www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Giovedi 13 Agosto 2020

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[02-02-2009]  
Vorrei, data la moltitudine di persone di ogni età e di ogni parte della penisola, che frequentano il sito di Alfonso, tentare di fare un censimento dei gruppi che si occupano di ricerca e di proposta nel grande mondo della musica popolare, compreso danzatori/ici. Allegatemi il nome del gruppo, da quale anno è in attività, esegue musica di quale regione, se svolge ricerca, il numero dei componenti, un recapito mail ed uno telefonico, la strumentazione utilizzata. Se volete inviatemi queste informazioni anche in veste privata sulla seguente mail : marghouse@libero.it. Sarà mia premura ordinare per Regione il nominativo dei gruppi censiti e renderlo disponibile a chiunque se non pubblicarlo sul sito di Alfonso. Grazie si accettano consigli e\o modifiche al progetto.

Risposta Condividi


[1]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica po
[02-02-2009]  
i gruppi possono essere costituiti da 1 persona in poi, purche essi siano in attività

Risposta Condividi


[2]   
Da: Tiziano 
((Ostia))
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[02-02-2009]  
Specifico, trattasi di gruppi di musica popolare che eseguono, ripropongono senza rielaborare temi appartenenti alla tradizione popolare italiana, esulano da questo quei gruppi che eseguono brani propri con l'impiego di strumenti popolari o che compongono brani su schemi tradizionali. Va bene la tammuriata bella figliola che ti chiami rosa, non va bene bella figliola che ti chiami Katiusha, va bene il canto dei battipali veneziani, non va bene il canto dei periti informatici della radio elettra Torino... sono stato chiaro?


Risposta Condividi


[3]   
Da: alfonso 
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Tizià, la tua mi sembra un'ottima e utile iniziativa ma non mi è ben chiara la cosa: quando dici "ripropongono senza rielaborare temi appartenenti alla tradizione" intendi che eseguono (o cercano di eseguire) pari pari i brani della tradizione così come li ascoltano dagli anziani ? te lo chiedo perchè il termine "ripropongono" può essere interpretato in due modi,

oppure ti riferisci a gruppi che compongono ex-novo dei brani attingendo alla tradizione popolare ed usando gli strumenti tradizionali ?

dobbiamo poi tenere presente che ci sono gruppi che fanno questo e quello e pure altro,

ho l'impressione che si stiamo inoltrando in un campo minato.. e quindi vorrei evitare equivoci,

e aggiungo a scanso di equivoci che un censimento, a qualunque genere fosse riferito, mi sembra comunque una cosa utile

Risposta Condividi


[4]   
Da: Gianfranco p. 
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
senza rielaborare vuol dire esecuzione identica?
g

Risposta Condividi


[5]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Comincio io (va bene se sono solo una persona?)

DAMIANO NICOLELLA
Cantore di Martina Franca (Taranto)
In attività dal 2002
Ricercatore nelle province di Bari, Brindisi e Taranto dal 2001
Strumentazione utilizzata: voce, castagnole, tric-trac
Repertorio: Canti popolari di Martina Franca: pizziche pizziche, canti di Passione, novene di Natale, canti di lavoro, scozje, filastrocche, canzoni a dispetto, canzoni di malavita, ecc. Eseguo anche canti popolari di Puglia e del Sud Italia in generale, accompagnandomi ad altri musicisti, e canti barocchi e medievali.
Cell.: 328/7024035
E-mail: elrescador@libero.it
Sito web: www.pugliafedefolklore.it

Risposta Condividi


[6]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Non credo che ci si possa fare troppe zaganelle su questo argomento, la musica popolare suonata da valenti gruppi come la NCCP (vecchia maniera), Eugenio Bennato, etc. etc. non è identica a quella ascoltata alla sagra di pinco pallino, è in parte rielaborata sugli schemi tradizionali, non dissimile all'originale nel motivo portante, ma se ad essa è aggiunto il contrabasso o il violoncello che nell'originale non vi era, credo che abbia poca importanza. Anche i brani dei Cantori di Carpino sono eseguiti con basso elettrico ma nei contenuti dei testi e nelle melodie sono abbastanza fedeli all'originale.Quindi ben vengano tutti quei gruppi che eseguono musica popolare diciamo "abbastanza" fedele al documento fonte originale.

Risposta Condividi


[7]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Grazie Damiano della collaborazione.

Risposta Condividi


[8]   
Da: Damiano 
(Martina Franca TA)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Grazie a te. Fammi lavorare!

