www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 17 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso 
  segnala un evento
[20-12-2007]  
vi segnalo un evento, un caso di commistione tra genio e musica popolare, e lo segnalo perchè sarà ineterssante vedere il risultato, ricordate "ti regalerò una rosa" ?...

il 21 Dicembre al Lian Club di Roma Simone Cristicchi presenta un inedito Racconto di Natale
La vicenda (che vede Simone Cristicchi interpretare alcuni brani dedicati al Natale) si snoda come un viaggio nel passato che passa per una critica al consumismo del presente, e l' immagine di un futuro non privo di speranza.

Inedita anche la formazione che lo accompagna: Cristicchi sarà sul palco con tre bravissimi musicisti che eseguiranno musiche tratte dalla tradizione popolare natalizia.
Il racconto è affidato ai pensieri lucidi e sognanti di Giacomino, un bambino di 13 anni che si appresta a festeggiare la Vigilia di Natale con la sua famiglia strampalata. La nonna e il Natale di tanti anni fa a Rocca di Papa, il padre miscredente che smonta le credenze, e una Mamma incinta al nono mese di gravidanza.

Formazione:
Simone Cristicchi, voce;
Raffaele Pinelli: organetto;
Marco Cignitti: Zampogna;
Massimo Cusato: Rumori e percussioni

Lian Club :Via Degli Enotri 8 (S.Lorenzo)-Roma.


Risposta Condividi


[1]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: segnala un evento
[02-01-2008]  

2, Via dei Portoghesi
I-00186 Roma
Tel.: (+39)06-68-80-24-96
www.ipsar.org
Email: segreteria@ipsar.org


Venerdì 4 Gennaio, ore 21:00 - Chiesa di Sant’Antonio dei Portoghesi
Lezione – Concerto sul “Friscalettu”
a cura di Carmelo Salemi
Lo strumento a fiato per eccellenza della tradizione agro-pastorale è il flauto a becco di canna degli antichi pastori greci che in siciliano diventa “friscalettu”, così viene chiamato in diverse parti dell’isola.


Risposta Condividi


[2]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: segnala un evento
[02-01-2008]  
allora integro la notizia con questa locandina






Risposta Condividi


[3]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: segnala un evento
[08-01-2008]  







per i particolari guarda il calendario..

Risposta Condividi


[4]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[22-01-2008]  
Sabato 26 gennaio 2008 alle ore 14.30 nel Comune di Pescorocchiano (Rieti) (località Girgenti) Avrà luogo il
Carnevale degli ZANNI


In passato quasi ogni villaggio della Valle del Salto aveva la propria Compagnia degli Zanni, formata da una ventina di persone ognuna vestita in modo diverso per interpretare la propria maschera. Queste Compagnie si sfidavano per la Conquista del Castello facendosi domande a vicenda. Chi rimaneva senza risposta perdeva ed il bottino del Castello, ossia il rinfresco offerto dalle famiglie. Si citavano l’Iliade, l’Odissea, la Divina Commedia e le storie dei Paladini e dei Reali di Francia. Questi libri venivano letti la sera davanti al fuoco e quasi imparati a memoria. Ad ogni famiglia che offriva il rinfresco si faceva un ringraziamento in rima.
Per APPROFONDIMENTI
Visitare in Informazioni ed Appuntamenti il sito www.saltarello.eu


Risposta Condividi


[5]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[28-02-2008]  







Risposta Condividi


[6]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[02-03-2008]  
un'incredibile armonia scaturita dalla totale fusione fra cantori, danzatori, suonatori, pubblico locale e quello venuto da Ronciglione, Sulmona, Aprilia, Roma, Veroli, Carsoli, Orvieto e tanti altre località, ha decretato la riuscitissima 2^ edizione..

un momento della tenzone e la
foto ricordo dei cantori, suonatori e danzatori...














Risposta Condividi


[7]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[03-03-2008]  
qui potete scaricare un filmato di "Stornelli & Vino" 2008 (49 MB):

www.alfonsotoscano.it/stornelli&vino2008-r.wmv

Risposta Condividi


[8]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: segnala un evento
[04-03-2008]  
Grazie Alfonso del bel filmato. Mi dispiace non essere potuta intervenire.

Risposta Condividi


[9]   
Da: Betsabea 
  Re: segnala un evento
[04-03-2008]  
Beddi cotrari!

