www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 23 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[241]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[25-03-2008]  
Abbasta ca la canna se sollazza
puro co ‘na sciancata e storta cozza,
se sei ramingo, nudo, spaisato,
te butti pe magnà sull’arenato!
Come si na lumaca la spojassi,
Pepp’apposta la cozza a li trapassi.
Sgagna quelo che po ‘na vorta o dua,
ma ariva, giuro, pur’ar trentadua;
ài voja a dì ch’è scarpa e poi ramazza,
la fame, fijo mio, poi la bellezza.
Dice er proverbio: Chi nun magna, more!
Eccoli alfin gronnanti de sudore!...
Mostreno cenciolosi le vergogne,
(la puzza de la cozza ch’è, de fogne?)
tutto 'mbriacato ar tajo e d’ar fetore
come cera squajata, er Peppo more!...
Ma... chiude l'occhi e penza 'n tantinello
de stà co la Ferilli, o almen Mondello,
Bellucci o Cucinotta, e no co questa,
...ma è bbono a faje puro a lei la festa!
La cozza consapevole ma lesta
se crope co la rena e arza la vesta...
La vedi aripijallo su le braccia
e ‘r sor Peppin je puncica la faccia,
e trenta vorte vo' arifà quer gioco
'n bacio, ‘n sospiro, 'n urlo e, a poco a poco,
casca sfinito... ma carezza e abbraccia
quer corpo inerte: a lui je pare ‘n foco!!



Risposta Condividi


[242]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[26-03-2008]  

Pasqua nel Cilento

Ma quanti versi trovo su "sta chiazza",
dopo il breve soggiorno nel Cilento,
confesso che non poco m'imbarazza,
però mi fa piacere e son contento!
Stavamo a Novi Velia, sulla piazza,
con tanti suonatori di talento.
A Palinuro sono stato al mare,
nessuna intenzione balneare.

Dovendo a Novi Velia frequentare,
un seminario sulla ciaramella,
Sollazzo era il docente titolare,
dava lezione al suon di tarantella.
Non una attività particolare,
neppure una fugace scappatella,
abbiamo fatto solo canti e suoni,
il resto l'hanno fatto lampi e tuoni.

Putroppo quelle brutte condizioni,
il bel programma hanno condizionato,
con quelle forti precipitazioni,
al chiuso d'un locale sono stato,
tra piatti di lasagne e maccheroni,
un canto alla ciaramella ho imparato.
Pietanze fatte a base di capretto,
e vino rosso che faceva effetto.

Peppino di Rosa (PdR)

Risposta Condividi


[243]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[27-03-2008]  
Ecco che mo riapre 'sto balletto,
che doppo Pasqua li tempi so' più boni,
e devo di', de tutto quer ch'ho letto,
che 'n semo soli a scrivere canzoni.
L'irpino è ricicciato e l'Arfonsetto;
puro Tiziano mò ce fa sermoni.
Ma finarmente in tanti stornellamo,
che più tanti ne semo e mejo stamo.

Risposta Condividi


[244]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[27-03-2008]  
A sta staggione s'aràpe 'o ballett',
ca doppo Pasca li tiempi so' bbuoni,
torno a cantà cu zì Irpin' 'e strufett',
ca sò finiti li lampi e li tuoni.
Vaco cu Irpino a cantare na sera
sabbato sera, addò l’Arci ci sta:
Doppo magnato ‘na gran turtellà,
Cantammo allèri na “rillallallera”.
Dina (sta certo) vnarrà de corzèra
e comme a n’arilla se mette a sauta':
Anna na bella abballata se fa,
Ntunella cuntenta l’applaude sincera.
“Canta, io le dico, Ntunetta mia bella
piglia ‘a chitarra, mo pigliala, pì!
Canta cu ‘o core e cu chessa vucchella...”
Essa l’accorda e risponne accussì:
“Ma pitindù pitindù pitindella,
oi pitindum oi pitintella
Pitindù pitindù pitindella,
oi pitindum, e pitintà!”


Risposta Condividi


[245]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[31-03-2008]  
Domenica trenta marzo all'EUR

Ci siamo conosciuti di persona
con Pino Pontuali proprio ieri,
nel corso della lunga maratona
sul canto popolare e i suo sentieri.
Canta stornelli e l'organetto suona,
e fa conversazione volentieri.
Lo definisco un vero specialista
del canto popolare e musicista.

