www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 24 Aprile 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
( )
  Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[17-09-2007]  
è lanciata una nuova tenzone, queste le regole:

1) il componimento deve essere in rima e metrica
2) è consentito l'uso di ogni metrica
3) la risposta deve essere pertinente
4) è consentito ogni dialetto, lingua, idioma
5) non è ammessa la traduzione
6) non è ammesso nessun commento o nota, nemmeno in calce
7) i componimenti che contengano trasgressioni alle regole verranno cancellati

ps: questo nuovo topic inizia con l'ultimo componimento postato nel vecchio topic.



Risposta Condividi


[151]   
Da: Antonio 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
Mi scuso assai p’sta confusion
ma quando si canta c vo pur passion,
voglio strizzare l’occhio a queste signore
che se le cantano con tant’ardore.

A ronna Paulin e a l’Ortolan
ca natu pock venivn i man,
sntit a'Ntoni ca du fatta’se è scur
C sata pa carus e pur pa matur...


Risposta Condividi


[152]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
Anto' me pari proprio 'n cascamorto:
si proprio tu er biscotto ce voi 'ntegne,
co' queste te conviene taja' corto,
se monteno la testa, 'ste du' fregne.
Cor troppo dichiara' tu te sei sporto,
sei annato a foco su 'n mucchio de legne.
Però mo nun se famo rimbambire
'che su li gusti nostri ci'ha da ridire.

Gerontofilo chissà che vorrà dire?
Mo sur vocabbolario vado a vede'.
E mo che l'ho capito, le mie ire
de botto se so' messe tutte a sede.
Qui pare ci'hanno tutti da ridire
sull'età che ciascuno qui possiede.
Vedemo de scopricce l'artarini
scoprenno quali so' li più piccini.

Io nacqui lì vicino ai cappuccini,
quanno finì la guera pressappoco,
insomma 'n anno prima der bikini,
vicino a 'n cammino senza foco
perché mancava a tutti li quatrini
e spesso se faceva 'n ber trasloco.
Gerofilo lo dichi a tu' sorella,
'ch'a me funziona ancora la cappella.

Risposta Condividi


[153]   
Da: RonnaPaulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
Nacqui col III congresso mondiale
eh della Quarta Internazionale
contro politiche revisioniste
dette anche da storici “pabliste” ...
L’anno prima (il sinistrese sbuffa)
si ebbe in Italia quella “legge truffa”.
Era morto in quell’anno un dittatore
che in Spagna ai miei compagni non fè onore.
Ott’anni pria a Carrara fu un congresso,
ott’anni avea la FAI (col nero e il rosso);
se ancor non hai capito che anno è
è il millenovecen.............................!
"Gerontofilo" i' l'ho usato apposta
per chi con queste vecchie je se 'ntosta
...


Risposta Condividi


[154]   
Da: RonnaPaulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
Parlanno mò de gerontofilìa
alla gran fiera dell'antiquariato
sentite ch'è successo un dì a mia zia
strip tease maschile a Reggio m'ha narrato:

"Un paltoncione tutto termolito,
un gilettazzo ed lana tòtt sbudlée,
un pantalone tutto terolito,
sei faccioletti coun i spigh s-cianchée.

Canuttiera bisunta e stronfignata
seinsa calsett ma cun al scherpi ai pé,
camisa cun la saca squinternata,
al portafogli mègher, 'n pò malè.

Bel pancierino rotto in qualche sito,
tri per d'mudand ch'in sleis e malandée,
dou pezz da pée purtedi da un Ardito,
...un bell'usèl c'lè mort e imbalsamè!!!!"



Risposta Condividi


[155]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
A parte quello che trovò tu' zia,
nun ho capito bene l'età tua.
da quello che me dichi, cara mia,
nun so 'n che direzione ci'hai la prua:
potresti esseme mamma oppure fia.
M'hai messo fori strada, 'tacci tua !
A conti fatti io nun ho capito
quanno che fù che t'hanno partorito.

Risposta Condividi


[156]   
Da: RonnaPaulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
Siamo alla scrematura della fuffa,
tu vai su Google e scrivi : "Legge Truffa".
Se esce Wiki leggi ed hai capito
in che anno mammà mi ha partorito...


Risposta Condividi


[157]   
Da: RonnaPaulina 
(Emilia/Campania)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[09-11-2007]  
...oppure puoi su Google digitare
la "morte di Stalìn" e stai a guardare...
l'Irpino poi è più giovane di me
di uno, due o quasi anni tre...


Risposta Condividi


[158]   
Da: Alfonso 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[10-11-2007]  
Correva l’anno Che Gino Latilla
cantava la canzone Vecchia Villa
e annava nella villa comunale
porello sempre a leggere il giornale,
chiedendo a non badare se soltanto
le ciglia aveva “fatte” un po’ di pianto..

e poi ce stava pure Teddy Reno
che nun sapenno che pesci pigliare
cantava “e lassame cantare ‘na canzone
che nun lo so, amò, come vuò tu,
che poi domani non te vedrò mai più..


