www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 23 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Giancarlo Petti 
  Costruttori di flauti di canna.
[06-07-2007]  
Vogliamo provare a fare un censimento dei costruttori di flauti di canna, magari per Regione?

Risposta Condividi


[241]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  
Ciao a tutti!
A Michele che scrive: "Ho fatto uno strumento e ho notato una cosa: cambiando diverse zeppe ( in fico) ottengo friscaletti con una potenza sonora differente, come faccio ad omologare la potenza sonora dello strumento?", ed a Calogero che: "secondo me dipende dal volume che si forma tra canna e zeppa", vorrei ancora una volta quello che ho sempre sostenuto:
ogni flauto è una storia a parte!

E' difficilisssimo standardizzare misure, tonalità, potenza, timbro!

Nel caso specifico, Michele ha messo il dito nella piaga: Come mai lo stesso strumento si comporta diversamente solo cambiando zeppa?

La risposta è una sola: il meccanismo Zeppa-Canaletto è fondamentale, delicato e sensibilissimo anche a piccole variazioni della forma, per cui anche due zeppe che sembrano uguali, danno una resa dello strumento diverso.

Per questo vi dico che quando uno strumento vi sembra "non perfetto", fate ulteriori tentativi di recuperarlo, semplicemente cambiando zeppa!

Dipende si dallo "spazio" o meglio dall'ampiezza del canaletto, ma anche dalla forma impressa allo stesso dalla modellazione della zeppa: in salita, in discesca, incavata, arrotondata, da quanto è stata levigata, da come il flusso d'aria "taglia" lo scivolo.

E' anche importante verificare, magari cambiando legno, le eventuali differenze.

Saluti, Giancarlo.


Risposta Condividi


[242]   
Da: giancarlo 
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  
Due foto di friscaletti in Do, da me realizzati.














Saluti.

Risposta Condividi


[243]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  
ma qualcuno di voi ha avuto esperienza con flauti.. curvi come questo bell'esemplare in Fa della mia collezione ? la difficoltà aumentano in questi casi ?






Risposta Condividi


[244]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  
michele mi ha spiegato come inserire le immagini!!!!
ecco la foto di un mio friscaletto








Risposta Condividi


[245]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  







Risposta Condividi


[246]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  







Risposta Condividi


[247]   
Da: Calogero 
(Licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  





accetto qualsiasi commento!!!

Risposta Condividi


[248]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[18-02-2008]  
ciao Calogero, quanta grazia!!! sono molto belle anche perchè si vedono i particolari..

mi sono permesso di rigirare le foto in verticale così si vedono meglio, ok ?

Risposta Condividi


[249]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
Ciao Calogero.
Sono davvero molto belli.
Il suono com'è? L'accordatura?

Visto che hai detto: accetto qualsiasi commento e se proprio devo trovare dei difetti, dico che:
1)mi sembra un pò eccessivamente spazioso il canaletto dell'aria.
2)troppo corta la culazza.
3) la canna usata non è proprio bellissima (colorazione e qualche spaccatura, oltre ad un nodino del germoglio, che potevi fare capitare altrove.
4) I fori quasi tutti uguali, potrebbero significare due cose, o che sei troppo bravo e sai bene dove piazzarli o che lo strumento non è perfettamente accordato.

Sono sicuro però che non è questo il tuo caso: è un bellissimo strumento e quasi quasi ...lo compro per la mia collezione!!!!
COomplimenti davvero.

Saluti, Giancarlo!!!!

Ps mi sa tanto che devo ritirarmi e non scirvere più: siete tutti più bravi di me, ormai.


Risposta Condividi


[250]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
Ciao Alfonso.
Il flauto curvo del quale hai pubblicato la foto è molto bello!!!

Le tue foto sono sempre molto interessanti ed originali (vedi la tibia in osso, vedi i flauti sardi rivestiti in pelle di serpente, vedi le maghiette in osso, vedi la castagnette, vedi il flauto curvo), ma sarebbe ancora più interessante sapere dove e da chi sono stati realizzati.

Costruire un flauto curvo non presenta particolari difficoltà se non due:

1) E' difficile trovare una canna curva del diametro e delle dimensioni che cerchiamo, ma se ci accontentassimo di usarne una così come si trova, per fare uno strumento si bello od artistico, colorato, sagomato ecc. , ma in un atonalità e timbro "come viene viene", è tutto più semplice.

2) La verà difficoltà è che un flauto curvo non è mai uguale ad un'altro, per cui non si ha un riferimento da cui prendere le misure, in particolare la distanza tra i fori.
Spesso quindi si deve, ogni volta che se ne fa uno, forare "ad occhio", secondo la propria esperienza... e qui si vedono i duri!!!!

PS Mi dispiace non aver avuto la macchina fotografica, per lunghi periodi della mia vita.
l'ultima l'ho rotta, facendola cadere, il giorno di Natale. (450 euro persi), per cui ora mi trovo ancora una volta sprovvisto.

Saluti, Giancarlo.

Risposta Condividi


[251]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
Alfò coim'è fatto "l'anello ottonato" intorno al flauto?