Risposta Condividi


[9]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
caro Tiziano vorrei che tu, o altri, si esprimessero rispetto a questi punti
al fine di stabilire "tradizione", "contaminazione", "rielaborazione", "reinterpretazione":

1) qual'è la fonte originale dal punto di vista musicale dalla quale attingere?
1.a - portatori ancora viventi ed esercitanti (quindi fonti certe rilasenti diciamo a 70 anni fa)
1.b - registrazioni sul campo effettuate negli anni 50-60 (periodo dell'inizio della massiccia ricerca sul campo)
1.c - fidarsi dei gruppi che hanno inciso materiale sonoro magari confrontando diverse versioni di alcuni canti tra i più rappresentativi dei vari ambiti territoriali
1.d - i Dischi del Sole o della Albatros
1.e - i giovani portatori della tradizione che spesso, però, confondono la tradizione con il folKlore

2) quali strumenti musicali utlizzare?
2.a - quelli autenticamente popolari facenti parte dell'ambito territoriale in cui si opera
2.b - tutti gli strumenti popolari della tradizione diciamo del centro-sud
2.c - tutti gli strumenti popolari dell'Italia
2.d - tutti gli strumenti popolari del Mediterraneo
2.e - qualunque tipo di strumento musicale

3)in quale ambito territoriale si deve operare, che linguaggio usare, che tipo di repertorio proporre
3.a - operare nel proprio ambito territoriale
3.b - operare in ambiti interterritoriali (per esempio centro-sud) sfruttando affinità stilistiche e di repertorio
3.c - operare nell' ambito mediterraneo
3.d - operare nella world music

Io credo, e se c'è qualcuno che vuole aggiungere qualcosa ben venga, che relazionando
questi elementi si può definire quando un musicista, o gruppo, possa essere definito di tradizione o meno.
E' chiaro che alcuni elementi non possono essere rigidi ma legati alla possibilità, più
efficace che nel passato, di circolazione delle idee.
Infatti, come nel passato alcuni fenomeni consentivano l'affermazione di temi, canti, usanze, strumenti
da un luogo all'altro, sulla scia di transumanze e scambi commerciali e riti religiosi (non dimentichiamo per esempio il ruolo delle fiere o dei pellegrinaggi per quanto riguarda la divulgazione del repertorio popolare) a maggior ragione con i mezzi attuali è possibile che questo interscambio avvenga con
più frequenza rispetto al passato, oppure rimamdiamo la possibilità di interscambio solo alle fiere e ai pellegrinaggi invece che a E-mail o Internet.
Ma anche rispetto a tutto ciò: quali scelte di assimilazione e trasformazione o adattamento sono
lecite? Fino a che punto si può osare? Va bene tutto oppure lo scambio può avvenire solo se si va a Manarola, piuttosto che a Scapoli o alla Madonna Avvocata piuttosto che a Montemarano?
Mah..........
saluti
Pier Filippo




Risposta Condividi


[10]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Io non faccio l'impresario, ma avere una grossa banca dati può essere utile a tutti coloro che sono nel contesto di organizzazioni di spettacoli, sagre etc. per coinvolgere altre realtà musicali extraregionali in questi eventi. Il Gruppo di cui faccio parte si chiama "Canto d'inizio" esegue ricerca e riproposta dal 1975 si occupa di musiche popolari del centro-sud Italia, consta di 14 elementi(quasi un'orchestra), gli strumenti sono: Chitarra battente, chitarra battente garganica (2), chitarra classica, chitarra acustica, chitarra liuto, mandolino, mandola, mandoloncello, flauti e friscaletti, zampogna e cornamusa, organetti 2-8 bassi, fisarmoniche (2), tammorre e tamburelli, violini (2), percussioni varie, bufù, putipu,cupa cupa, basso acustico, ciaramelle, 4 voci femminili, 5 voci maschili, 2 danzatori fissi. Il gruppo ha sede a Roma. www.myspace.com/cantodinizio. Tiziano 335\6877260

Risposta Condividi


[11]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Scusami Pierfilippo, ma la mia precedente risposta era per Damiano, ed è stata pubblicata mentre tu srivevi la tua. Comunque rispetto le tue domande io mi fido dei punti 1a, 1b , ascolto volentieri i restanti punti e a volte li ho usati per spunti, validi e di grande effetto.
come avrai visto, nel mio gruppo usiamo prevalentemente strumenti popolari Italiani, Basso acustico escluso, ma non disprezzo l'uso di altri strumenti così detti etnici. Credo che ci si possa avvicinare a tutto il repertorio di origine, noi abbiamo la fortuna di avere tra i cantanti amici del salento, dell'alto Lazio, Campani ed a loro sono affidati i testi in dialetto, ove non esista non credo sia difficile applicarsi per eseguire un brano. Per quel che riguarda l'ambito in cui operare non credo che vi possano essere al giorno d'oggi, limitazioni in questo senso. Ad un nostro recente concerto erano presenti una rappresentativa dei Beni culturali algerina ed una paraguaiana che si sono divertiti ed hanno partecipato attivamente alla serata.