Invece io vi rinnovo l'invito per domani:

----------------------------
Mercoledì 5 Marzo 2008 ore 19:30

Presentazione del Libro
“La Settimana Santa a San Luca”
A cura di Ignazio E. Buttitta
Foto di Angelo Maggio
CD a cura di Sergio Schiavone

Interviene
Angelo Maggio-Etnofotografo

°°°
Libreria ANIMA MUNDI
Via dei Rutoli 15 (San Lorenzo), Roma

(A seguire Musica tradizionale calabrese)

Contatti

adaria3@gmail.com
www.adaria.blogspot.com


Risposta Condividi


[10]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[08-03-2008]  
oppure http://www.youtube.com/watch?v=QCVEjqZt9mE

Risposta Condividi


[11]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[30-04-2008]  
Un bell’appuntamento per domani 1° maggio :

Si Canta Maggio

1° maggio 2008 all'Auditorium di Roma


Per la prima volta in Italia più di duecento artisti provenienti da tutte le regioni si riuniranno per festeggiare, con i canti del lavoro, il Primo Maggio.
Una grande festa, un grande spettacolo, all’aperto e al chiuso, al Parco della Musica aperto al pubblico, dalle 10.30 alle 23.00.

Si canta maggio è un omaggio ai canti di lavoro, a questa grande e importante forma di cultura sociale, testimonianza della perenne necessità di riaffermare il diritto al lavoro, è una manifestazione che evidenzia il legame di questa antica tradizione musicale sia con le feste contadine connesse al ciclo della primavera sia con le forme espressive del canto sociale italiano. Un genere che ha segnato profondamente la storia culturale del nostro Paese diventando con i suoi straordinari esempi musicali l’ideale colonna sonora di tutte le storiche battaglie sociali per il diritto al lavoro.

Prodotta dalla Fondazione Musica per Roma con la direzione artistica di Ambrogio Sparagna e la collaborazione di UPI-Unione Province Italiane, del Comitato Festival delle Province - Rete Italiana di Cultura Popolare e dell’Azienda Romana Mercati, la giornata è divisa in due momenti: il primo, “Maggio fuori Porta”, è una festa all’aperto caratterizzata da gastronomia, mostre, teatro, musica, balli e canti tipici della tradizione contadina; il secondo, “Benvenga Maggio…” in sala Sinopoli, consiste in tre concerti sul repertorio dei canti di lavoro e sociali con gli alberi dei canti della tradizione popolare italiana.

"Una giornata - ha spiegato Ambrogio Sparagna - tutta dedicata al repertorio dei canti di lavoro, che costituisce per la musica popolare un asse fondamentale, insieme ai canti d'amore e ai canti religiosi. Ci saranno circa 200 musicisti che nella vita non fanno questo mestiere, ma anche protagonisti piu' affermati ".
La mattina sarà allestita una Mostra-mercato negli spazi esterni dell’Auditorium a cura dell’Azienda Romana Mercati. L’uso particolare dell’allestimento scenografico degli stand sarà finalizzato a ricostruire negli spazi esterni dell’Auditorium Parco della Musica un’antica fiera contadina. I banchi con verdure, ortaggi, formaggi, saranno collocati accanto a stand con espositori di strumenti popolari come zampogne, flauti di canna, chitarre battenti, tamburelli e vicino a una baracca per spettacoli di burattini. In questo spazio sarà allestita anche una Mostra sugli oggetti sonori legati al mondo del lavoro a cura del Civico Museo del paesaggio sonoro di Riva di Chieri (Torino).
A partire dalle 13 saranno distribuite fave, pecorino e vino bianco perpetuando l’antica usanza romana delle uscite fuori porta in occasione del primo maggio. Già dal mattino il Maggio fuori Porta sarà accompagnato da una serie di intermezzi di pizziche e tarantelle e tammurriate eseguiti da alcuni gruppi di musicisti-ballerini, intervallati da parate musicali della Banda di Testaccio e da spettacolo di teatro di burattini della Compagnia di Maurizio Stammati.
"Si canta maggio" sara' divisa in due momenti:
il primo, "Maggio fuori porta", sara' una festa all'aperto completamente gratuita con musica, gastronomia (saranno distribuite fave, pecorino e vino bianco), mostre, teatro, balli e canti tipici della tradizione contadina;
il secondo, "Benvenga Maggio..." si sviluppera' all'interno della sala Sinopoli e consistera' in tre concerti (che costeranno 2 euro l'uno) sul repertorio dei canti di lavoro e sociali, insieme a quelli della tradizione popolare italiana.
Area Pedonale ore 10.30
Inaugurazione "Maggio fuori porta" mostra mercato e mostra sugli oggetti sonori legati al mondo del lavoro

