www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Mercoledi 23 Settembre 2020

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Esperienze di sala d'incisione
[08-03-2007]  
Quasi tutti i partecipanti a questa "chiazza", sono sicuro, hanno avuto esperienze di sala d'incisione!

Questo nuovo argomento può essere affrontato da diverse angolazioni ... derivanti dal diverso tipo di approccio che ognuno ha avuto con le registrzioni in sala.

1) Ci siamo recati in sala per registrare i nostri lavori
2) Abbiamo prestato la nostra opera per i lavori degli altri
3) Abbiamo accompagnato in sala alcune persone appartenenti al mondo contadino ed agro-pastorale (cosa non frequente ma possibile)
4) Utilizzo il termine "sala" per comodità ma oggigiorno la sala può essere anche la propria abitazione visto che per registrare ora basta un semplice programma musicale. A tal proposito in questo spazio potrebbo anche scambiarci informazioni sui relativi programmi e sulla loro reperibilità (es. Internet).

Si sa che in sala si registra per tracce e poi alla fine si canta su una base musicale. Però alcuni gruppi preferiscono registrare in presa diretta. La "presa diretta" va a discapito del risultato finale ma è più autentica. Voi cosa ne pensate ?










Risposta Condividi


[1]   
Da: Maruko 
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[08-03-2007]  
Io penso che la verità sta nel mezzo. Cito "sangue vivo" degli Zoè. Suonato contemporaneamente (non in "presa diretta") ma su tracce separate e filtrate tra loro semplicemente dividendo in stanze diverse gli esecutori. Che comunque suonavano contemporaneamente sentendosi in cuffia theirselves... il feeling mantiene alto il livello, ma poi puoi lavorare sulla traccia singola come vuoi. Ma chi è capace a fare questo? Pochi, bisogna ammetterlo.

Ovviamente do per scontato che si parla di musica di riproposta o, quantomeno, tradizionalistica d'impostazione. Personalmente ho provato con un panoramico a registrare con noi in cerchio, e, per alcune tipologie di canti e/o esecuzioni potrebbe rivelarsi una scelta azzeccata. Ma tutto dipende dai gusti e dalla bravura degli esecutori... anche dall'eventuale desiderio di modificare più volte sonorità o timbriche. Dalla civetta bianca o nera, dal tempo e soldi a disposizione, dalla tipologia di registrazione scelta (cubase o bobina...), dalla fame e dalla fretta, dalla distanza e dal sound, dal cobra o dalla vipera. Ecco, secondo me dipende da troppe cose per dire se è meglio in un modo piuttosto che in un altro. Ognuno deve cercare di trovare la propria via. "The recording studio way".

Risposta Condividi


[2]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[08-03-2007]  
Maruko sei stato abbastanza chiaro.
Dimmi una cosa, sai se "Sangue vivo" degli Zoè è ascoltabile da qualche parte ? In caso affermativo te ne sarò grato se riporterai il relativo link.

A dopo

Risposta Condividi


[3]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[08-03-2007]  
Un altro interrogativo potrebbe essere questo:

Il suonatore di strumenti tradizionali: chitarra battente, zampogna, organetto, tammorra ....
è soddisfatto di come la tecnologia gli restituisce il suono del proprio strumento ?

Lo so, c'è microfono e microfono ... c'è sala e sala (camera acustica) .... e poi l'effettistica, il mixer, sistemi di compressione etc..etc....

Ma pensiamo che una volta l'eco e il riverbero a questi strumenti veniva fornito dai vicoli stretti oppure gli stessi suoni godevano di "tappeti" naturali come il belare delle pecore, i campanacci appesi al collo dei bovini, il cinguettio degli uccelli, il rumore del vento ..........

......... sto facendo troppa poesia ? Forse è vero .... ma una riflessione facciamola.: questi strumenti una volta portati in sala d'incisione non subiscono una forzatura ?

Risposta Condividi


[4]   
Da: Maruko 
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[09-03-2007]  
Sangue Vivo costa sui 12 euri, ascoltabile tutto on line non penso. Su www.suonidalmondo.it o www.suonidalmondo.com (non ricordo) lo si puo' acquistare. E' anche la soundtrack dell'omonimo film. Film che si puo' comprare in dvd o vhs sempre da animamundi che corrisponde a uno dei link sopra indicati.