Avrei voluto fargli un'intervista,
ma era tutto preso dal lavoro,
presentatore esperto eppoi cronista
di chi cantava solo oppure in coro.
L'ho vissto salutare quell'artista
di Piccininno, degno dell'alloro,
tenace testimone di Carpino
venuto a Roma a farci un salutino.

Non c'era solamente il nostro Pino
il trenta a quella manifestazione.
Il vino, il pane, il cacio pecorino
d'Abruzzo e la sua bella tradizione.
Zampogne che parlavano latino
venute dal laziale Teverone.
Le realtà presenti erano tante,
Tomassi e la zampogna sua gigante.

La pizzica pugliese estenuante,
i Totarella e l'arpa di Viggiano,
Scapoli e la zampogna circostante
con tutto il mondo calabro-lucano.
Descrivo una giornata spumeggiante
col rischio di passare da ruffiano.
Se c'erano i tortelli di Paulina
n'avrei mangiati almeno una trentina.

Peppino di Rosa (PdR)

Risposta Condividi


[246]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[31-03-2008]  
Bravo er poveta, Peppo d’a Rosetta!
Avete stornellato: eccheve er vino.
Er Sotto ve risponne e v'arispetta...
ci avete rallegrà foro e cantino!...
E mò che questa recchia s’è aggiustata,
con la bontà de queste tarantelle,
la vostra panza è bell’e appreparata
pè lo sapore ‘e trentatrè tortelle!
Cantato aveto come vertolosi
so' i sonator de beni immateriali,
e quanto iocarelli e fascinosi,
masseme quanno sò tradizzionali;
cantato avete tante belle ‘mprese,
che fanno se al tiatro sò accocchiati,
Aveto fatto i vierzi 'n toscanese,
acchè ve 'ntennan tutti li confrati.
Me spiace de non essere venuto
sarei stato felice e conzolato
portandovi anch’io il mio saluto,
sarei stato contento e onorato!
Bravo er poveta, lo Peppin di Rosa,
aveto meritato questo vino.
Er Sotto v'arispetta e s’ariposa...
Ci avete rallegrà foro e cantino!...


Risposta Condividi


[247]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-04-2008]  
Ce so' rimasto come un manichino
quanno Peppin de Rosa ho conosciuto;
lo 'mmagginavo austero e canterino
e invece all'istante m'è piaciuto.
E l'ho sentito morto più vicino
de tanti che frequento 'gni minuto.
L'ho visto co' la moje lì ar suo fianco,
mo l'ho capito perché 'n è mai stanco.

E manco si lui stesse 'n mezzo ar branco
potrebbe rimanè 'no sconosciuto,
'ché cor suo viso bello aperto e franco
da tutti lui sarebbe benvoluto.
Perciò lo scrivo mò nero su bianco
che questo con orgojo lo saluto;
da oggi, ve lo giuro e ve lo dico,
so' contento d'avello per amico.

Ma mò lassamo perde' sto ber fico;
godemo la stagion che foglia e fiora,
che sveja er sentimento ben più antico,
ch'è quello che ce pija e c'innamora;
che renne er core morto più mendìco
e de la testa ce fa usci' de fora.
Me sento er core morto più gentile.
Giuro che questo 'n è 'n pesce d'aprile !

Risposta Condividi


[248]   
Da: Tiziano 
(roma)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-04-2008]  
E' proprio oggi che d'Aprile è er pesce
se sveja ingalluzzito e fora esce
leggendo er caro Pino me so' accorto
che sto' ricordo era mezzo morto
a scola se tajava cor cartone
un pesce grosso come un mattone
e poi se cercava er più cojone
e je l'appiccicavi sur groppone.
e fino a che arivava l'ora che se esce
girava co' sulla schina er pesce

Risposta Condividi


[249]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-04-2008]  
Il brindisi del primo di aprile

Ho letto che l'Irpino il vino mesce,
e se lo beve alla nostra salute,
la cosa, appena appena, mi rincresce,
vorrei partecipare alle bevute.
Il brindisi a distanza non riesce,
perfino tra persone conosciute.
Vorrei brindare con del cannellino
con Pino, con Tiziano e con l'Irpino.