Cavea e Area Pedonale dalle ore 11 alle 16
Banda Popolare di Testaccio
Teatro delle Marionette
Trallallero
Pizziche e tammurriate

Area Pedonale ore 13
Pranzo Sociale a base di fave, pecorino e vino bianco e ronde spontanee

Area Pedonale ore 15
Têtes de Bois presentano il volume “Avanti Pop”
a seguire "Benvenga Maggio..." si sviluppera' all'interno della sala Sinopoli e consistera' in tre concerti (che costeranno 2 euro l'uno) http://www.auditorium.com/eventi/festival/4921729



Risposta Condividi


[12]   
Da: sara 
( )
  Re: segnala un evento
[18-05-2008]  
DOMENICA 25 MAGGIO

INIZIATIVA CULTURALE "PALESTINA- KURDISTAN"

In occasione della Settimana di solidarietà mondiale con i popoli dei territori non autonomi dichiarata dalle Nazioni Unite dal 25-31 Maggio il Centro socio culturale ARARAT e l'Associazione degli Amici della Mezzaluna Rossa Palestinese vi invitano alla

INIZIATIVA CULTURALE "PALESTINA- KURDISTAN"

18:30 – 20:30 proiezione all'aperto del film sulla Palestina "Jerusalem....the east side story" di Mohamed Al Atar e del film sul Kurdistan "Berwedan" di Orsola Casagrande

20:30- 21:30 cena tipica Palestinese e Kurda

21:30 – 22: 00 spettacolo di danze e muiche kurde con i musicisti dell'Accademia Kurda di Amburgo e con il gruppo di danze Koma Rozerin

22:00- 22:30 spettacolo di dabkeh palestinese

Dalle 22:30 musiche e balli di gruppo Kurdi e Palestinesi

INGRESSO LIBERO


Risposta Condividi


[13]   
Da: sara 
( )
  Re: segnala un evento
[18-05-2008]  
Workshop di Danze Kurde

23-24 maggio 2008

Ore 16:30 - 19:30

Presso il Centro Socio Culturale "Ararat", via di Montetestaccio 28, Roma
(largo Dino Frisullo Spazio Boario)

In Kurdistan esiste un ricco patrimonio di danze poichè quasi ogni città possiede il proprio repertorio coreutico, tramandato di generazione in generazione dai più anziani ai più giovani.

La danza è presente nei momenti più importanti della vita sociale e culturale della comunità.

Generalmente le danze kurde sono miste. Seguendo il ritmo della danza i ballerini si tengono o per il mignolo o per la mano, oppure posando la mano sulla spalla del partner.

Tutto il corpo partecipa alla danza, ma solo i piedi e il busto eseguono movimenti precisi e ritmati.

Esistono differenti varietà di danze kurde che vengono indicate sia con il nome della regione di cui sono originarie sia dalla forma dei movimenti che vengono eseguiti.

Si è scelto di insegnare alcune delle danze più diffuse, quali ad esempio epik, delilo, halay, esmer, shexani, botan, balli che sicuramente ad una festa kurda si ha occasione di ballare.

Il workshop inizierà con la presentazione del maestro e dei musicisti portatori della tradizione musicale e coreutica del Kurdistan turco.

Seguirà una breve introduzione teorica delle danze di quest'area.

Durante tutta la durata del workshop i balli saranno accompagnati dalla musica dal vivo e saranno guidati dall'insegnante kurdo, diplomato presso l'Accademia culturale kurda di Amburgo, con la collaborazione di altri ballerini professionisti.

Costo del workshop 40 euro

Per iscrizioni e informazioni contattare Sara e Francesca, cell. 3392077477 - 3201138021, oppure scrivere all'indirizzo rozerin.azad@gmail.com



Risposta Condividi


[14]   
Da: alfonso 
(grande lucania)
  Re: segnala un evento
[28-05-2008]  
postato da Samnispentrorum (Contado di Molisio):

................................................................. ...........
MAJELLA EtnoFestival
Suoni, canti e balli della tradizione in Abruzzo

San Valentino in Abruzzo Citeriore (PE)
26-28 luglio 2008

V Edizione
Saltarella, organetto, tamburello
- - - - - - - -

Promosso e organizzato dalla
Pro Loco di S.Valentino in Abruzzo Citeriore (Pe)

Direttore artistico: Silvio Pascetta
Comitato scientifico: Domenico Di Virgilio, Giuseppe Gala, Adriana Gandolfi, Silvio Pascetta.