---------------------------

Questo brano che linko è registrato con un panoramico e due unidirezionali in stanze separate. Ovviamente senza metronomo come un qualsiasi live set. Le tracce sono state successivamente lievemente regolate nella timbrica equalizzata, e in sostanza si è suonato tutti insieme:

http://pizzica.altervista.org/MP3/birbanti_ciuri_ciuri.mp 3

--------

Questo invece necessitava di un ritmo costante in bmp, indi, 22 tracce su altrettanti canali diversi e tutti e 22 con il metronomo:

http://pizzica.altervista.org/MP3/birbanti_aria.mp3

--------------------------

La varietà delle situazioni, mista ai gusti dell'esucutore, mischiata alle risorse tecniche dello studio/appassionato, mixata alle risorse economiche, inglobata al tempo materiale... insomma, una tale quantità di varianti che è impossibile determinare qualcosa. Son gusti, a me piace la granita a caffe con panna la mattina. A pomeriggio a limone e la sera a fragola e panna. Sempre con minimo 2 brioscie. Certo, sono sempre indeciso con una brioscia col gelato semplice semplice: pistacchio, nocciola e panna... gusti, insomma. A te che ti piace? BUONDì CON 'NDUJA, SOPPRESSATA CON PANNA E SMARTIES??? :d

Gusti, preferenze, possibilità etcetera.

Posso solo dirti che purtroppo il reason, gli fx di cubase, rack station e softwares vari hanno sostituito (ma non del tutto... hehe, hahahaha.. e ve ne farò partecipi, tra qualche mesetto, dai...) i vicoli e le sale dedicate. A volte è un bene, a volte un male. Siamo sempre punto e d'accapo. Gusti e possibilità.



Risposta Condividi


[5]   
Da: Pino Pontuali  
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[09-03-2007]  
Carissimi, sono con voi! La qualità di una registrazione è valutabile soggettivamente, salvo grossolane empietà.
A me è capitato di registrare, in sala, in modo sequenziale (ovvero ascoltando in cuffia le registrazioni fatte dagli altri del gruppo) e in contemporanea tutti insieme.
Tra i due sistemi, preferisco senza dubbio l'ultimo. La mia scelta però è condizionata dal mio repertorio che è molto di stile tradizionale. E' chiaro che ne perde la perfezione tecnica dell'esecuzione, ma ne acquista la comunicativa.
Suonare in contemporanea con gli altri quando soprattutto si ha possibilità di vedersi con gli altri musicisti è molto importante; l'affiatamento "visivo" ritengo sia una cosa basilare.
Purtroppo so bene che questa soluzione implica un ritorno degli altri strumenti nei propri micrfoni rendendo problematico il mixaggio, ma dotare una sala di registrazione di tante gabine trasparenti ed insonorizzate per quanti sono i componenti di un gruppo musicale, credo che farebbe lievitare non poco il prezzo orario della registrazione.
Un'altra soluzione, da non scartare del tutto, può essere la registrazione "dal vivo". Nella musica popolare, e forse anche in altri generi, il musicista dà il megio di se quando si esibisce immerso nella folla (spettacolo circolare).

Riguardo poi all'essere più o meno soddisfatti di come è il suono del nostro strumento nella registrazione credo che dipenda dal tecnico della sala e dalle attrezzature. personalmente sono sempre stato molto contento del risultato finale, ma questo può voler dire che ho avuto la fortuna di essere assistito da tecnici molto esperti.

Altra cosa è l'ambientazione; e qui le cose si complicano. Si ritorna allora a parlere di registrazioni dal vivo.

Pino

Risposta Condividi


[6]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[09-03-2007]  
Maruko, il link relativo a Ciuri Ciuri che hai registrato col panoramico e due unidirezionali non si apre ... mi dice .......... Error, ma in compenso ho ascoltato il frammento di Aria ... che poi hai sfumato se no la gente se lo tiene integralmente e non compra il disco ... no scherzi a parte, ho avvertito quella dinamica in più che solo le esecuzioni contemporanee ti danno.

E a tal proposito mi ricollego a quello che ha detto Pino riguardo l'intesa che si viene a creare tra musicisti durante le esecuzioni live ... cosa che in sala (registrando su tracce separate) non avviene.
A volte basta un cenno fatto con la testa accompagnata da una sgranatina di occhi rivolta verso il tuo collega a far scattare quell'imput in più di cui ne gode l'esecuzione tutta.

Se vi capita di leggere "Gente in Aspromonte" di Corrado Alvaro vi imbatterete in una semiotica del musicistra tradizionale descritta dall'autore con grande miniuziosità!





Corrado Alvaro



Risposta Condividi


[7]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[10-03-2007]  
La sala d'incisione è il luogo dove si fanno gli arrangiamenti!

ARRANGIAMENTO .... Che bella parola !!!!!

