www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 25 Giugno 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[226]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-02-2008]  
Caro Peppino, 'n so' se s'è capito
che 'n è questione de arti e ne de bassi,
e manco er desiderio era finito;
so' com' a tte, che la poesia te spassi:
me ce so' sempre pure divertito.
Però erimmio 'n due a tira' sassi.
Speravo ch'aumentasse compagnia
pe' da' più lustro a tutta la poesia.

Ma guarda come er monno tira via:
abbasta 'na quistione virulenta
che smorza quasi a tutti l'allegria.
'St'osservatorio pure a me me tenta,
anzi me ce so' scritto e così sia,
speranno de butta' bona sementa;
che tanto, caro Pe' tu ce lo sai
ch'è sempre er peggio che nun more mai.

Risposta Condividi


[227]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-02-2008]  
Me posso perdona' ne mo ne mai,
pe' questo mo nun me pija' sottocchio,
che nun t'ho chiesto s'hai finito i guai
ch'hai passato pe' corpa der ginocchio.
Si sei guarito so' contento assai,
potremmio festeggiallo co' lo scrocchio
de 'na cavola nova lì a la botte
bevenno vino fino a tarda notte.

Risposta Condividi


[228]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-02-2008]  

Per ora le lenticchie non l'ho cotte,
perchè va migliorando il mio "zampone",
le forze mie alquanto son ridotte,
cammino lentamente col fiatone.
Ma presto griderò "chi se ne fotte",
per fare, almeno, "il ballo del mattone",
visto che m'han vietato il saltarello,
con classica sentenza senza appello.

Peppino di Rosa (PdR)

Risposta Condividi


[229]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[21-02-2008]  
Nun so quant'anni tieni amico bello;
da come scrivi sembri il gran Boiardo
e pure ben dotato de cervello.
Nun è pe' ditte male, io me ne guardo,
io pure nu' lo ballo er sartarello,
pe' questo io nun so' meno gajardo.
Perciò statte tranquillo, 'n'ave' fretta,
'ch'er monno nun se move, è lì ch'aspetta.

Risposta Condividi


[230]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[03-03-2008]  

Ho messo qualche chilo di "pancetta",
ma voglio dare ascolto al tuo consiglio,
il medico m'ha scritto una ricetta,
ch'è lunga, pressappoco, mezzo miglio.
Per prima cosa dieta e bicicletta,
palestra e canottaggio sul "naviglio",
Queste con altre cose dovrò fare,
perch'io riprenda il tono muscolare.

Con questo resoconto epistolare,
rivolgo nuovamente un caldo invito,
a qualche cantautore popolare,
perchè ritorni dentro a questo sito,
per una sfida alquanto singolare,
dal gusto genuino e saporito,
scrivendo nella lingua nazionale,
versetti sull'italico stivale.


Oppure nella forma dialettale,
si può partecipare alla tenzone,
perchè trasmette in modo originale,
anche la più diversa sensazione.
Non voglio scivolare nel banale,
neppur vorrei peccar di presunzione,
ma son rimasto solo con Pontuali,
entrambi ci rompiamo gli stivali!!!

Peppino di Rosa (PdR)

Risposta Condividi


[231]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[04-03-2008]  
E' vero: siam rimasti tali e quali;
agli artri più non piace la tenzone,
oppur economizzano gli strali
per ammazzar chi nun sente ragione,
cor suono de strumenti musicali,
a corpi de mazurca e de trescone.
Mo aspetto che se carmi la buriana.
S'arisentimo tra 'na settimana.

Risposta Condividi


[232]   
Da: gianluca zammarelli 
(roma)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-03-2008]  
non so se lo risponne è cosa sana
perchè il forum sempre è un trabocchetto
a chi l'alloro e a chi triste campana
de tutti Alfonso fa allegro banchetto
c'è chi è regazzo e chi persona anziana
chi c'ha li sordi e chi giace a stecchetto
ma tra tutti li grandi commensali
lo do 'n saluto a Pino Pontuali

Risposta Condividi


[233]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-03-2008]  
E mo noi se bevemo tre boccali
inzieme a Gianluca Zammarelli.
Caro Peppino sappi nun c'è uguali
quanno se tratta de canta' stornelli.
Lui de strumenti sona tanti e tali,
li pifferi che fà so' proprio belli.
Inzomma io je do er benvenuto
e cor boccale mio io lo saluto.