Risposta Condividi


[159]   
Da: L'Ortolana 
(Chiazza del mercato)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[11-11-2007]  
Mio caro Alfonso, il tuo Gino Latilla
nell’anno tuo cantò di “Vecchia Villa”?
Poichè sei vecchio come Sarchiapone,
ti fu cantato pur “Vecchio Scarpone?”
E Carla Boni col suo “Passerotto”
dice che come Ronna sei vecchiotto?...
Ma non sapevo, ahimè, che ‘l caro Pino
avesse stessa età dello... bikino!

Se vuoi saper di nascita mia storia
‘n pò meno indietro vai cò la memoria.
Incominciamo a prenderla lontana
QUATTR’ anni PRIA che venne la mammana.
Quattr’anni pria sciopero generale
per abolir la gabbia salariale,
Strage di Piazza Fontana a Milano
Pinelli si “gettò” dal quarto piano.
Passan DUE anni, Feltrinelli muore,
per un ventenne a Pisa gran dolore:
in sèguito a scontri celerini
l’anarchico ventenne Serantini.
L’anno DOPO io fui partorita
in Cile Allende ahimè perse la vita;
“Dolce Frutto” a Sanremo fu cantata
poichè Ortolana sarei diventata;
ma che tapini, Balistreri Rosa
con “Terra che non senti” fu esclusa!
E l’anno DOPO bombe sopra il treno,
e Piazza della Loggia n’è da meno,
ma fine del fascismo in Portogallo,
in Grecia cadde puro il colonnello.
A questo punto sai che anno è:
son nata giusto nel Sett.............è!!!!




Risposta Condividi


[160]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[12-11-2007]  
Io te penzavo in pace su pe' i monti,
oppure 'n mezzo a pascoli ed armenti,
invece da le storie che ricconti
sei nata tra rivorte e ammazzamenti.
e quindi, arifacennome li conti,
ci'hai anni quattro, dieci e artri venti.
Insomma, a legge tutto quer ch'hai scritto,
potressi esse' fija ar sottoscritto.

Ch'Arfonzo era vecchio e derelitto,
lo sapevo, nun era 'na panzana!
E Ronna 'nvece, 'nsieme a quell'editto,
quanno nacque sonava la campana.
E ho capito, da come me l'ha scritto,
si quant'anni li tiene l'Ortolana.
Però so' io che la pijo ner secchio
perché risurto io esse'' 'r più vecchio.

Risposta Condividi


[161]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[12-11-2007]  
Sò vecchia sì, comm’a ‘na carampana
ma perchè dici : sono la campana?
E vojio ballà mò che zompo ancora
che quanno che sarà, me stò a dimora...
E vojio cantà mò che me stao bona
quanno sò vecchia dico la corona!
Io de stornelli ne so tre millanta
ma non sò certo quella che se vanta;
io de stornelli ne so tre millento
e quanno l'ho finiti... me l'invento!
E de stornelli io ne so "miglioni"
ne sanno più di me solo i coglioni.
E de stornelli ne saccio vintun
e "U sazij n' cred cert a lu diun"
Rispose Alfonso a quei tempi belli
ma non me stuzzicate coi stornelli:
“De stornellate io ne so tante
Chi ne sa più di me è un ignorante...
io de stornelli ne sò più de dieci
li canto mentre magno pasta e ceci...
e de stornelli io ne sò diciotto
li canto fino a quanno faccio ‘r botto...
e de stornelli ne sò almeno venti
li canto puro se sò senza denti,
E de stornelli ne so certo mille
Chi ne sa più di me è ‘n’imbecille...
io de stornelli me ne 'nvento a josa
inspeciarmente mentre s'ariposa
io de stornelli me ne 'nvento tanti
e ve saluto e bacio a tutti quanti”


Risposta Condividi


[162]   
Da: Peppino di Rosa 
(Vivaro Romano)
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[12-11-2007]  
Visto che te ritieni tanto vecchio,
facce capì qual'e la sitazione,
perchè, secondo me, quer tuo "apparecchio",
nun passerà manco la revisione,
essendo diventato un ferrovecchio,
nun te ragala più soddisfazione,
perchè le prestazioni ch'hai vantate,
so come le minestre riscallate.

Ma queste so sortanto chiacchierate,
come quella proposta dall'Irpino,
dove se discorreva de patate,
non quelle dar profilo tuberino,
ma quelle che l'inverno o nell'estate,
le poi vedè solo col lanternino,
ma puro nell'autunno e a primavera
je dichi, appena appena, bonasera.

