il secondo "Laboratorio di Canto di Tradizione Orale", condotto da Gabriella Aiello.
Sala conferenze del Palazzo De Crecchio - Via dei Frentani - Lanciano (CH)
Sabato 20/11/2010 - dalle ore 16,00 alle ore 18,00 e
Domenica 21/11/2010 - dalle 11,00 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 16,30.
Info e prenotazioni: info@terredelsud.biz - mimmo 328 3197922






Risposta Condividi