www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Lunedi 23 Settembre 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: gianluca zammarelli 
  LE REGOLE SOCIALI
[19-05-2008]  
non tutti sanno che anche nella musica popolare che era ed è ancora eseguita in un vasto pubblico ed è sentita come rito e necessità sociale, esistevano delle "regole sociali" a volte tacite altre volte manifestate dal mastro di festa, faccio alcuni esempi:

a Montemarano il pulcinella regola la sfilata di carnevale
nel reggitano il mastro di ballo regola la danza

da parte mia porto queste regole tradizionali:
mai cantare dietro le spalle di uno zampognaro (potresti bucargli l'otre con un coltello.
lasciare sempre finire di cantare l'altro
al sud anteporre sempre "zì" al nome di un anziano

cari saluti

Risposta Condividi


[31]   
Da: Damiano 
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[23-08-2011]  
Reduce da un Torrepaduli più pietoso degli altri anni, non posso che
appoggiare quello che dice Antonio. Sti milanesi assatanati si sono messi a
fare il ballo del qua qua proprio nel bel mezzo dell'unica ronda di scherma,
non vi dico con che nostro imbarazzo: il buon Davide Monaco, capo della
"Compagnia di Scherma Salentina", Flavio Olivares, schermidore storico, e gli
altri pochi schermidori del Basso Salento che ancora resistono e credono in
Santu Roccu hanno dovuto usare tutta la loro pazienza per far sì che i turisti
maleducati smettessero di fare i pagliacci e potessimo farci almeno un paio di
giri di bacchetta come Dio comanda. E poi: ma i salentini dov'erano? Tolti gli
zingari di Taurisano, mezza ronda era formata da noi della provincia di
Taranto, che con i nostri difetti non facciamo certo parte più di tanto della
tradizione antica e bella della scherma a Santu Roccu, tradizione che prevedeva
(almeno fino a tutti gli anni Novanta) la presenza di più ronde di schermidori
del Basso Salento, rigorosamente distinte in ronde di scherma zingara e ronde
di scherma leccese. Comunque, Antò, spero di averti fatto vivere Santu Roccu
come si deve, con le zagareddhe attaccate alla battente e il rituale saluto a
Santu Roccu.

Vostro Damiano



Risposta Condividi


[32]   
Da: Alfonso 
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[25-08-2011]  
fra le tante "regole" non rispettate e che pertanto vanno rinfrescate ve ne posto una recentemente infranta e di cui è rimasto vittima lo Zammarelli durante "Radicazioni", che si potrebbe definire così:

"è disdicevole di notte attaccarsi silenziosamente alla cannozza della zampogna altrui posta sulla spalla dell'ignaro zampognaro e seguire i suoi passi cercando di abbottare l'otre a sua insaputa, sia pure nell'intento di ricavarne qualche piacevole suono"

Risposta Condividi


[33]   
Da: Quirino 
(Roma - Portuense)
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[02-09-2011]  
Vedete che ho ragione io: è meglio quando ci ignorano.

Risposta Condividi


[34]   
Da: Francesco Benevento 
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[13-12-2011]  
Ciao a tutti, un abbraccio alla chiazza, volevo chiedervi una cosa.
Tanto è vero che le banalità non le guarda mai nessuno, che dopo 25 anni mi sono accordo che mio nonno, 83enne di Zinga, ai piedi della sila, mi ha sempre dato del voi, e lo fa anche con l'altro nipote (Siamo tre Francesco Benevento) ma con le mie sorelle no. Avete riscontrato mai qualcosa di simile nelle vostre esperienze con gli anziani di paese? Da noi si usa tamburello a destra dell'organettista, sempre,e non si sgarra, ed ogni persona che suona,canta oppur ancora che nella vita ha svolto lavori di specifici come muratore, elettricista piuttosto che fregiaro (Fabbro) viene chiamato sempre Mastro da tutti.
Un saluto a tutti

Risposta Condividi


[35]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca)
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[19-12-2011]  
Ciao Francè,

ero da parecchio assente da 'sto forum ma leggendo il tuo post mi è venuta voglia di aggiungere qualcosa anch'io. Qui in Puglia è esattamente la stessa cosa, le persone di una certa età, anche se hai solo sedici anni ti danno sempre del voi (diciamo dalla pubertà in poi). E' buona regola rivolgersi con l'"asségneré" alle persone più grandi di età e di censo, pena sguardi storti e rigida chiusura da parte loro nei tuoi confronti (regola inderogabile, poi, questa, quando si fa ricerca).

Un saluto dalla Puglia e buon Natale!

Risposta Condividi


[36]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca)
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[19-12-2011]  
Per quanto riguarda la musica poi, io mi trovo sempre bene quando suono la cupa cupa o la castagnola a destra di Giuannidd di Massafra (simpatico organettista ultra settantenne, ma potente), e lo stesso quando giriamo con la zampogna.

Risposta Condividi


[37]   
Da: Francesco Benevento 
  Re: LE REGOLE SOCIALI
[19-12-2011]  
Ciao Damià mi fa piacere che mi hai risposto , tutto il mondo è paese allora, oppure ogni paese è un mondo. Sono curiosità ed anneddoti che arricchiscono la tradizione. Ciao Francesco

Risposta Condividi