www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Mercoledi 17 Gennaio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Vincenzo Cipriani 
  Musica popolare ..e liuteria
[07-12-2006]  
Ciao Alfonso,
la mia generazione, quella del dopo-guerra, ha vissuto l'oblio forzato della nostra musica. Personalmente mi sono battuto da sempre: il risultato che oggi mi sento un po' un Don Quijote de la Mancha......ma, nel vedere il video, mi è parso di scoprire un risveglio della nostra musica popolare e, ancor di più, della nostra fantasia.
Vincenzo Cipriani - Assisi

Risposta Condividi


[226]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[05-01-2010]  
7
Incollaggio della prima controfascia, ho usato il classico acero, perchè quelle originali mancavano.
Non fidatevi ciecamente di quello che faccio, alcune cose (quelle giuste) le ho apprese ascoltando o guardando attentamente gli altri, le altre sono farina del mio sacco. Ho comunque capito che si impara anche da chi sa meno di noi.
Lorenzo







Risposta Condividi


[227]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[08-01-2010]  
8
Preparazione degli angolari.
Il taglio curvo lo conoscete già?
L'ho eseguito prima dell'incollaggio delle controfasce.
Lorenzo







Risposta Condividi


[228]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[10-01-2010]  
9
Preparazione e incollaggio dell’asse di acero al centro del fondo. I pialletti sono stati provvidenziali sia nella preparazione del fondo che nello smusso dell’asse incollata.
Nella due fotografie, a sinistra, si possono notare, i tassellini di rinforzo delle giunte
Lorenzo







Risposta Condividi


[229]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[12-01-2010]  
10
Incollaggio della seconda asse di rinforzo.
Lorenzo







Risposta Condividi


[230]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[13-01-2010]  
11
Le fasce pronte per l’incollaggio del fondo.
Lorenzo







Risposta Condividi


[231]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[14-01-2010]  
Qui a Ponte Caffaro siamo in pieno carnevale. Questa sera andrò di nuovo a suonare le nostre musiche all'osteria con gli amici. Abbiamo suonato anche giovedì scorso.
Da noi si esce a suonare e ci si mette in maschera i lunedì e i giovedì dopo l'epifania. Carnevale finisce il martedì grasso.
Il mio gruppo è composto da sei violini due chitarre e due bassi. C'è anche un altro gruppo come questo che suonerà in un altro locale. Suoniamo gratis e gli osti ci offrono da bere e una merenda notturna; questo comunque non significa che siamo compagni di merende.

12
Il fondo con i rinforzi.
Lorenzo







Risposta Condividi


[232]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[15-01-2010]  
13, la bischerata.
Ho fatto tornire due bischeri di bosso. Uno dei due esistenti non è originale, la conicità non è perfetta, inoltre è più piccolo e di un altro materiale; ho preferito sostituirlo. Detesto i bischeri non originali.
Una curiosità: la pianta di bosso usata è del mio paese e ha oltre 35 anni.
I semilavorati preparati dal tornitore sono nella foto a sinistra; ho rifinito le palette con raspe di varie gradazioni e carta vetrata, foto a destra.
Col tempo si bruniranno come l’originale. Non mi va di brunirli in vapori di acido nitrico.
Lorenzo







Risposta Condividi


[233]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[17-01-2010]  
Maestro Pasquale
E’ da parecchio tempo che penso alla doppia chitarra costruita per il maestro Muccio.
Anche se personalmente preferisco due chitarre separate a una doppia mi devo complimentare con lei per la costruzione di questo strumento.
Bella la linea, i legni e le finiture ma quello che mi colpisce di più è quello che non si vede, quello che c’è dietro. Una chitarra doppia non è la somma di due chitarre, o meglio la difficoltà non è doppia, le difficoltà si moltiplicano per i problemi nuovi che nascono.
Gli strumenti, negli anni o meglio nei secoli, sono stati ottimizzati portando al limite tutti i materiali, dalle casse armoniche alle corde. Costruirne di nuovi, come in questo caso, vuol dire avere grande esperienza e soprattutto voglia di sperimentare. Invidio molto la sua maestria.

Alfonso
Voglio spezzare una lancia per quelli che amano gli strumenti belli, quelli, per intenderci, che cercano di abbellire o personalizzare i propri strumenti: i vanitosi dello strumento.
Penso, naturalmente, che il suono venga prima della forma, ma credo anche che tanti suonatori abbiano questa vanità e nel limite delle proprie possibilità cerchino di migliorarne l’estetica.
Io, tra i vari miei difetti, ho anche questa inutile vanità.
Voglio mostrarvi il violino che prediligo e uso normalmente; è stato costruito dal liutaio Claudio Orsi di Ponte Caffaro, con il doppio filetto della liuteria bresciana del cinque/seicento, il colore chiaro è stata una mia scelta.
L’ho personalizzato con una testina di un diavolo anziano al posto del ricciolo, con una tastiera di bosso intarsiato (alla maniera del Maggini) e una cordiera di bosso con un diavolone intagliato. Anche la mentoniera è di bosso.
Lo uso per le nostre musiche.
Lorenzo







Risposta Condividi


[234]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[17-01-2010]  
Il mio violino.
Lorenzo







Risposta Condividi


[235]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[18-01-2010]  
14
a) Posizionamento delle fasce, per tenerle rialzate e bloccate.
b) Incollaggio del fondo.
Lorenzo













Risposta Condividi


[236]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[31-01-2010]  
15
I chiodi nascosti sono nemici di scalpelli, sgorbie, rasiere e pialletti. Poi col tempo anneriscono il legno. Vanno tolti.
Cavarli è facile? A volte sì, difficile è non fare danni alla superficie.
Ho comprato un piccolo cava chiodi giapponese ma non è bastato; ho dovuto affilare, per la bisogna, una pinza Usag a cui avevo rotto il becco. Questa funziona meglio. Sulla tavola armonica sono state usate cinquanta semenzine da calzolaio.
Lorenzo







Risposta Condividi


[237]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[06-02-2010]  
16
Ho tolto i morsetti. Il bassetto è chiuso.
Non ho postato parecchie operazioni che ho giudicato ripetitive o anche inutili, ho pensato che chi è interessato queste cose le sa fare meglio di me.
Ora mi resta la finitura.
In questo periodo sono stato in contatto con un importante organologo per chiedere pareri e consigli; il bassetto potrebbe essere della prima metà ottocento.
lorenzo







Risposta Condividi


[238]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[08-02-2010]  
17
Preparazione del ponticello.
Attrezzi usati: sega, pialla, squadre, traforo, levigatrice.
Sto verniciando lo strumento a gomma lacca.
Ho rifatto la tastiera e la cordiera in noce e li ho finiti con olio tung.
Conto di finire per giovedì, se tutto va bene.
Lorenzo







Risposta Condividi


[239]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[09-02-2010]  
18
Incollaggio della tastiera. Conoscete già i morsetti a nastro con vite? Io li uso da poco ma vanno venissimo.







Risposta Condividi


[240]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[10-02-2010]  
19
Oggi il vitello ha emesso i primi vagiti.
I vecchi, da noi, chiamavano affettuosamente vitello il basso piccolo e vacca quello grosso, il più importante.
Oggi quelli che dicono: ho comprato il BMW o il Mercedes, il basso grosso, lo chiamerebbero toro, convinti che le cose valgano di più al maschile.
L’ho armato con corde di budello, accordato e suonato, i muggiti sono buoni e forti; sono soddisfatto della mia piccola vacca.

Vi saluto tutti, amici che mi avete seguito.








Risposta Condividi