www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Mercoledi 17 Gennaio 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Michele 
(Sicilì)
  Ingegnamoci
[16-10-2008]  
Molti di voi non sono solo semplici utenti appassionati, ma anche costruttori (più o meno alle prime armi). Sicuramente quindi oltre a costruire friscaletti, chitarre battenti e tamburelli chissà cosa avete nel cassetto!
L'artigianato per professione o per hobby è la base attraverso la quale l'uomo è riuscito a rendere reali i suoni che immaginava... e non solo i suoni!
Per cui... tiriamo fuori ciò che abbiamo realizzato, nella speranza di, scambiandoci trucchi e metodi, migliorare le nostre tecniche e perchè no, di applicarle anche agli strumenti (nonchè alle custodie).
Comincio io.



E' una pipa in legno di castagno. Il legno proviene da un tronco residuo di potatura e destinato al camino. Nella foto ho messo anche gli accessori per la manutenzione lgati in un laccetto di cuoio.



Risposta Condividi


[136]   
Da: giancarlo 
(segovia)
  Re: Ingegnamoci
[21-03-2009]  
Grazie Pier Filì!
Buona Domenica.

Risposta Condividi


[137]   
Da: Michele 
(Palermo)
  Re: Ingegnamoci
[22-03-2009]  
E' una fascia di legno... amapà.... un legno esotico, siccome lo trovai già bello e tagliato su misura lo presi... è pure morbido come legno.
Non riesco a piegarlo... prima di cimentarmi con la fattura di un piegafasce vorrei trovare qualcosa di immediato, proprio per capire il "meccanismo" della piegatura.
Ho provato con un saldatore per stagno, e non si piega... il risultato migliore l'ho avuto passando la fascia sul fornello da cucina velocemente e bagnando frequentemente e tenendo in trazione con le mani.
Spiego meglio cosa intendo per meccanismo: vorrei capire perchè con compensato è più facile, perchè nei video su youtube i piegaface sono piuttosto rapidi, perchè trarrei vantaggi dalla costruzione di un piegafasce rispetto ai metodi approssimativi che ho usato.
Lo spessore del legno è 5 mm.
Non è poco ma manco assai...
Sapreste darmi consigli sugli errori ed eventualmente sull'uso di un piegafasce?
Ringrazio anticipatamente.

Risposta Condividi


[138]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[24-03-2009]  
Certe volte, all'aperto, c'è necessità
di amplificare la voce in assenza di un impianto audio.
Ho cercato in vari mercatini di trovarne uno ma invano.
Allora ho deciso di costruirlo






ed ecco il mio megafono di metallo.
Rigorosamente con materiali di recupero.
1) pannello di alluminio di un vecchio cartellone pubblicitario
2) guarnizioni azzurre di plastica (copridenti di un sega a nastro)
3) squadrette metalliche del manico ricavate da un collare per fissare i discendenti
dell'acqua piovana
4) manico ricavato dal tondino di una vecchia sedia pieghevole in faggio
(già usata in parte per il triccheballacche)
5) rivette e viti in mio possesso
costo: 0 euro
E poi, visto che a giugno in Ascoli si vota può riuscire utile:

....votantonio, votantonio, votantonio!
...ascolani votate Antonio La Trippa!
....si, col sugo!!!!
ciao
Pier Filippo

Risposta Condividi


[139]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[03-04-2009]  
Ho finalmente costruito la lira calabrese.
E' stato un primo tentativo di realizzare uno strumento musicale
completo e unico.
Sono partito da una forma abbastanza tradizionale.
Ho preso un pezzodi noce stagionato, l'ho segnato e segato e ho iniziato
a lavorare di sgorbia.
Allego le fasi della costruzione.
1) taglio iniziale del pezzo di noce (realizzato con seghetto alternativo)






2) abbozzo esterno (realizzato con la pialla a mano e la raspa)






3) scavo interno (realizzato con sorbia a mano e carta vetrata)






4) il corpo finito (rifinito con carta vetrata)






5) incollaggio tavola in abete realizzata con traforo, pialla e carta vetrata






6) bischeri (in faggio realizzati a mano recuperando un tondino di una vecchia sedia pieghevole)






7) ponticello in acero e anima in arundo donax






8) lira terminata (archetto ramo di oleandro e crine e corde di budello di mm. 1 di spessore)






