www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietÓ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 23 Settembre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: alfonso 
  COSA ci costringe ad amplificare ?
[25-08-2010]  
cari amici,

agli sgoccioli di una stagione che ci ha ammannito volenti o nolenti spettacoli di ogni genere mi risale dal profondo come un rflusso gastrico una domanda:

COSA, qual'Ŕ l'esigenza, che ci costringe ad amplificare ?

due risposte mi vengono facili:
a) soddisfare le richieste dei "direttori artistici"
b) soddisfare l'esigenza che la nostra musica arrivi a pi¨ persone

in tutti e due i casi mi chiedo: Ŕ giusto ? siamo sicuri che ci conviene ?

ps: vi faccio notare che nemmeno al pi¨ becero musicista verrÓ mai in mente che possa sussistere una terza opzione:
c) per soddisfare l'esigenza di migliorare la nostra esecuzione"..

Risposta Condividi


[31]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[28-07-2012]  
caro Edo, il segreto è tutto lì, decidere cosa si vuole fare, è chiaro che se si organizza un "concertone finale" mi sembra logico che si prendano quei provvedimenti tecnologici atti a farlo scoltare a tutti

e come ho detto, per me, e sottolineo per me, è lì l'errore, se fossi stato io l'organizzatore non avrei organizzato il "concertone finale", mi spiego ?

io la penso così:
quando si organizza una manifestazione con lo scopo DICHIARATO di voler perpretare/trasmettere/farconoscere la tradizione, bisognerebbe EVITARE tutti ciò che può SNATURARE la faccenda,

per esempio, quando organizzo "Stornelli & Vino" lo faccio in una bettola del 1600, dove si distribuisce per pochi spiccioli (a piacere) caciotta tiburtina e vino locale, e chiamo stornellatori da tutte le province del lazio e oltre, e quando i suonatori mi chiedono se possono venire a suonare io dico: sì, ma solo se il tuo strumento è acustico e in linea con l'evento, non ultimo non facciamo pagare l'ingresso, anche perchè cerchiamo di decentrare l'evento coinvolgendo anche la piazza pubblica antistante, e diamo spazio agli anziani che vogliono cantare anche un solo verso

ma questo è solo come la penso io, se volessi potrei: mettere un bell'impiano di amplificazione (e ce l'abbiamo, ma non lo usiamo) a tutto volume che diffonda in tutto il paese quello che succede nella cantina, e ti assicuro che accorrerebbero più dei 3-400 che vengono di solito, e se ci mettessimo a vendere panini con la salsiccia, faremmo un bell'incasso, non ti dico poi se ci mettessimo a vendere birra, e potrei anche far partecipare la Compagnia Folkloristica di Sant'Angelo Romano (che si è più volte offerta gratis di partecipare) che in"costume tradizionale" potrebbe ballare in piazza per ore e ore, e giù altre birre e panini e porchetta,

ma preferisco fare altro, e questo nonostante ti scriva dal mio supernotebook connesso wifi alla mia rete familiare,

riassumendo, non disdegno il progresso, la sperimentazione, e nemmeno l'irriverenza nè la provocazione (altrimenti non avrei costruito la battente che vedi qui http://www.alfonsotoscano.it/forum/Subject.asp?S_ID=146&H_ID=36&pagei d=2&show=1 )

ma se mi ripropongo di far conoscere la Divina Commedia non ne stravolgo le rime, per renderle più fruibili, ma le ripropongo pari pari, e poi a chi non le capisce le spiego, no ?



Risposta Condividi


[32]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[28-07-2012]  
Concordo con quanto esposto da Pier Filippo anche se condivido i principi ispiratori di Alfonso (che però non sono sempre applicabili).
Quando ero piccolo (c'era una volta...., circa sessanta anni fa), ricordo che sulla piazza antistante il castello di Bracciano (RM), in occasione della festa del santo patrono (S. Sebastiano), veniva posizionato un carretto da carico (di quelli trainati dai buoi) dove sopra veniva posto un tavolo con un fiasco di vino ed alcuni bicchieri; quello era il "palco" dove far esibire i "poeti a braccio" in modo da farli sentire ad un pubblico più vasto. Anche in quella occasione, se vogliamo essere pignoli, si snaturava l'essenza dell'esibizione, in considerazione del fatto che il luogo deputato alla poesia in ottava rima era sempre e solo l'osteria, dove i poeti battagliavano tra loro guardandosi in faccia senza curarsi dei presenti che non poetavano.

Data la particolarità del mio repertorio, che ho sempre esibito all'insegna del "Peppino blu", sempre più persone si accalcano in circolo attorno a me e coloro che arrivano per ultimi, pur sentendo il suono dell'organetto, non percepiscono la mia voce, che, data l'età e se sforzata, si esaurisce in breve tempo.
Proprio per arrivare a tutti quelli che "vogliono sentire", ho maturato la necessità di utilizzare una amplificazione portatile e di minimo impatto visivo.
Caro Alfonso, anche se la cosa, ne ero sicuro, ti fa inorridire e proprio perché, come te, amo la musica popolare, userò mezzi diversi, a seconda delle situazioni, per poterla divulgare nel "modo più fedele alla realtà", intendendo, come realtà, quella di oggi e non quella di ieri.
D'altra parte mi piace quando mi si dà l'appellativo di portatore della tradizione, e per questo non intendo fare, con le mie esibizioni, una "esposizione museale" di ciò che era una volta, ma cerco di continuare una tradizione.
Quando canto stornelli che hanno per argomento la vita sociale di oggi, mi sento in linea coi tempi da cui non posso e non voglio estraniarmi.

