www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 15 Ottobre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso  
( )
  l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
a proposito di riciclo mi viene in mente che sono proprio tanti gli esempi di parti o interi strumenti musicali "popolari" realizzati con materiali riciclati, la prima cosa che mi viene in mente sono i sonagli della tammorra, rigorosamente realizzati con le lattine dei pomodori e di ogni altro contenitore metallico che altrimenti sarebbe finito nella spazzatura, e so di alcune tammorre realizzate riciclando i setacci della farina, magari bucati.. ed ho notizia certa e documentata di una chitarra battente ricavata proprio da una "seta" ossia un setaccio di discrete dimensioni, rubato appositamente per l'occasione..

a volte basta guardarsi attorno con un minimo di attenzione per scoprire insospettabili casi di riciclo o vere e proprie "vocazioni" di alcuni oggetti a far parte di strumenti musicali..




Risposta Condividi


[1]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
I miei strumenti più recenti:

Buatta di caffè Illy da Bar (è di un metallo "acciaioso" armonico): steel drum; cubba cubba
Tubo di rame da termoidraulica: flauto a corteccia (eccezionale)
Tubo in Pvc da elettricista: flauti vari




Risposta Condividi


[2]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
Senza allontanarci troppo:
- le zampogne molisane sono un esempio tra i più antichi di riciclaggio: la chiave, a memoria di uomo vivente, è realizzata con lamiera proveniente da lattine di conserva o di altra derrata alimentare e l'interno dell'otre con vecchie camere d'aria di automobili ricoperte con il "pile" recuperato da vecchi giacconi di montagna (gli "eschimo") mentre l'anima delle ance di canna è anch'essa derivante da scatolame vario;
- il "putipù" è spesso costituito da vecchi bidoni di lamiera;
- la vecchia chiave che, con l'aggiunta di una bottiglia vuota, fornisce una sonorità ritmica veramente efficace;
- Le unghie di capra possono essere usate per farne crepitacoli.
La lista dovrebbe continuare.

Pino

Risposta Condividi


[3]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
Sperando di rivolgermi all'Alfonso autentico e non a quello "ricliclato" (Vedi Metafore, ambiguità e doppio senso .... ma no scherzo, ho controllato l'IP....) mi complimento per questa originale discussione.

Per rafforzare quello che hai appena scritto, ti dirò che mio fratello Antonio, che costruisce tammorre, ne ha fatta una ultimamente utilizzando i tappi delle bottiglie per sonagli. E' una icona che tiene lì appesa alla parete ma non la suona perchè il suono non è dei migliori.
L'informazione del "setaccio" gliela voglio passare per sapere come la pensa!

Credo che ci sarà molto da dire a riguardo degli strumenti percussivi.


Risposta Condividi


[4]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
I tappi a corona per bottiglie sono ottimi cimbali se temprati, ma sono un po' piccoli per una tammorra, si adattano meglio al tamburello campano, calabrese, lucano e siciliano.

Risposta Condividi


[5]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
.... difatti ho detto tammorra erroneamente .... era un tamburello ....! Giusta precisazione di Avvocatista.

Una piccola zucca vuota lasciata essiccare produce il suono dato dai semini rimasti all'interno.

Insomma una specie di Maracas. In questo caso protagonista è la natura. Ne posseggo una ... ma non posso mostrarvela perchè questo nuovo computer non mi fa caricare l'immagine (per la gioia di qualcuno).

Risposta Condividi


[6]   
Da: Alfonso  
( )
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
andiamoci piano, che c'entra la bottiglia e la chiave ? il riciclaggio vero e prorio avviene quando vengono utilizzati oggetti che hanno esaurito la loro funzione, destinati alla spazzatura..

nel caso della bottiglia e della chiave possiamo parlare di "uso improprio" di oggetti altrimenti destinati, ed anche il caso della zucca essiccata con i semi non lo metterei fra i casi si riciclaggio, sarebbe come dice che le lire calabre sono fatte con materiali riciclati perchè di ricavano da un ciocchetto scavato..

eccellente invece l'esempio della zampogna molisana citata da Pino, altro che "raccolta differenziata", oltre ai cannelli delle ance citati da Pino vorrei aggiungere le ance per ciaramella e per zampogna ricavate dalle bottiglie di acqua minerale, vasetti dello yogurt, carte telefoniche, tra zampognari e ciaramellari già sono comuni discussioni che decantano le qualità delle bottiglie di una nota marca di acqua minerale rispetto ad un'altra ..

