www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 23 Ottobre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Vincenzo Cipriani 
  Musica popolare ..e liuteria
[07-12-2006]  
Ciao Alfonso,
la mia generazione, quella del dopo-guerra, ha vissuto l'oblio forzato della nostra musica. Personalmente mi sono battuto da sempre: il risultato che oggi mi sento un po' un Don Quijote de la Mancha......ma, nel vedere il video, mi è parso di scoprire un risveglio della nostra musica popolare e, ancor di più, della nostra fantasia.
Vincenzo Cipriani - Assisi

Risposta Condividi


[196]   
Da: Gianfranco p. 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[04-12-2009]  
suonare o non suonare questo è il problema.
molti degli strumenti esposti nei musei sono riusciti ad arrivarci perchè non suonati o suonati poco.
acquistare e mettere da parte ( come da buon collezionista) fa si che lo strumento si mantenga abbastanza integro.
ma per noi che suoniamo quindi usiamo , sempre con l'attenzione dovuta - ed il rispetto, se poi ci si graffia il piano armonico be.. chi se ne frega
gp

Risposta Condividi


[197]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[17-12-2009]  
Alfonso, è un elastico la striscia che hai usato per incollare la tavola della civettuola chitarrina?
Lorenzo

Risposta Condividi


[198]   
Da: Alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[17-12-2009]  
è un elastico lungo diversi metri, largo 7-8 mm, ricavato da una camera d'aria da bicicletta, è un sistema praticissimo perchè permette di dosare la forza da imprimere ad ogni punto semplicemente sovrapponendo più spire, e poi ha il vantaggio che non scivola, e fa una pressione incredibile, basta tendere bene l'elastico mentre lo si avvolge, se vuoi verificare la forza dell'elastico prova ad avvolgerlo attorno ad una mano, ma con cautela, ad ogni spira la pressione aumenta fino a stritolare tranquillamente la mano..

Risposta Condividi


[199]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[19-12-2009]  
Restauro bassetto
1
Studio e costruzione della sagoma interna.
Ho rispettato le asimmetrie per non compromettere la forma originale.
Lorenzo







Risposta Condividi


[200]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[22-12-2009]  
Bassetto 2
Sagomatura degli angolari.
Lorenzo







Risposta Condividi


[201]   
Da: Pier Filippo 
(Ascoli Piceno)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[22-12-2009]  
bene lorenzo....alla grande.
io per fare il mio bassetto ho fatto la forma tipo liuteria classica...cioè il negativo...il vantaggio sta nel fatto che le faseìce messe all'interno si pressano meglio e non si rovinano in quanto è la faccia
interna che va bloccata con il morsetto...però il tuo sistema consente di realizzare meglio i tappi
in abete di giunzione tra le fasce...che nel sistema tradizionale di forma liuteristica fanno soffrire a farle precise.....
veramente notevole il lavoro che stai facendo....
bravo e continua a postare il lavoro

Risposta Condividi


[202]   
Da: Pier Filippo 
(Ascoli Piceno)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[22-12-2009]  
scusa perchè i tappi di testata (le zocchette) le fai così estese?
è una tua scelta oppure sono quelle originali...oppure nell'originale
sono fatte così?

Risposta Condividi


[203]   
Da: Pier Filippo 
(Ascoli Piceno)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[22-12-2009]  
comunque da qualche giorno ho terminato il bassetto
copia dell'originale del 1850
ecco il risultato





la foto è un pò sfuocata ma penso che si
veda il confronto con l'originale






Risposta Condividi


[204]   
Da: Pier Filippo 
(Ascoli Piceno)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[22-12-2009]  
questa invece è un'altra battente che ho costruito





è una chitarra battente del Gargano modello Borracino.
5 cori doppi diapason 57 cm, decorata con pirografie.

Risposta Condividi


[205]   
Da: Alfonso 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[23-12-2009]  
bella la battente e pure il bassetto, complimenti! sono orgoglioso di questo ragazzo.., un pò testardo ma ubbidiente, a volte distratto ..ma perspicace, scupoloso e creativo, farà strada.., peccato che sia pure musicista

perchè non ci metti il puntale ? può sempre servire..

Risposta Condividi


[206]   
Da: Gianfranco P 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[23-12-2009]  
Bravo Pierfilippo

GP

Risposta Condividi


[207]   
Da: giancarlo 
(molise)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[23-12-2009]  
Mi unisco al coro: Bravo Pier!
..Una cosa: il bassetto originale mi pare a quattro corde e la copia a Tre
E' giusto o vedo male?
Come mai hai scelto di fare la copia a tre corde?
Saluti.

