www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Sabato 19 Ottobre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: stefano 
(....)
  campusinfesta
[17-05-2008]  
dovrebbero se non cambiano le date essere 6,7 e 8 giugno
ciao
Stefano

Risposta Condividi


[1]   
Da: Alfonso 
(Grande Lucania)
  Re: campusinfesta
[17-05-2008]  
caro stefano siamo al corrente, solo che a causa della.. linea editoriale di questo sito, poichè nell'evento non c'è traccia di musica di tradizione del centro-sud italia, non c'è ragione di pubblicizzarlo nella pagina www.alfonsotoscano.it/calendario.htm ,

al contrario ognuno sul forum può pubblicizzae quello che vuole, anzi, c'è tempo fa ho aperto un apposito topic: " segnala un evento"

http://www.alfonsotoscano.it/forum/Subject.asp?S_ID=358&H_ID=36&p ageid=2&show=1

ps: come vanno le rosee rotondità del nostro amico ?

Risposta Condividi


[2]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: campusinfesta
[17-05-2008]  
Ma che vuol dire? Non capisco..........

Risposta Condividi


[3]   
Da:  
  Re: campusinfesta
[19-05-2008]  
maestro Toscano mi permetto di contraddirla!!!
mi è parso di intravedere nelle passate edizioni di campus in festa suonatori calabresi ultra ottantenni di zampogna, "armonico"(organetto) e di flauto di canna scortati dal loro autista Cuzzocrea Maurizio, dal loro vice sostituto autista Scafuro Stefano Maria e dal loro menager Artese Mario (per gli amici Mario Artese).
con rispetto
Tommaso Sollazzo

Risposta Condividi


[4]   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  Re: campusinfesta
[19-05-2008]  
Maestro Sollazzo,

mi permetto di contraddire il suo contraddittorio, forse questo è successo nelle passate occasioni ma questo è il programma della prossima manifestazione (alla quale io mi riferivo) inviatomi dall'organizzatore, e come potrete verificare voi stesso la musica di tradizione è assente:


MUSICAMPUS, DA LUNEDI’ MUSICA E SPETTACOLO DAL VIVO ALL’UNIVERSITA’ DI SALERNO

Prenderà il via lunedì Musicampus, la rassegna di musica universitaria organizzata dall’Associazione Musicateneo dell’Università degli Studi di Salerno.
L’inizio della rassegna è previsto per le ore 17.30 presso il Teatro di Ateneo del Campus di Fisciano con le esibizioni del gruppo “30intango”, del Coro Pop e dell’Orchestra Jazz dell’Università di Salerno.
Questo, nei dettagli, il programma del primo appuntamento.

Lunedì 19 Maggio – ore 17.30 – Teatro di Ateneo
• Esibizione dei 30 in tango (responsabile: Roberto De Prisco)
• Esibizione del Coro Pop (direttore artistico: Ciro Caravano)
• Concerto dell’Orchestra Jazz dell’Università di Salerno (direttore artistico: Stefano Giuliano)
Segue una breve presentazione dei tre gruppi che si esibiranno lunedì 19.

I 30inTango nascono all’Università di Salerno dalla comune passione di alcuni studenti e docenti per la musica e per il tango. La formazione attuale prevede un trio composto da pianoforte, violino e fisarmonica a bottoni. Nonostante il gruppo sia nato da poco tempo, i 30inTango si sono esibiti in varie occasioni, anche in alcune milonghe, riscuotendo sempre un buon successo. I 30inTango affiancano un gruppo di ballo dell’Università di Salerno, diretto dalla maestra Antonella Mazzetti, che si dedica al tango argentino.

Il Coro Pop dell'Università di Salerno nasce nel 2006 per iniziativa dell'Associazione Musicateneo, sotto la direzione del Maestro Ciro Caravano (noto al pubblico come uno dei cantanti, nonché produttore, arrangiatore e direttore, del gruppo vocale “Neri per Caso”) e con il coordinamento del prof. Paolo Coccorese. Nei propri concerti il gruppo (che consta di una ventina di cantanti provenienti a vario titolo dall'Ateneo salernitano) esegue brani celebri di musica leggera italiana ed internazionale, rielaborati, rivisti e riarrangiati in modo originale dallo stesso direttore in chiave “a cappella”. Accanto al desiderio di fare musica con impegno e passione in un'atmosfera complice e allegra, il Coro Pop si propone di rivisitare, attraverso nuove chiavi di lettura, alcuni famosi brani pop, esaltandone l'originalità dei motivi e la ricchezza dell'armonia.

L'Orchestra Jazz dell'Università di Salerno nasce nel 1998 grazie all'iniziativa di Gianfranco Rizzo (docente di Ingegneria) e Stefano Giuliano (direttore dell'orchestra). Il gruppo è formato da studenti, docenti e personale amministrativo dell'Università ed è completata da musicisti esterni. In 10 anni di attività l'orchestra ha visto numerosi musicisti nel proprio organico; per alcuni anni ci sono state ben due formazioni attive contemporaneamente (l'orchestra e la big band). La fervente attività dell'orchestra è testimoniata da decine e decine di concerti alcuni dei quali anche all'estero (Le Mans, Copenaghen) e partecipazioni a festival Jazz di rilevanza nazionale ed internazionale, fra le quali ci sono due partecipazioni ad Umbria Jazz (2002 e 2003). L'orchestra ha anche inciso due CD: "Take the U train" e "Next Station".








