www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Mercoledi 26 Settembre 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[166]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[18-11-2007]  
E’ durata la festa tutta notte?
A le donne vedeste le culotte?
Ed io che sono ahimè restato assente
l’occhi non me lustrai manco pè gnente;
ma ci ha pensato la Belloni adesso
(cose da fare ascevolire Ulisso!)
postandoci un balletto tarantato
che par da ‘n ginecologo filmato!
Ho imparato danza e, in fede mia,
pur’ostetricia e ginecologia.
Ho apprezzato ballo e, in fede mia,
le ’nquadrature da endoscopia!


Risposta Condividi


[167]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-11-2007]  
Vedennola balla', l'anima pia,
ve devo di' che me so' soffermato,
la marca, a vede', de biancheria,
pe' guarda' mejo me so' avvicinato;
ve giuro su la testa de mi' zia,
che tutto m'è sembrato 'n po' sfocato.
Perciò io prego er caro Avvocatista
de dicce 'ndo' se gode mejo vista.

Me pare, in verità, che quell'artista,
ballando in quer modo 'si veemente,
lei stava richiamando l'esorcista
e quello, 'nvece, nun capiva gnente.
sarebbe sceso io su quella pista,
pure si 'ntorno c'era troppa gente,
che je la davo io 'na certa cura
da faje passa' er male e la paura.

Risposta Condividi


[168]   
Da: Alfonso 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-11-2007]  
sta cosa è deflagrata come bomba
tanto da riesumare da la tomba
dell’Aleandra l’anima distesa
e congelata nell’eterna attesa

m’immagino il sussulto, il pizzicore
pervader dal tallone fino al core
le sue mentite e ricomposte spoglie
all’apparir de tersicoree doglie

e tu che ce voi fa, Vetusto Pino,
c'hai dato già li ferri all'arrotino ?
stà attento che se te sente moglie
'na botta ar cranio certo 'n te la toglie !




Risposta Condividi


[169]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-11-2007]  
Marrano, hai nominato la mi' moje!
Io spero solo che nun t'ha sentito,
e 'n'abbia letto certe vecchie voje,
sinnò me fa magna'er pan pentito!
Siccome mò la rima me ce coje,
te dico che l'attrezzo è appuntito;
dall'arrotino lo ripresi lesto
giacché me riserviva presto presto.

Risposta Condividi


[170]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-11-2007]  

Non c'è altro da dir il fatto è questo,
col video il nostro Pino s'è 'ngrifato,
già non ricorda più in qual contesto
si definì marito innamorato.
In un'ottava scrisse, cito il testo,
fedele alla sua moglie dedicato.
Chissà cosa direbbe quel "molosso"
di questo Dongiovanni grande e grosso?

PdR


Risposta Condividi


[171]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[19-11-2007]  
Io so cosa direbbe quel "molosso”
direbbe come disse l’Essabballe
a questo Dongiovanni grande e grosso
minaccerebbe senza tante balle:
“Allora, come vòi che te martello?
Tu scejete lo stile che vòi fare.
Dimme come te piace er matterello,
Io te meno co’ quello che te pare.
Sangue de Ggiuda boja stacce attento
che si meno ggiù botte alla cecata
nun te protegge manco un reggimento
e nun t’ariconosce manco tata.
Non c’è gnente de peggio Pino bello
de te ngrifà pè scosciata commare,
ce vai a finì da solo allo sbudello
e più nisuno te potrà aiutare.”


Risposta Condividi


[172]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-11-2007]  
Ma che consijo voi mi state a dare?
E' vero ch'a mi' moje vojo bene,
ma se io certe cose sto a guardare,
nun raggiono cor cervello, ma cor pene.
E su questo ve lo posso sta' a giurare,
che quanno vedo er sito dell'imene,
'sto coso strilla e nun vo' sta' più zitto
cor fatto che de rado lui sta dritto.

Lo vedi, dunque, nun so' derelitto,
però 'na cosa è certa de sicuro,
che sì mi' moje sgama io so fritto,
m'acchiappa e poi me sbatte addosso ar muro.
E' mejo si nun legge quer ch'ho scritto,
è mejo che rimanga 'n po' a lo scuro,
'ché posso, lei lo sa, tira' le corde
'ché can ch'abbaja, lei lo sa, nun morde.

Risposta Condividi


[173]   
Da: L'Irpino 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-11-2007]  
Caro stornellator, Pontuello Pino,
non paventar quel verso appena letto,
E’ troppo catastrofico l’Irpino
e credere non déi ciò che t’ho scritto.
E non temer la moglie a capo chino,
non esser casto nè stallon disdetto;
l’artista, da amorevole vicino,
cò te ‘nvita a danzare dentr’al letto.
Se zitto stai non viene terremoto:
agisci e poi smentisci, tosto e lieto;
non solo ha il punto “G” com’è già noto
la tarantata ha... tutto l’alfabeto!


Risposta Condividi


[174]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-11-2007]  
La Belloni col suo video fa saltare,
i piani che mi ero preparato,
in quanto mi accingevo a raccontare,
l'evento del week-end ora passato,
del venerdì trascorso al casolare,
quello che il Casaletto vien chiamato,
una serata ricca di emozione,
con canti e balli della tradizione.