Risposta Condividi


[208]   
Da: Pier Filippo 
(Ascoli Piceno)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[23-12-2009]  
per Gianfranco: ti ringrazio per i complimenti...sei un amico
per Alfonso: l'originale non aveva puntale perchè si indossa a tracolla
e in questi giorni che ci sto suonando un pò ho notato che forse il puntale
sarebbe comodo per un fatto economico.
I puntali standard (quelli da violoncello sono corti....quelli da contrabasso
sono massicci) costano una cifra...pertando devo inventarmi una soluzione economica.
Comunque ho in mente di realizzarne una versione economica meno leziosa
dotata di puntale.
Questo che ho realizzato è in acero per manico fondo e fasce, abete val di fiemme
tavola armonica e ebano per tastiera.



Risposta Condividi


[209]   
Da: L Pelizzari 
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[23-12-2009]  
Pierfilippo
la chitarra che hai costruito ha proprio l'aspetto dello strumento popolare suonato anticamente. Inoltre sulla tavola hai disegnato l'uva che diventa vino, accostando istintivamente il vino alla musica.
Anche su una chitarra taliana, costruita nel mio comune, Bagolino, c'è questo richiamo:
Die XXVI Julii MDCCXXXIV
Doctor Morandinus emit Chitaram istam
Ut bene sonet bibito Vino satis
1784
"Il giorno 26 luglio 1784 il dottor Morandino acquistò questa chitarra.
Perchè suoni bene si beva vino a sufficienza. 1784"

Bello il bassetto, che corde hai montato e come l'hai accordato?
Anche dalle mie parti c'era un bassetto, che un suonatore minatore si era portato sul cantiere della miniera, colorato chiaro come il tuo. Di questo strumento si sono perse le tracce.
Mando una foto di due puntali: uno molto rustico e uno tornito, quello del bessetto in restauro.
Il puntale tornito è molto bello e consente di suonare appoggiando lo strumento in terra stando seduti su una sedia; non ha purtroppo la regolazione.








Alcuni dalle mie parti lo fanno costruire a amici meccanici. Un tubo con saldata una piastrina per il fissaggio alla cassa; il tubo deve avere il diametro interno preciso rispetto alla barra che scorre all'interno. Sul tubo si pratica un foro e viene saldato un dado. In questo dado scorre la vite con la testa a galletto. Economico e brutto.
Posto la foto del puntale del mio violoncello, il corpo filettato è in bronzo.








Bassetto bresciano
Le zocchette sono circa 11,8 cm, l’altezza delle fasce originali, chiaramente lo spessore è grosso al momento ma andrà ridotto a fasce e controfasce incollate.
Qual è la larghezza delle fasce del tuo?
Lorenzo


Risposta Condividi


[210]   
Da: Pier Filippo 
(Ascoli Piceno)
  Re: Musica popolare ..e liuteria
[23-12-2009]  
intanto rispondo a Giancarlo: il bassetto origianario, come ho avuto modo di spiegare
in un'altro topic, è stato costruito da un liutaio di Ascoli che realizzava strumenti in base
alla disponibilità economica dell'acquirente per cui gli strumenti, pur mantenendo l'assetto organologico,
erano più o meno spartani a secondo, appunto della somma da poter spendere.
Nel nostro caso il bassetto, con rifiniture praticamente assenti (mancanza di filetti, fondo piatto, ecc.) è stato realizzato mantenendo la tipologia delle 4 corde che poi vengono ridotte a tre dal suonatore che
le usa libere (senza tastarle) accordando le tre corde tonica, dominante e sotto dominante:
quindi l'ho realizzato già con tre sole corde in base come poi verrà utilizzato.
Per Lorenzo: grazie per i complimenti per la chitarra di...vina.
se puoi postare una foto della chitarra di Bagolino te ne sarei grato.
Io le fasce le ho fatte alte 10 cm. con spessore di 2.2 mm. come l'originale.
Per quanto riguarda l'accordatura, premesso che io suono il bassetto tastandolo
utilizzando la diteggiatura della lira calabra, ho montato corde di budello spessore 1 mm. Sol, 1.5mm. Re, 1 mm. La, partendo dalla corda di sx guardando lo strumento.
Ma ancora non mi soddisfa....devo ridurre lo spessore della corda centrale (Re) penso 1.2 mm. in modo
da far risaltare le corde esterne ...tieni presente che io le suono a due a due...cioè Sol/Re e Re/La utilizzando, come dicevo la diteggiatura dela lira......suonando le corde libere ho la possibilità di suonare in RE avendo tonica, dominante e sottodominante....
comunque sto ancora sperimentando.....
per quanto riguarda il punatle sono perplesso perchè essendo questo uno strumento suonato soprattutto in movimento (questue, ecc.) il puntale per suonarlo in piedi risulterebbe molti lungo (almeno 60/70 cm.....preferisco mantenerlo così coem l'originale e cioè senza puntale.

Risposta Condividi