Caro Maestro Sollazzo, come avrete constatato con i vostri dolci occhietti c'è di tutto (e su questo non ho niente da ridire) ma niente tradizione, per ogni lamentela quindi potete rivolgervi a Associazione Musicateneo - musicateneo@unisa.it - 089963441, ma non a questo sito..

e questa svista, visto che io mi riferivo alla attuale manifestazione e non a quella passata, vi costerà come minimo una lauta cenetta.., 'a bona stagione s'avvicina...

baci




Risposta Condividi


[5]   
Da: Nicola 
(Contrada (AV))
  Re: campusinfesta
[19-05-2008]  
Io credo che questa manifestazione non abbia nulla a che vedere con CAMPUSINFESTA. Credo sia semplicemente un'altra manifestazione.

Risposta Condividi


[6]   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  Re: campusinfesta
[19-05-2008]  
a questo punto lo credo anch'io, ma a me questo mi è stato comunicato..

Risposta Condividi


[7]   
Da:  
  Re: campusinfesta
[20-05-2008]  
no alfò questo è un altro fatto....se ci fai caso le date sono diverse....non credo abbiano ancora comunicato il programma che di solito non si discosta tanto di anno in anno...
ciao s.

Risposta Condividi


[8]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: campusinfesta
[20-05-2008]  
e allora quando esce il programma mandatemelo..

Risposta Condividi


[9]   
Da: maurizio 
(calabria)
  Re: campusinfesta
[20-05-2008]  
il programma di campusinfesta è sempre lo stesso, suonano sempre gli stessi, alcuni addirittura da una decina di anni.
quest'anno gira voce che tornerà pure mario artese e poi giancarlo parisi e faisal taher e poi io ovviamente.
attenti però che suoniamo tutti con le artesecaster!!!!
e addirittura parisi suona la zampogna cromatica!!!!

attenti a voi necrofili, l'8 giugno vi conviene restare nelle vostre teche museali.

ahahahahah


Risposta Condividi


[10]   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  Re: campusinfesta
[21-05-2008]  
sarei curioso scambiare quattro chiacchiere con Mario e di presenziare certo di assistere ad una performance più inebriante di quella ultima romana ma la lontananza.. e poi le date coincidono con la "XV festa per la cultura" al quartire Garbatella di Roma dove come ogni anno allestisco una piccola mostra nella piazza (piazza Masdea) dedicata alla musica di tradizione, ecchèvvuofà.. le necrofilìa è 'na brutta malàtìa..

colgo l'occasione per chiederti, conoscendo le tue frequentazioni, un'informazione alla quale finora nessuno ha ancora saputo rispondere: ma i zampognari dalle parti tue hanno un santo protettore o un santo (o madonna) a cui si sentono particolarmente devoti ?

Risposta Condividi


[11]   
Da: maurizio 
  Re: campusinfesta
[22-05-2008]  
mi spiace ma noi performance inebrianti non ne facciamo più da parecchio tempo, siamo troppo ebbri.

ah... mario è poco loquace in questo periodo, per fortuna

riguardo la devozione, mi meraviglia questa domanda.
in calabria vige un ricco politeismo, cosa aspettarsi del resto da popoli pagani.
in particolare i brettii o bruzi che dir si voglia hanno varie divinità ufficialmente cattoliche, sostanzialmente parificabili a roba degli egizi o di altri popoli affini ai calabresi (turchi, assiri, ittiti).


Risposta Condividi


[12]   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  Re: campusinfesta
[22-05-2008]  
la mia domanda non ti deve meravigliare, è solo che mi pare strano che gli zampognari non abbiano un santo protettore..

Risposta Condividi


[13]   
Da: gianluca zammarelli 
  Re: campusinfesta
[22-05-2008]  
santi protettori o no, è solo l'uomo che può proteggersi! e se poi i festivals rinnovano i loro programmi o li mantengano invariati negli anni oppure siano tradizionali o meno sono cose che interessano poco.
Potrebbero essere noiosi 3 zampognari di 80 anni, come la zampogna cromatica di Parisi.
Quel che manca in molti festivals, non dico tutti, è spettacoli che dicano qualcosa e che lascino una comunicazione al pubblico, sennò sono sterili "esibizioni" seppure fatte da grandi musicisti che in quanto tali umilmente rispetto e stimo.
Il motivo per cui io personalmente non vado ai festivals (se non invitato) è perchè mi annoio a sentire gruppi molto simili tra loro, goffi tentativi di stravolgere strumenti tradizionali per fare altro ( quando io suono tutto con una semplice ciaramella tradizionale lucana), vedere spettacoli autocelebranti in cui tutto il dialogo con il pubblico si riduce a "grazie", "ora facciamo questo...", tutto ben preparato da prove e senza improvvisazione.
Non mi riferisco chiaramente al CAMPUSINFESTA, nè agli organizzatori dei festivals che chiamano chi trovano, credo solo (potrei sbagliarmi) che il panorama della musica etnica italiana sia un pò povero, sia nei repertori, sia nella reale creatività artistica dei musicisti (per creatività non intendo quindi bravura tecnica, anche se può aiutare).
Spero che questo mio intervento non sia fonte di polemiche aspre in quanto è solo una mia opinione personale.

Risposta Condividi


[14]   
Da: maurizio 
  Re: campusinfesta
[23-05-2008]  
sante parole

Risposta Condividi


[15]   
Da: stefano 
(aquestopuntononloso)
  Re: campusinfesta
[23-05-2008]  
parole sante!!

Risposta Condividi