Risposta Condividi


[12]   
Da: Pier Filippo Melchiorre 
(Ascoli Piceno)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[03-02-2009]  
Allora, secondo me bisogna stabilire un fatto:
la tradizione, e quindi la prosecuzione della stessa,
ha valore se va intesa solo come testimonianza storica
o come archivio vivente di dati che appartengono alla gente.
Io non credo che sia corretto riproporre un repertorio
popolare, che nasce, si sviluppa e permane, in un ambito
territoriale e sociale specifico, tentando di riproporre
a tutti i costi le situazioni del passato.
Se in un dato luogo non ci sono più le osterie
perchè soppiantate dai bar, o peggio dai pub, è anacronistico
eseguire un repertorio di osteria solamente se si esegue, artificiosamente,
e quindi con atteggiamento antistorico, in un contesto osteria.
Si può fare benissimo come ricostruzione iconografica ma, secondo me,
non è tramandare la tradizione.
Forse è più corretto proporre un repertorio di osteria e, divulgarlo,
come azione di testimonianza di una memoria storica, magari utilizzando
strumenti che venivano usati in quel contesto, al pari di un documento
storico che si consulta in una bibloteca.
Ciò non significa che la tradizione vada "musealizzata" significa solo che
là dove certi elementi "naturali" permangono la tradizione va proseguita, mantenuta, difesa.
Laddove invece non ci sono più le condizioni per attuare quanto sopra, la tradizione va solamente
e correttamente testimoniata.
Del resto lo spettacolo Bella Ciao del '62 al festival di Spoleto, intendeva
proprio questo.
Non me ne vogliano gli amici Pino e Alfonso se ho citato le osterie, è stato un caso.
Il discorso vale per l'aia, i riti legati al lavoro dei campi, ecc.
Se poi, qalcuno vuole aprire un'osteria (badate bene un'osteria e
non un'enoteca finto-antico-rifinito) come situazione di lavoro in
stretto legame con la tradizione (e con ciò che ne consegue)
significa che si sta compiendo un'oprazione corretta allo steso livello
dei giovani artigiani che riprendono vecchi mestieri come per esempio
la costruzione di strumenti musicali popolari.
C'è un rischio però.......che qualcuno possa cavalcare solo una moda del momento
(notte della taranta docet) o, peggio,un interesse eminentemente commerciale.

Meditate gente, meditate.
Pier Filippo


Risposta Condividi


[13]   
Da: Qurino 
(Roma - Portuense)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[04-02-2009]  
Vabbè,
io intanto vi cito il mio gruppo principale (tra l'altro uno strumentista è in comune con i Canto d'Inizio), poi fate voi.

Rusticanti.
Strumenti usati:

- organetto a due e otto bassi, fisarmonica.
- flauti dolci, ciaramella
- zampogne (di varie provenienze)
- chitarra battente, chitarra classica (quando ci sono problemi tecnici a volte chitarra acustica elettrificata)
- mandolino acustico e/o elettrificato (per esigenze tecniche su palco)
- violino acustico e violino elettrico (a seconda dei casi)
- tamburi a cornice, castagnette, bottiglie (+ altre percussioni minori)

7 elementi (nessun ballerino), di cui 5 voci (una femminile)

Repertorio:
Musica popolare e/o tradizioanale del centro e sud Italia;
in particolare:

-saltarelli di varia provenienza
-stornelli
-canti (di lavoro, da osteria, d'amore)
-tarantelle di varia provenienza
-pastorali (anche natalizie)
-serenate
-ninne nanne
-quadriglie
-polke
-valzer
-pizziche pizziche
-canti sul tamburo

Tutti i testi, ove presenti, sono cantati in dialetto di loro provenienza (con alterni risultati...la calata romana è difficilissima da nascondere...)
Le musiche sono eseguite nella maniera più fedele possibile a come sono arrivate fino ai giorni nostri, salvo che per le sovrapposizioni, (non in tuti i brani però) delle linee dei diversi strumenti che rendono sicuramente il pezzo probabilmente più "fiorito" rispetto alla esecuzione tradizionale attuale della zona di provenienza...poi certo su palco c'è tutto il problema dell'elettrificazione (diretta o indiretta) che snatura...ma suoniamo più che volentieri, se c ene sono le condizioni, anche in completo e totale acustico (cioè anche le voci sensa microfono).

Per contatti:
www.myspace.com/rusticanti
rusticanti@libero.it

Risposta Condividi


[14]   
Da: Tiziano 
(Ostia)
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[04-02-2009]  
Grazie Quirino e spero di incontrarvi presto, perchè no! anche suonando insieme visto che il buon Giovanni fa da intermediario.

Risposta Condividi


[15]   
Da: Marco 
(Rende(cs))
  Re: Censimento gruppi che eseguono musica popolare
[06-02-2009]  
Salve,noi "Bashkim" facciamo musica etnofolk del sud,in particolare della Calabria e delle minoranze

Arbereshe(italo-albanesi) del meridione.

Ho già mandato qualche informazione al Sig.Venerato.

per chi fosse incuriosito pu visitare:

www.myspace.com/bashkimfolk

Saluti a tutti!

Risposta Condividi