E' vero che l'Arfonzo è risoluto,
e ne 'sto sito nun ce trovi inganno;
ch'Arfonzo pare 'n orco 'n po' barbuto
ma quanno che ruggisce nun fa danno;
anzi, si t'ho da di', lui m'è piaciuto,
da tempo, uno così, 'nnavo cercanno.
Che quanno uno pizzica le corde
è come er can ch'abbaja ma nun morde.

Risposta Condividi


[234]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[05-03-2008]  

Non tutte le persone sono sorde,
e Zammarelli ce l'ha dimostrato.
Anch'io propongo, unanime e concorde,
un brindisi con vino etichettato,
così bagnamo le vocali corde,
per intonare un canto delicato.
Un inno alla canzone popolare,
ricca di tradizione secolare

Peppino di Rosa (PdR)


Risposta Condividi


[235]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[21-03-2008]  

Da giorni mi ritrovo ad aspettare,
l'arrivo di qualunque iniziativa,
di qualche "ottavarima" o similare,
già scritta o che si veda in prospettiva.
Per ora me ne vado verso il mare
e fiducioso attendo sulla riva.
Chissà che qualche bel componimento,
mi venga indirizzato nel Cilento?

Peppino di Rosa (PdR)

Risposta Condividi


[236]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[23-03-2008]  
oh Peppo che veleggi verso il mare
cò' 'sta zampetta matta e ballerella
non vedi ch'è ancor presto per migrare
e per buttare al vento la stampella ?

io non vorrei sparlà, ma dico quello
che te direbbe nonna: stattattento !
ricorda che non sei più giovincello
sei nato verso mezzo Novecento

perciò riposa n'altro pò, da mane a sera,
che da un momento all'altro è primavera
e come se risveglia la natura
pò esse che 'sta zampa resta dura..


Risposta Condividi


[237]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[23-03-2008]  
...Pò esse che sta zampa torna dura
e n’inno novo intoni a la natura;
e trovi ‘na regazz’ acqua e sapone
che nzaponà la schiena te propone;
e trovi ‘na regazza seria assai
e ad aiutalla a smette riuscirai;
che dice che l’amore è cieco spesso,
e quindi se la bendi fate s...so;
Accorda la ghitarra e arma il fucile,
è ora de fa rùzzola al fienile,
là ddove a maggio in fiore so le rose,
delizia de le passere amorose,
e delle canterine ruzzarelle
bilingue, trignocche e ballarelle!
E mò che sei là giù pe l'Equatore,
tieni der Lazzio alto nome e onore,
Dai 'na zampata a dritta, una a mancina,
castiga a zampa dura ‘na diecina!
inzegna a tutte sì come e quarmente
se conquistava a Roma anticamente!


Risposta Condividi


[238]   
Da: Tiziano 
(roma)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-03-2008]  
Ma stando lì su le rive der mare
solo 'na cozza te po' capitare
si t'avvicini e je apri er giaccone
je metti na spruzzata de limone
oppuro te poi mette a fa' bisboccia
e te la magni co tutta la coccia
e mentre ve ne state in riva ar mare
faje vedè la canna pe' pescare

Risposta Condividi


[239]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[24-03-2008]  
Oi Cozza che sul mare te stai mesta
e aspietti chi te mette na supposta,
Pari comme a gallina co la cresta,
sti pili russi comm’a n’aragosta,
sta faccia de colore de rapesta,
sta pella de porchetta cu la crosta;
te veggo, che je stai a fà la posta:
Peppo te scanza comme fossi pesta!
Cummògli lo tuo fieto co na sbobba:
aglio, limone e pò erba novella;
però ciai lo scartiello, e po' sì strobba,
lu culo vascio, storta e curtulella.
‘A canna pè piscare a chesta sgobba,
ce vò ‘nu core tanto a darla a chella!


Risposta Condividi


[240]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[25-03-2008]  
Ma si ‘sta canna de lo zio Peppino
giace su rena como laciérto spiérso
da juorni e juorni tanto che ‘l divino
mosso a pietate fa lo cielo tierso
cossì che frate sole al poverino
scaldi le scarne membra del riverso
chè si rafforzi e svicoli il destino
dal fato che si oppone così avverso
acchè si mova e tremoli il cimino
e abbocchi puro se de poca stazza
oltre che scarpa vecchia e ‘na ramazza,
'no chirchio de ‘na rota de carrozza,
‘na scheggia de ‘no riesto de piccozza,
‘no piezzo arruzzuto de corazza,
‘na rota abbandonata de molazza,
‘no màneco de sicchio o de tinozza,
puro na vecchia e malridotta cozza
abbasta che la canna si sollazza!


Risposta Condividi