Carlo, i setacci usati per le tammorre sono quelli "di una volta", costruiti per durare una vita, non quelli che si trovano oggi di sia pur rispettabile provenienza cinese..

insomma:

Pino: 7 -
Avvocatista: 7
Carlo: 6 1/2

ps: Carlo, siamo tutti contenti che ti sei fatto il computer nuovo..

Risposta Condividi


[7]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumen
[29-03-2007]  
Mi sembra di essere tornato a scuola, che bellezza.

Quirino Valvano (che Alfonso conosce bene) da ecologista convinto, ha costruito una serie di tamburelli utilizzando il fondo di bidoni e bidoncini per la cornice. Il risultato è molto modesto (a mio avviso), ma va premiata la buona volontà e lo spirito ecologista.

Per chi volesse far cimentare dei bimbi...

www.gruppohera.it/binary/hera_ferrara/scuola/Progetto_str umenti_musicali_2005.1106240073.pdf

Risposta Condividi


[8]   
Da: Salvatore Venerato 
(kalukapu)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
- Con i ferretti dell'ombrello rotto, si facevano i tasti della battente e la chiave della zampogna...
- Con gli "scuorzi" delle cozze e delle vongole si fanno i crepitacoli...
aggiungo un elemento per il putipù di Pino, la vescica del maiale....

E via....

Risposta Condividi


[9]   
Da: Alfonso  
( )
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
Complimenti a Quirino, un vero riciclatore !
ma un'altro riciclatore DOC è senz'altro il nostro buon Giueppe Lerose che utilizza l'anima di acciaio dei tergicristalli recuperati nella sua officina per fare i tasti delle sue battenti !

a chi andrà la palma di "Riciclatore Nato" ?



Risposta Condividi


[10]   
Da: Alfonso  
( )
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
Salvatò, ma sei sicuro che la vescica sia adatta al putipù ? mi sembra abbastanza delicata per resistere alla annodatura della canna, mah !
Buona quella dei ferretti degli ombrelli..

6 1/2

nota: dài ! puoi fare di più!







tammorra con sonagli ricavati da lattine di pomodori San Marzano da 800 gr.

Risposta Condividi


[11]   
Da: Salvatore Venerato 
(kalukapu)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
Sicurissimo, l'avevo a casa, l'aveva fatto un vecchietto di Pisticci in provincia di Matera...
Era stata conciata, certo quando lo suonavi dovevi essere delicato... Aveva un basso stupendo....
Dico l'avevo perchè l'ho tolta, puzzava talmente tanto che la mia ragazza ha detto o tu o la vescica...

Risposta Condividi


[12]   
Da: Avvocatista 
(Lucania)
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumen
[29-03-2007]  
Roba da dilettanti,

guarda questi di che sono capaci:

http://www.oddmusic.com

Risposta Condividi


[13]   
Da: gianfranco preiti 
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
avvocati', e ti pareva troppo il nastrino
un abbraccio
gianfranco

Risposta Condividi


[14]   
Da: Alfonso  
( )
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
Caro Avvocatìsta,
il sito è inubbiamente interessante ma vorrei (il topico è mio !!!) che si rimanesse strettamente sul tema: "l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari" senza sfociare nell "Arte del Riciclaggio nella invenzione di innovativi strumenti musicali",

esempio, qui sotto un cordofono realizzato con le scatole dei sigari, in tutto il continente americano c'è una vera e propria tradizione al riguardo, quindi anche una iconografia e perfino dei musei,












ma mi piacerebbe che ci mantenessimo dalle nostre parti..

Risposta Condividi


[15]   
Da: Alfonso  
( )
  Re: l'Arte del Riciclaggio negli strumenti musicali popolari
[29-03-2007]  
vorrei denunciare un caso di sofisticazione..,
questp è un putipù realizzato con un oggetto che credo sia stato appositamente costruito per lo scopo, in quanto non mi sembra che possa avere una funzione plausibile, ma potrei anche sbagliarmi.. o no ?






Risposta Condividi