Riguardo il Festival dell'Improvvisazione Contadina di Bracciano, per tutta la giornata continuerà sempre all'insegna del Peppino Blu, mentre la rassegna dei gruppi partecipanti, che si esibiranno solo dieci minuti ciascuno in un diverso contesto appositamente attrezzato con microfoni panoramici assolutamente invisibili e ben lontano dal porchettaro che, purtroppo per lui e per quelli che si attarderanno al suo banco, non potranno ascoltare, non ostante l'amplificazione, e che per tale motivo non mi pagherà (AIME') la percentuale sulle vendite.

Infine, Alfo', non mi paragonare alla "notte della Taranta" se vuoi che ti voglia sempre bene.



Risposta Condividi


[33]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[28-07-2012]  
Caro Pino sei sempre nel mio cuore.

Poiche si Ŕ ripreso l'argomento (in altri ambienti) mi Ŕ sembrato utile riunire qui i due topic "COSA ci costringe ad amplificare" e "Amplificazione, se si ...come?"

la scintilla che ha fatto riaccendere la discussione (che spero contonui qui) Ŕ stata una mia supplica che ho rivolto a Paolo Napoli nell'imminenza di Radicazioni, il festival che si svolge ad ALessandria del Carretto (CS)

Oh Santo Paolo meo da Radicazi¨ni
chist'anno vr¨cia l'amplificazi¨ni
e co' lo palco fanne focarazzo
ca veramente c'ha rutto lo cazzo

Oh Santo Paolo meo da lo Carretto
visto che lo budgŔt s'Ŕ ristretto
facci la razzia e jetta a li crav¨ni
sta robba ca c'ha rutto li cugli¨ni

Oh Santo Paolo meo da Cosenza
pensaci bene ca puoi fare senza
e co li dindi c'avanzano sicuri
nge mang'e bivi c˛ li sonat¨ri

non so se Ŕ legale ma pubblico qui le risposte in modo da avere un panorama completo delle opinioni







Risposta Condividi


[34]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[28-07-2012]  
cerco di riassumere il mio pensiero: amplificate pure certa musica, ma tenete presente che nella quasi totalità dei casi il risultato è uno schifo

questo perchè i sistemi di amplificazone andrebbero completamente riprogettati e ripensati a partire dal termine : io credo che DIFFUSIONE sia il termine giusto, il suono va diffuso, NON AMPLIFICATO, l'ecquivoco parte tutto da qui..

Amplificare è violenza, Diffondere è cosa buona e giusta

Risposta Condividi


[35]   
Da: zammarelli 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[01-08-2012]  
Alfò mi sa che ti hanno lasciato solo, su facebook c'è più pelo....

Risposta Condividi


[36]   
Da: barbara 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[22-08-2012]  
...E mo' chi glielo dice a Alfonso che vado a suonare sul palco con Sparagna e con un organetto amplificato?!?!?

Risposta Condividi


[37]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[25-08-2012]  
mi fa piacere che sia andato in porto il mio progetto.. di spedirti su Marte !

ora l'ultima tocco..: un bel Castagnari..

Risposta Condividi


[38]   
Da: barbara 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[26-08-2012]  
Quello me lo sogno di notte Alfò... e poi Ambrogio me ne da uno suo per suonare con lui... così posso dire che mi ha messo il suo strumento in mano e che l'ho suonato con molto piacere... (no comment please...).
Ora c'è solo da capire come mai sul palco l'amplificazione dell'organetto che mi ha dato non ha funzionato e mi hanno dovuto microfonare...
Tu ne sai niente di maledizioni?!?!?

Risposta Condividi


[39]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[27-08-2012]  
cara Barby, lo sai che in mia presenza l'unica amplificazione tollerata è questa..






Risposta Condividi


[40]   
Da: Tiziano 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[14-09-2012]  
Barbara: -poichè Sparagna non spende soldi per cambiare la pila ... Alfò: -chiamiamola pure diffusione anzichè amplificazione, ma il risultato non cambia, se vuoi farti sentire sempre quello devi fare. Anche i più talebani dei musicisti cedono al microfono!

Risposta Condividi


[41]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[14-09-2012]  
Tizià se ci pensi bene il risultato cambia molto, una diffusione è una cosa piacevole mentre una amplificazione, intesa nel senso letterale come un aumento del volume del suono, spesso è solo una (inutile) violenza per le orecchie, non ti pare ?

non è un problema di talebanità, ma di "diffusione sostenibile" del suono.. :)


Risposta Condividi


[42]   
Da: Tiziano 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[14-09-2012]  
quindi esistono dei diffusori e degli amplificatori? forse mi sfugge il concetto

Risposta Condividi


[43]   
Da: alfonso 
  Re: COSA ci costringe ad amplificare ?
[15-09-2012]  
caro Tiziano il concetto l'ho ribadito tante volte ma te lo rinfresco..:

amplificare significa alzare il volume, questo provoca una insopportabile violenza alle orecchie di chi sta vicino ai diffusori e un insufficiente volume per chi sta lontano, senza contare la distorsione che, come noto, aumenta con l'aumento del volume

diffondere significa riprodurre lo stesso volume dello strumento/voce (senza amplificarlo) diffondendolo in una miriade di punti sparsi per tutta l'area interessata, cosa che riduce la distorsione e non fa violenza a nessuno, oltre a preservare la fedeltà del suono

il problema è che un impianto di amplificazione costa un decimo di un impianto di diffusione..

Risposta Condividi