Risposta Condividi


[252]   
Da: Edoardo Morello 
(Fiumara)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
dopo prove su prove.... errori e canne buttate, sono riuscito a realizzare un SISCO. ho utilizzato il vecchio becco del flauto dolce "scolastico" di mia figlia e ho realizzato il corpo in canna. E' infatti una caratteristica, anche se abbastanza recente, questa di utilizzare una parte di flauto dolce.
Non ho ancora potuto fare delle foto, ma quanto prima rimedierò.
La cosa che ho potuto notare è la facilità di salto di ottava, talmente facile che se non si dosa bene il fiato.... patatrac!! In questo è molto simile al flautino Irlandese.
Alle prossime!

Risposta Condividi


[253]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
Giancà, è un semplice filo di ottone di quelli che si trovano dappertutto per fare gioiellini, è annodato sul retro, ci tengo particolarmente a questo flauto e così ho pensato di proteggerlo un pò con quel filo, potrebbe essere utile a prevenire eventuali spaccature, forse l'ideale sarebbe stato usare del filo impeciato ma non l'avevo,

ma della curvatura non mi dici niente ?!?

Risposta Condividi


[254]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
Già lo spago impeciato è tipico delle launeddas, come hai avuto sicuramente modo di vedere qualche mese fa e viene proprio usato per il motivo che hai detto: irrobustire la struttura della canna e la sua resistenza, assorbendo eventuali urti o pressioni che potrebbero spaccare il fusto.
E' un pò quello che si fa in restauro architettonico sui pilastri, sulle colonne, sulle torri; si chiama incatenatura.

Anche il filo di ottone da te usato non è male.
Io lo uso nelle ance sperimentali di ciaramella che faccio.
Ci tengo unite le due lamelle di canna, in maniera da poter dare alle stesse una sagomatura, agendo sul filo metallico.
Un pò quello che succede nelle ance delle ciaramelle Sans.

Il flauto in questione, quello tuo della foto, è molto bello, però ripeto: quando puoi di chi lo ha realizzato e dove! (il grande zammarelli?)

...Alfò della curvatura ho detto qualcosa al post n.255, che purtroppo è gia passato all'altra pagina!

saluti.

Risposta Condividi


[255]   
Da: calogero 
(licata)
  Re: Costruttori di flauti di canna.
[19-02-2008]  
ad alfonso
grazie per i complimenti e soprattutto per aver sistemato le foto!!!!

a giancarlo
grazie per i commenti... povvedo subito a rispondere

1)mi sembra un pò eccessivamente spazioso il canaletto dell'aria.

secondo me realizzando l'entrata del canaletto un po piu larga si puo convogliare piu ari verso l' uscita del canaletto con una maggiore intensita e migliorare il suono (io non sono un fisico ma ad intuito credo che questo metodo funziona, anche perche lo strumento suona bene)

2)troppo corta la culazza.

la culazza in realta è veramente corta, pero ho da dire in proposito che non tutte le culazze le realizzo corte, questa è venuta cosi perche ho dovuto tagliare fino a quando non ho ottenuto la nota la accordata

3) la canna usata non è proprio bellissima (colorazione e qualche spaccatura, oltre ad un nodino del germoglio, che potevi fare capitare altrove.

se devo essere sincero a me piaceva cosi, la colorazione secondo me ravviva lo strumento.
la linea che vedi non è una spaccatura, ma una incavatura che si lega all'internodo ( la canna non è rotta)
per quanto riguarda al nodino...be a dire la verita, li non sono stato molto attento, pero dopo aver sentito come suonava....

4) I fori quasi tutti uguali, potrebbero significare due cose, o che sei troppo bravo e sai bene dove piazzarli o che lo strumento non è perfettamente accordato.

hai visto bene i fori sono QUASI tutti uguali, anche se da vicino le differenze di diametro si notano di piu... pero se guardi attentamente, piu a dedicarmi alla dimensione del diametro io penso soprattutto alla distanza che vi è tra un foro e l'altro..
mentre per quanto riguarda l'accordatura, io allargo il foro fino a quando, con l'auto di un accordatore digitale, non ottengo la perfetta intonazione per ogni foro.

onestamente avevo un po di paura a farlo vedere a degli esperti come voi..
cmq, mi sa che mi è andata a finire bene...

ps. non puoi ritirarti!!! anche perche secondo me ho ancora tanto da imparare!!!
ah, a proposito, ho un problema!!!
negli ultimi 2 friscaletti che ho realizzato mi è successo di accoradare tutte le prime 10 note (ossia fino al do alto per intenderci) poi quando sono passato al re alto (tutto vuoto) a seconda dell'intensita che usavo mi uscivano 3 note diverse : do diesis, re, e mi bemolle. in pratica non riesco a farlo suonare bene neanche cambiando zeppa!!!
so solo che tutti e due provenivano dalla stessa pianta. ora le cose sono 2: o sono io il problema o e la canna!!!
so che questa è una cosa un po strana ma a voi è mai successo qualcosa di simile?
ps. mi sto disperando!!! come ho tempo provo a farne uno utilizzando 1 altra canna.
a presto
calogero!!!

Risposta Condividi