Comitato organizzatore: Pro Loco di San Valentino, Comune di San Valentino, Associazione d'Idee, Ass. "Paese in Arte", Ass. "Sempre verdi", Ass. Alpini, Comitato "Memorial Settimio Tontodonati", Ass. Sportiva "Top master", Ass. Cult. "Taranta" di Firenze.

PROGRAMMA:

CORSI DI BALLO POPOLARE (dal 26 al 28 luglio)

* I BALLI POPOLARI ABRUZZESI
- Etnocoreologia (prof. G. Gala, Univ. di Firenze): 2 ore
- Tecnica e didattica del ballo (Gala e Miniati, ricercatori): 8 ore


OSPITALITA': i partecipanti ai Laboratori saranno alloggiati gratuitamente dal Comune e dalla Pro Loco di S. Valentino presso scuole e ambienti attrezzati di letti. Vitto a prezzi convenzionati.


LABORATORI DI MUSICA

* LABORATORIO DI ORGANETTO (lu ddu bbottë) (dal 26 al 28 luglio)
lezioni tecniche (10 ore): inss. Massimiliano e Domenico Di Teodoro, giovane suonatore tradizionale del Teramano.
* LABORATORIO DI TAMBURELLO ABRUZZESE (dal 28 al 29- luglio)
lezioni tecniche (10 ore): ins. Silvio Pascetta (stile amatriciano).

* * *

INCONTRO DI STUDIO
San Valentino in Abruzzo, venerdì 26 luglio, ore 16
La ricerca etnografica tra Majella e Val Pescara.
Presentazione dei risultati della ricerca sulle tradizioni locali a cura della Pro Loco.


* * *

Majella Etnofestival

FESTE e CONCERTI
_________


Programma in via di definizione



Nelle altre sere concerti e feste in vari centri della zona

*********


SAN VALENTINO - centro storico - IL FESTIVAL
VENERDÌ 26 LUGLIO
ore 20
per Cantine e Osterie
cena, spuntini e cucina tradizionale
ore 21
“Musica Etnica in Concerto e ballo in piazza”
Vecchi e giovani musicisti della tradizione abruzzese

SABATO 28 LUGLIO
ore 18
Incontro con le Autorità e inizio della festa
Sala Polivalente “Cinema Majella” P.za degli Uffici
“Pe lle vìje i pe lle rüe”
Esploriamo il Paese suonando e cantando: si parte da P.za degli Uffici, chiunque sappia suonare qualcosa si unisca al corteo! Strada facendo incontrerete Osterie e “Frasche” ("frasca" è un nome antico che indica una cantina o comunque un posto dove si può bere e mangiare) Si potranno gustare prodotti e vini locali.

Ore 21
Concertone finale e festa in piazza
con i seguenti gruppi:
Abruzzo: “A ssaltarelle”
“I musicisti e cantatori di Colledoro”
Suonatori molisani di bufù
Suonatori lucani

- - - - - - - - - - -

INFORMAZIONI

- Silvio Pascetta: 328-9180079 - silviopascetta@yahoo.it

- info@majellaetnofestival.it

- TARANTA
Associazione Culturale Tradizioni Popolari
Via degli Alfani, 51 - 50121 FIRENZE (Italia)
Tel+fax: +39 055-295178 - Mob. 39 347-5000000
email: taranta@taranta.it

--------------

http://www.majellaetnofestiva l.it/

http://www.taranta.it/majella.html


Risposta Condividi


[15]   
Da: Samnispentrorum 
(Contado di Molisio)
  BALLARELLA E TARANTELLA DEL MATESE
[30-05-2008]  
ESTADANZA IN CAMPANIA
CUSANO MUTRI (BN)
10-16 agosto 2008
48a edizione (1° anno cusanese)

BALLARELLA E TARANTELLA DEL MATESE
Balli tradizionali della Campania
Corso specializzato

Valido anche come
Scuola di Formazione per insegnanti
di balli popolari della Campania
della UISP Lega Danza (1° livello)

. . . . . . .