Peppino di Rosa (PdR)

Risposta Condividi


[250]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-04-2008]  
Lo sai che sto co' te, caro Peppino,
come pure lo stesso co' Tiziano,
ancora nun conosco quell'Irpino.
Potremmo beve' er montepulciano,
oppure de Scansano er morellino,
e perché no ? Quell'artri mano amano;
bevemeseli tutti e così sia,
a la salute vostra e a la mia.

Risposta Condividi


[251]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-04-2008]  

ammazza che gentaglia, brava ggente..
ma proprio raffinati, bella robba,
quanno ce sta da beve ammè gnente !
ve pozza arispuntà na bella gobba
ve pozza pijjà bono n'accidente !!
e allora dico come disse er mulo
e bravi a 'sti fottuti rotti in culo !
e se c'è quarcheduno che se 'ncazza
attacchete je dico a questa mazza
e se ce sta quarcuno che jje coce
s'annasse a ripijjallo 'ndelle cioce
e chiudo tosto avenno la certezza
d'avevve aritrattato con dorcezza..



Risposta Condividi


[252]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[01-04-2008]  
E tu ce manni mille e cchiù accidente?
Ce dice 'o stesso ca dicette o mulo?
E tu ce dice, Alfò, sì caramente
ca simmo nuje futtuti e rutti 'nculo?...

Tanta è la gelusia ca tieni ‘n core?
Ma guarda cumme strilla, tiene mente!
Vurria ca n' uocchio te sautasse fore,
t’ammo rummasto asciutto, Alfio pezzente!
E tu sturnielli chino d' abbrusciore
Ca ogni vierzo tuoio è sì fetente;
E si cantassi, po', pe cchiù delore,
ca te cada la lengua e pur’o dente!
Vurria, Alfò, ca quanno tu magnasse
ca l’appetito tuojo jesse a chiunzo;
cu nuje a la cantina tu venisse,
ma rummanisse asciutto... comm’a strunzo!


Risposta Condividi


[253]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[02-04-2008]  
Ma qui se sta a raschia' dentr'ar bigonzo !
Che 'd'è 'sto fatto de pija' d'aceto ?
Po' esse' che se 'ncazza pure Arfonzo ?
ma si se 'ncazza noi je famo 'n peto.
Nessuno mai j'ha detto che 'd'è gonzo.
E' mejo che se carma e che sta cheto,
che, sarvognuno dico, putacaso,
nun me facesse anna' la mosca ar naso.

Risposta Condividi


[254]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[02-04-2008]  
a pijjanculo, a storti, a ossi de presutto !!
come ve permettete de dimme quest'e quello ?!
me carmo !? cheto ?! io sorto ! a quarti de vitello !!
ve dico: fortunati, ch'er foco non ve butto,

ma ve rendete conto che quà l'offesa è grave ?
m'avete fatto "cippe" lassànnome all'asciutto !!
nun v'è onta piu vile e grossa quanto 'n trave
perciò 'nc'avete scuse, ve meritate tutto !

l'apocalisse, haimè, l'urtima soluzione,
nun posso fanne ammeno, pè vostra aredenzione,
e come disse er Belli, passanno a Ponte Milvio,
"allora siete tutti, ognun, figli di Silvio"

Risposta Condividi


[255]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[02-04-2008]  
Ma Alfò, bevete, e annatece leggero,
venite a fà co Pino sta bevuta,
qui nun ce vò domanna ar ministero,
quella di quest’amichi è ‘na battuta,
e de Peppin di Rosa quer mistero
è ‘na dimenticanza che ci ha avuta;
disgrazzia dell’Irpì è d'esse sincero,
e quarche sua imprudenza è arisaputa.
Un'ariscallatura de cervello...
(sarà l’età, saran le serenate),
un vedo er caso de pijà er cortello...
p’er vino misturato: rigazzate!
Nnamo, Fofò, voi fatece er Padrone,
e voi, compar Pontuali, che je date
contro de Silvio sdegno e opposizzione,
fàtece er Sotto, purché poi sonate!
Mo (penzo) rifiatato avrà la Musa,
ed io ve do la corda, e non vi dolga,
Peppin di Rò, brindate come s'usa,
pe' non potè sentì: «Peste lo colga!»
Bevi, Tizià, se la bottiglia è chiusa
aprine ancor: nisuno te distolga!
Che lingua e metro ho adesso da cambià
tra due minuti, n’antra vorta quà...


Risposta Condividi