Prima di tutto Pino Salamone,
col gruppo suo chiamato "I Totarella",
in prima istanza, come prefazione,
una lunga pastorale ci scodella,
eseguita con grande precisione,
zampogna tamburello e ciaramella.
La rassegna prevede molti brani,
tradizionali calabro-lucani.

Pizza panini e vini paesani,
offerti gentilmente agli invitati,
da ballerini "abruzzo-molisani",
che alla "Spallata" si son dedicati,
offrendo a color che son profani,
spettacolo da grandi appassionati,
custodi delle proprie tradizioni,
oltre che importanti testimoni.

In questo festivàl di esibizioni,
abbiamo visto un piccolo drappello,
fatto di donne e giovani leoni,
presentarci un veloce saltarello,
Amatriciano e senza imitazioni,
accompagnato dal solo tamburello.
Si chiude dando a tutti appuntamento,
il giorno dopo al CIP, stesso evento.

Son sempre "I Totarella" l'argomento,
ma vi risparmio questo romanzetto,
porgo soltanto il mio ringraziamento,
agli organizzatori "al Casaletto",
bravi nel riproporci quel talento,
specifica espressione del dialetto,
sia ballato, cantato o recitato,
purtroppo molto spesso trascurato.

Peppino di Rosa

Risposta Condividi


[175]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[20-11-2007]  
Caro Peppino, mo che t'ho ascortato,
di più me pento 'ché 'n ce so' venuto.
'sto sabbato, però, ho festeggiato
l'anniversario, e perciò ho bevuto,
'ché so' trentanov'anni ch'ho sposato,
e tanti so' venuti pe' 'n saluto.
La cronaca però facesti bella
de la serata insieme ai Totarella.

Pure l'Irpino penza che fù jella
nun esse' pure lui de la partita
e nun pote' balla' co' Ronna bella,
e nun pote' sape' com'è finita:
si la mi' moje m'ha messo 'n padella
oppure m'ha ridotto a carne trita.
Sappiate tutti che m'ha risparmiato,
Je piacqui come so', nun m'ha cambiato.

Risposta Condividi


[176]   
Da: Giuseppe Chiapponi 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[21-11-2007]  
Il Cineoperatore

D'una cosa non m'ero ricordato,
parlando della festa al Casaletto,
che tra gli spettatori fu notato
un uomo, che senza un cavalletto,
con mezzo da ripresa era attrezzato,
filmando la serata in ogni aspetto.
Presentato come bravo costruttore
di "battente"; e del Cilento promotore.

Peppino di Rosa
PdR


Risposta Condividi


[177]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-11-2007]  
Sicuramente questo operatore
ci farà 'n presente a noi gradito;
ce dovrà fatica' per un par d'ore,
metterà er firmato sul suo sito.
M'è parso, ieri, 'n po' de malumore,
e sì perché io ieri l'ho sentito.
E' chiaro, co' l'età, e qui so' cacchi,
je stanno a veni' fori tanti acciacchi.

Risposta Condividi


[178]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-11-2007]  
Dispiace che trovasti in malumore
il nostro anfitrione operatore
In questo caso ti darò una mano
con qualche bel proverbio siciliano:
“Servi l’amicu in peni et in placiri
chi li valanzi vonn’essiri pari;
si senti ca l’amicu sta a patiri
tu chiamalo a la festa a ralligrari;
Ricorda sempe di lu mottu anticu:
cani chi abbaja assai, mùzzica pocu.
Dagli li tuoi aspàrisi e li fungi,
offri pure le pecore ca mungi.”
Fanci ‘na lauda co' lo calascione,
cu l’urganetto o cù tiorba a taccone,
ognuno canti o balli mentr’io dico:
”Viato chi Alfonzo ha ped amico!”.


Risposta Condividi


[179]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-11-2007]  
Difesa di classe

Pontuà falla finita co' s'attacchi,
io te ricordo che ciai sessantanni,
li canti l'accompagni fiacchi fiacchi,
tremi p'er freddo puro co li panni,
manco la coratella dell'abacchi
pòi diggerì perchè tanto t'affanni.
E' inutile che sor Arfonzo sfotti,
co' lui la Ronna e mè tu te ce scotti!

Peppino di Rosa
PdR

Risposta Condividi


[180]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[22-11-2007]  
E che saranno mai tutti 'sti botti?
Me pare che pijate troppo foco;
co' du' parole, Arfonzo, nu' lo sfotti
e lui ce se diverte come un gioco.
ma mò li zebbedei io me so' rotti
perché 'r discorzo mò me piace poco.
Pe' me sessantadue so' sonati,
voiartri nun' l'avete festeggiati.

Ancora nun fò parte dei sdentati,
er fisico me regge quanto abbasta;
so' fijo de contadini patentati
e de la vita sempre un entusiasta.
E mo me bevo 'n fiasco de Frascati
Arfo' mo te ne dico 'na catasta,
'ché si nun me risponni de persona
vor di' ch'hai perzo la favella bona.

Risposta Condividi