Nun vojo scatenare una bufera,
che Pino lo conosco, è combattente!
puro si s'è comprata la dentiera
je piace fa la parte der fetente.
Perciò vorrei calmà l'atmosfera,
comunicando l'anno mio nascente,
visto che in questo fine settimana,
suonavo tarantella siciliana.

Presentata con bravura sovrumana,
da uno che sta nella tradizione,
che adesso vive in terra emiliana,
vive a Bologna, per la precisione,
ogni difficoltà con lui s'appiana,
a destra, a manca, in ogni direzione.
Col marranzano e con il tamburello,
Fabio Tricomi è un vero menestrello.

Adesso però torno al ritornello,
di quando sono nato, e qui l'empasse!
Ho già visto che gente di cervello,
che a scuola era la prima della classe,
ha gli hanni miei, gran donna di livello!
Quarantacinque più iva di tasse!
Davvero io ne sono lusingato,
una volta io con lei ciò provato!

Peppino di Rosa
(PdR)

Risposta Condividi


[163]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[13-11-2007]  
Caro Peppino, m'hai accommunato
a 'n ferrovecchio pe' la revisione.
Nun ci'hai, te l'ho da di', tanto azzeccato;
'ché d'anni io ce n'ho pieno 'n bidone,
ma er mio, d'attrezzo, nun s'è riposato,
'chè quarche vorta fà la su' funzione.
Insomma, nu' lo dico pe' vantare:
nun serve solamente per pisciare.

Ma senti poi che sento raccontare:
che pare che so' nati li gemelli;
tutti 'n quell'anno, come si a scoppiare
'na scatola, sia stata, de piselli.
Ma come gocce d'acqua dentro ar mare,
se so' 'ncontrati tutti: questi e quelli.
Insomma pare strano che quest'anno
fate tutti lo stesso compleanno.

Risposta Condividi


[164]   
Da: Ronna Paulina 
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[14-11-2007]  
O ferrivecchi per la revisione
a Betsabè nun fate sto bidone
al Cippe a ballà coi Totarella
annate senza motocarrozzella,
annate senza defribillatore,
nun serve ancora l'accompagnatore,
che qui, mò, stamo a piagne la vecchiaia,
a contà l’acciacchi tua e quelli mia
finimo tutti quanti 'n salamoia,
nun serve la badante, o porca troja!
Pur'io ci'ho l'età e l'ho vissuta,
da buatta de piselli sò scoppiata,
un ballo al Cippe nun l’ho mai evitato,
e t'ho da di' che sempre m'è piaciuto.
Me sembra che mpò troppo quà se strilla
pè quest’invito della Betsabella!
Ca si la Betta nun ve da lo vino,
domani fumerà n’antro camino
ca si la Betta nun ve da lo cacio,
le gregne le legamo e tutte brucio
Nun serve ca pè forza tu fai danza,
porta la voce, oppur porta la panza!

Per quanto poi riguarda il semolino
nun è p'Alfonso e manco per sor Pino:
"...ma quanno ch’è scoccato er mezzogiorno
me fai, a Bè, le penne all’arabbiata
e poi faccio scarpetta torno torno
e me sollevo da st’apparecchiata;
l’abbacchio mbè lo lascio a li perdenti
ch’è robba da neonati, delicata,
da regazzini ancora senza denti
o da vecchiacci senza la dentata;
io me butto all’assalto de na coda
‘n gioiello, profumata, à vaccinara
e poi me faccio un rosso che te schioda
e bevo a chi sta all'Anguillara;
fateli voi que' dù quadrucci a brodo
che ve fanno stà lèggi de budella
la pròstata s’allevia in quarche modo
e ve ridanno svejja a le cervella !"
Così descrisse un dì lontano Alfonzo,
quann'era er mejo fico der bigonzo!!!!


Risposta Condividi


[165]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
[14-11-2007]  
Qui nessuno se sta pignenno addosso
se sta solo a fa' un censimento.
la vita me la godo a più non posso
e apprezzo quer che viene 'gni momento.
So' uno che nun molla certo l'osso
pronto a buttamme dentro a l'argomento.
Li denti boni ce l'ho ancora tutti
e magno le bistecche e li prociutti.

Ar Cippe, ce lo so, sarete tutti
e tanti balleran la tarantella,
sarete come er mare ed i suoi flutti
e chi vi guiderà so' i Totarella.
E quelli che saranno troppo asciutti
potranno beve vino a garganella;
a le donne se vedranno le culotte,
la festa durerà tutta la notte.

Ma io do 'n corpo ar cerchio e un'a la botte,
quanno nun sono, e nun capita spesso,
mi moje, che poi è la mia mascotte,
nun vole fa la parte dell'oppresso
me sceje lei 'n do' passa' la notte,
e questo è er segreto der successo.
Da quanno pe' marito m'ha promosso
nun m'ha mollato più, come 'n molosso.


Risposta Condividi