Quando Fabrizio De Andrè affidò alla PFM i suoi brani lo fece con un pò di perplessità.
Ho letto che egli aveva paura degli ARRANGIAMENTI/STRAVOLGIMENTI che potesse fare il famoso gruppo italiano.

Arrangiamento sì, stravolgimento no !!! In pratica era questo l'auspicio del cantautore genovese.

Il risultato lo abbiamo visto tutti. Semplicemente eccezionale !!! Un'esperienza davvero unica, irripetibile.

Lo stravolgimento, a mio avviso, non c'è stato perchè i brani di De Andrè sono rimasti intatti ... non è stata tolta una sola virgola ai testi e sono state rispettate le melodie. L'arrangiamento della PFM in questo caso ha apportato: introduzioni, abbellimenti, ricami, ritmi .... a dei brani già validi allo "stato puro".

Quindi ricapitoliamo: ARRANGIAMENTI : Abbellimenti o stravolgimenti ?

Questo esempio può essere utile per poi fare un parallelismo con la musica etnica!

















Risposta Condividi


[8]   
Da:  
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[11-03-2007]  
Ma di che diavolo stai parlando?





(Dieci minuti di silenzio).


Certo che sei un tipo veramente, hem, particolare... spazi molto, proprio... che paragoni "azzeccati" fai ogni volta.

Se non piacciono non piacciono, se piacciono piacciono.

Se si chiamano arrangiamenti, sono arrangiamenti. E non fraseggi o liriche. Ma ci provi gusto a scrivere solo per il piacere di farlo? Fammi capire?

Mah...

Risposta Condividi


[9]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[11-03-2007]  
OGNI VOLTA CHE SI INIZIA UNA DISCUSSIONE SERIA
ESCE FUORI IL SOLITO ROMPIBALLE E CERCA DI
DISTRUGGERLA.

ALFONSO DOVREBBE INTERVENIRE SERIAMENTE
ALTRIMENTI IL SUO FORUM FARA' LA FINE
DI TANTI ALTRI.

HO GIA' DETTO IN ALTRI SPAZI CHE TOLLERO TUTTO
TRANNE LE OFFESE !!!
QUINDI, CARO ANONIMO VIGLIACCO, LEVATI DALLE PALLE !!!!!



Risposta Condividi


[10]   
Da: Alfonso 
( )
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[11-03-2007]  
carlo, quando ho istituito il forum ho scelto di non imporre la registrazione, ben sapendo quello che questo avrebbe potuto provocare, quindi si è liberi di intervenire sotto qualunque sembianza od anche in forma anonima, ma tu che i quindici anni li hai passati da qualche anno dovresti saper riconoscere una provocazione, non ti pare ?

Risposta Condividi


[11]   
Da: Calabria Logos 
(Cosenza)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[11-03-2007]  
.... Però questi interventi ti tagliano le gambe perchè poi è difficile (anche per uno come me che non è certo uno sprovveduto) riprendere il discorso in maniera pacata!

Io penso che questo problema vada affrontato seriamente !!!
E fare ciò che si può fare .... non ti chiedo miracoli ... ma eliminare i post scritti
con "strafottenza" sì ... questo è nelle tue possibilità.

Un paio di foto mie le hai eliminate ... perchè non eliminare pure questi post ?

Voglio precisare che il problema non è solo mio ... ma riguarda tutte quelle persone che vogliono utilizzare il forum per scopi culturali. Queste persone vanno tutelate!

Vedi come già tre post sono stati impiegati per parlare del disappunto ... e si è perso di vista l'argomento principale ?