Il costo:
il legno l'ho recuperato in giro e quindi 0 euro
il crine costo 10 euro
le corde (di budello artigianale di Salle) 10 euro

La potete ascoltare
http://www.youtube.com/watch?v=GR59JIa3nzQ
ciao e al prssimo
Pier Filippo

Risposta Condividi


[140]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Ingegnamoci
[03-04-2009]  
Bravissimo Pier Filì!
Complimenti!
Bello strumento.
Non sono un'esperto ma mi sembra un ottimo risultato quello che hai ottenuto?
Ho visto il filmato: Complimenti davvero!

Risposta Condividi


[141]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[03-04-2009]  
Colgo l'occasione per ringraziare alcune persone in particolare:
1) Betsabea per i preziosi consigli e per le tirate di orecchie.....
2) Alfonso per i preziosi consigli soprattutto di carattere pratico
3) Giancarlo che mi ha confermato un certo tipo di "filosofia"
4) francesco che non ha mai dubatato delle mie posibilità
Grazie
Pier Filippo

Risposta Condividi


[142]   
Da: Giancarlo 
(molise)
  Re: Ingegnamoci
[03-04-2009]  
Sei troppo buono Pier Filì!
Non posso non ringraziare te: la tua tua caparbietà e determinazione dell'inseguire un obbiettivo è di esempio e di stimolo per tutti!
Da apprezzare anche la capacità di "infischiarsene" delle cose e delle persone che si rivelano di disturbo nel normale svolgimento dell'attività di ricerca, riscoperta e valorizzazione della cultura popolare, nel senso più lato, e musicale!
...Insomma Pier Filì: facciamo la "ficura!", alla faccia di chi "'nce pò vedè!"

Ad maiora!

Risposta Condividi


[143]   
Da: Michele 
(Palermo)
  Re: Ingegnamoci
[04-04-2009]  
Bel lavoro Pierfilippo!
Una curiosità: per ottenere la forma iniziale dici di aver utilizzato un seghetto alternativo, avendo questo di solito una lama standard di circa 10 centimetri, come hai fatto ad ottenere tagli così grossi?
Andarci prima da una parte e poi dall'altra mi sembra improbabile... la lama "sbatterebbe" nel pezzo non ancora segato... forse lo strumento ad occhio lo valuto di misure maggiori di quelle effettive? o esistono lame più lunghe?

Risposta Condividi


[144]   
Da: Michele 
(Palermo)
  Re: Ingegnamoci
[04-04-2009]  
Ecco qua, il mio primo tamburelloooooooo!!!



Ogni consiglio è ben accetto!



Risposta Condividi


[145]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Ingegnamoci
[04-04-2009]  
Bellissimo il tamburello Michele.
Credo che suoni anche bene.
Per quanto riguarda il taglio della lira
ho usato una sega circolare
per squadrare il ciocco (60x120x560 mm.)
poi la sagoma l'ho fatta con il seghetto alternativo
dovendo lavoare su uno spessore di mm. 60.
Il taglio viene un pò piegato verso l'interno.
Nel caso della lira è meglio perche la devi
comunque ovalizzare.
ciao
Pier Filippo

Risposta Condividi


[146]   
Da: Alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[16-04-2009]  
hei ragazzi, si batte la fiacca ?!? abbacchi e pastiere hanno obnubilato le vostre menti ?!?

sù, per stimolarvi vi mostro l'ultima creatura, una lira da tasca ...ottima per esercitarsi alla diteggiatura..








Risposta Condividi


[147]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Ingegnamoci
[16-04-2009]  
Che dimensioni ha questa lira da tasca?

Risposta Condividi


[148]   
Da: Alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[16-04-2009]  
sia il diapason che la distanza fra le corde sono le stesse di una lira di dimensioni normali, è solo un pò più strettina..

Risposta Condividi


[149]   
Da: Michele 
(Palermo)
  Re: Ingegnamoci
[17-04-2009]  
Bello il disegno!

Risposta Condividi


[150]   
Da: Alfonso 
  Re: Ingegnamoci
[17-04-2009]  
grazie Michele, il disegno è inciso su osso, il tutto misto a madreperla, noce e acero

Risposta Condividi