Esplorazione nel Matese. Quest'anno esploriamo una nuova area e nuovi repertori, del tutto sconosciuti persino ai rari intenditori, ai diversi appassionati ed ai molti "consumatori" di danza popolare italiana. Il Matese ed il Sannio sono zone dell'altra Italia, quella ignota e silenziosa: quasi sconosciute nel panorama etnocoreologico ed etnomusicologico italiano, sono terre quelle del Matese e del Sannio non appariscenti , che vivono il loro quotidiano rapporto di conservazione, innovazione e contraddizione con la propria identità tradizionale. Eppure qui abbiamo trovato tracce di ballarelle e tarantelle, presenza del doppio flauto e di strane percussioni. Resistono le questue rituali con corredo di canti e di musiche. La gente si ritrova ancora in varie forme espressive "proprie".

La ricchezza dei balli tradizionali della Campania. Ci saranno lezioni specialistiche sul variegato mondo della danza popolare campana. La conoscenza dettagliata dei molti balli praticati nella tradizione di una delle regioni più etnocoreuticamente ricche deriva da ventotto anni di ricerca e da una documentazione etnografica attendibile. Verrà esposta una esaustiva radiografia delle abitudini festive delle varie zone della regione, molto diverse tra loro. I partecipanti apprenderanno i balli della parte settentrionale della regione, che con la ballarella si collega al Lazio meridionale e al Molise. Tra le varie forme di ballo sul tamburo che circondano ad anello tutta l'area napoletana abbiamo scelto di studiare il modello domiziano, ancora oggi danzato nei comuni del Casertano e della zona flegrea. Dalla parte meridionale, etnicamente più lucana, sarà presentata una composita tarantellla particolarmente ricca di figurazioni

Le giornate saranno per metà laboratoriali (lezioni di ballo, lezioni teoriche di Antropologia della danza e di Storia delle tradizioni popolari) e per metà itineranti (visite e incontri a Cusano e nei comuni della zona).

• LABORATORIO SUI BALLI DELLA CAMPANIA

DISCIPLINE e DOCENTI

- Antropologia della danza: Giuseppe M. Gala (ore 6).
- Tecnica di ballo: ins. T. Biagi, P. Gala, T. Miniati e ballerini tradizionali (ore 20)
- Storia delle tradizioni popolari: (Lezioni "applicate" incontri, conferenze, visite guidate, partecipazione a feste popolari) (ore 14)
Totale delle attività didattiche: ore 40

- Per gli allievi della Scuola di Formazione da aggiungere
Esperienze di ricerca etnocoreutica sul campo: ore 8


REPERTORIO DEI BALLI
Ballarelle a una e due coppie del Matese, tarantella "figurata" della valle del Sele, ballo sul tamburo (detto anche "tammurriata") dell'area domiziana, tarantella del Sannio beneventano, tarantella di Montemarano, balli-gioco.

CONVIVIA
Incontri con studiosi, personaggi e storie di vita del Matese e del Sannio.


OSPITALITÀ

Alloggio
- Sistemazione economica: i partecipanti saranno ospitati gratuitamente dall'Amministrazione comunale di Cusano presso l'edificio scolastico con bagni e doccie della palestra, oppure in altro locale della sede parrocchiale con bagno e doccia.
- Sistemazione più confortevole: agriturismo e B&B convenzionati a pagamento da 12-15 € a notte in su. Oppure provvedere in proprio sulla ricezione disponibile in loco.

Pasti:
La colazione, il pranzo e la cena saranno consumati in ristorante: costo giornaliero complessivo 20,00 €.


VISITE, INCONTRI e FESTE
L'intera settimana - come annunciato sopra - prevede un'intensa attività di visite guidate etnografiche, artistiche e ambientali: botteghe artigiane, chiese del Matese, centri storici di Cusano Mutri e Cerreto Sannita, Museo della "Gente senza storia". Visite alle botteghe artigiane della zona, fra cui le ceramiche policrome di Cerreto Sannita e San Lorenzello. Incontri con portatori della tradizione, visione guidata di video di ricerca e possibilità di dibattiti accompagneranno il soggiorno a Cusano Mutri. Le serate saranno allietate da vari concerti della zona a base di ballo liscio, quadriglia e ballarelle.

INFORMAZIONI PIÙ DETTAGLIATE E ISCRIZIONI:


Per avere ulteriori informazioni telefonare al n. 055-295178, oppure al tel. mobile 347-5000000 / 338-6794866 / 347-6186994

email: taranta@taranta.it

Ulteriori informazioni:

http://www.taranta.it/ED08-CusMtr.html

Risposta Condividi