Risposta Condividi


[12]   
Da: Maruko 
(il paese dei balocchi.)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[12-03-2007]  
Uff... se non sai reggere una discussione sono fatti tuoi, non puoi dare del "rompiballe" così, a tuo giudizio... mister "offeso". E poi specifica in sincerità, se hai il coraggio. Specifica post, nomi e sti famosi "insulti" che hai nella testa non so dove. Gli insulti qua li esci tu. Le provocazioni, se intrinseche di verità, non sonoinsulti. Lo dice la parola stessa che non lo sono. O meglio, direi, non sono "offese", essendo provocazioni. Mischi sempre, eh?! La stessa cosa se sono talmente evidenti. Mi sono proprio rotto di assecondarti. E modera i termini, che io non ho mai pisciato fuori dalla tazza. Se sei capace di affrontare una discussione, bene, altrimenti non è che puoi uscirtene a convenienza. "Taglia quà, cambia il nome del topic la, inserisci quì, modifica li...". Hoouuu?!?!? Ma che siamo impazziti??? Discuti se reggi e basta, e non permetterti più di insultare gratuitamente. Ma ti pare che se ti incontro ritiro le cose che ho scritto? Riconfermo tutto. Sempre. Anche perchè non ho MAI e dico, MAI, scritto insulti grastuiti, come invece ti PERMETTI di fare tu. Voglio vedere se di persona riesci a dare del rompiballe a uno che, pur dicendo in totale rispetto cio' che pensa, non si permette di lordarsi la bocca ad insultare gratuitamente. Gli off topic sono TUTTI tuoi. E se hai problemi con qualcuno, affrontalo, se riesci. Non andare dal "maestrino"... e se ti senti offeso, sono assolutamente problemi tuoi, nel mio caso, perchè non è assolutamente ne mia intenzione ne mio inconscio desiderio offendere le persone. Io parlo con tutti in totale franchezza, e, per questo, SI VIENE RISPETTATI, mio caro. Anche perchè non si cambia in funzione a un capriccio o alla mala compresa di un singolo, che, evidentemente, ha serissime incompatibilità sia con la netiquette che con le accese discussioni forumistiche. Gia il fatto di aver "mandato ad un paese" Davide, solo perchè esprimenva pensieri leciti e lecitissimi avrei dovuto ignorarti completamente. Soprattutto alla luce del fatto che apri discussioni grezze, acerbe, di parte ed elementaresche. In più le cambi in corsa.


Se ti offendi per i pareri (duri, o no, non ha importanza) di un CRISTIANO che si rompe il culo a lavorare in totale onestà conducendo una vita rispettabile e all'insegna della sincerità e del rispetto... beh, non capisti ancora nenti... nenti.

Risposta Condividi


[13]   
Da: Davide 
(ra muntagna)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[12-03-2007]  
Ciao Marco non mi ha mandato esattamente a quel paese se ben ricordo mi ha detto che non voleva più avere a che fare con me, insomma più una chiusura a riccio che una mandata a fare.....però se si offende ogni volta che parlo che ci posso fare? Però Carlo, permettimi di farti osservare che, in una chiazza gli armomenti sono pubblici e alla luce del tuo intervento su De Andrè come faccio ad ignorarti o ad autoesiliarmi per il semplice fatto che tu hai proposto l'argomento? Io la mia la devo dire!
Intanto anche a me sembra che il discorso su De Andrè sia fine a se stesso, ossia non c'entra nulla con la sala di registrazione, stravolgimenti o abbellimenti? e che c'entra con la registrazione in presa diretta o a piste separate ecc.....
Io ti consiglio onde non far lievitare a dismisura i costi della registrazione (a meno che non vuoi proprio buttare il tuo danaro) di prepararli prima gli arrangiamenti, se non altro per il tempo che si perde nell'ideazione dei suddetti, se pensi fuori non paghi ma, se pensi in sala si! Tuttalpiù se il tecnico è anche un bravo musicista può dare un grosso contributo con suggerimenti ecc.....però.......però......non colgo ancora il nesso col povero Fabrizio ma che c'entra? L'anomino sarà anonimo ma non ti ha offeso ha detto la sua, e offenditi pure ma io condivido il suo pensiero.

Risposta Condividi


[14]   
Da: Maruko 
(il paese dei balocchi.)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[12-03-2007]  
Scusate, l'anonimo, solo ora noto che non c'è il mio nome sull'intervento. L'intervento è il mio, ed è anonimo solo perchè l'ho scritto dopo aver pulito la cache di explorer. Chiedo scusa per la distrazione.

Risposta Condividi


[15]   
Da: Davide 
(ra muntagna)
  Re: Esperienze di sala d'incisione
[12-03-2007]  
Chiaramente condivido anche ciò che MArco dice quando parli di eliminare i post scritti
con "strafottenza"....ma strafottenza secondo quale ottica? secondo la tua naturalmente. E se Alfonso dovesse assecondarti qui non scriverebbe più nessuno, anzi ci offenderemmo tutti per il semplice fatto che una nostra dichiarazione anche strafottente per come la leggi tu è stata cancellata. Non credo che nel forum ci siano degli interdetti, quindi ciò che si scrive rimane! Saranno i lettori a farsi un'idea di chi scrive. A meno che non ci sia un demente che propone un topic tipo: Via Maruko, o uno che scrive unicamente per dare fastidio. Pensa se il discorso fosse inverso e alcuni di noi decidessero che i tuoi interventi o i tuoi topic non sono di nostro gradimento, oppure sono scritti per autoproclamarsi, o per dire in maniera tutt'altro che celata che stai realizzando un nuovo cd e con la scusa della sala ti fai pubblicità, come la prenderesti? Diversi lustri ci separano dalla censura fascista, perchè rispolverarla?

Risposta Condividi