www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 17 Agosto 2018

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[12-02-2008]  
una iniziativa dell'Osservatorio per la tutela del Patrimonio Immateriale:

oggi, 12 febbraio 2008 - ore 12,30-14,00, il 1° seminario in una scuola media del Lazio,

La chitarra battente entra nelle scuole medie, con grande senso di responsabilità, tatto e cautela,
ed è solo il primo di una serie di incontri con i giovani,

per cominciare, ecco cosa si può fare con l'aiuto degli aderenti all'Osservatorio,

vi pare poco ?








Risposta Condividi


[16]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[13-02-2008]  
Caro Michele, funziona anche come dici tu, ma aldilà dei progetti una tantum, nel passaggio:

"Bisogna sensibilizzare soprattutto gli alti etnomusicologi di chiara fama nazionale affinché interagiscano con chi di dovere, anziché limitarsi soltanto ad autopromozioni editoriali e conferenziere"

Intendevo sottolineare che coloro che sono riconosciuti a livello ministeriale come gli "unici esperti", tra l'altro anche docenti all'università, e che sono sempre presenti in tutte le manifestazioni promosse dalle istituzioni, potrebbero usare la loro "influenza" per far inserire nei programmi scolastici in modo stabile lo studio della cultura popolare nel senso più ampio del termine.

Ciao
Pino

Risposta Condividi


[17]   
Da: Tiziano 
(roma)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[13-02-2008]  
Venerdi 22\02 suoneremo all'interno di una scuola media statale di Ostia e a marzo ci sono in programma almeno altri 2 concerti in scuole medie e superiori, il discorso lo stiamo portando avanti dagli anni 80 con buona ricezione anche perche all'interno del nostro gruppo sunano insegnanti, accostare, ad esempio il moderno Free Style (canto improvvisato rap di originario, credo, dai ghetti neri americani) molto in voga fra i ragazzi 15 - 17enni, al canto in ottava rima, può essere un modo per accostarsi a loro, utilizzare il canto di questua accostandolo al dolcetto e scherzetto di Halloween, rielaborare un brano moderno con strumenti della tradizione popolare ...insomma sono tutte idee per cercare di penetrare quella cortina presente, sopratutto nei ragazzi delle scuole medie superiori.

Risposta Condividi


[18]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[13-02-2008]  
Bella cosa Pino!
Circa hallowen, in Sicilia c'è sempre stata la festa dei morti.... ora sta scomparendo a vantaggio di una festa proclamata da un paese che di tradizione non ne ha! voglio bombardare gli stati uniti!!!
I pellirosse, quello si che era un gran popolo! pieno di cultura e di spiritualità!!!

Risposta Condividi


[19]   
Da: Pino Pontuali  
( )
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[13-02-2008]  
A Miche', da sempre la cultura popolare ha fatto paura ai governanti perché espressione di libertà.
E' questo il motivo che mi fa sempre dubitare della buona fede delle istituzioni quando vogliono interessarsi a noi.
Però esiste questo forum che, oltre ai pochi che si espongono con le proprie idee, è letto da molti che quelle idde condividono.
Mi sto rincuorando nel vedere che si sta attuando un movimento che spero assumi dimensioni tali da condizionare alla fine chi dovrà decidere che cosa.
Pino

Risposta Condividi


[20]   
Da: Michele 
('mPalemmo)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[13-02-2008]  
Certo Pino.... ho aperto un forum che parla proprio del controllo, anche se non lo dico esplicitamente, di natura economica...da parte delle istituzioni, a svantaggio delle possibilità che hanno i meno abbienti...
E ccu havi i picciuli...

Risposta Condividi


[21]   
Da: anselmo 
(Riano inta lu Cilientu)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[13-02-2008]  
il sentore che ho io, invece, è quella del testimone che è stato messo in mano a gente che per diventare lana è stata appena sfiorata dalla pecora.
voglio dire che il mio timore è quello della mera speculazione di persone che non si son mai interessate di musica popolare ,delle tradizioni orali e del territorio e che le stanno entrando per il portone maestro. forse sbaglio, ma, per questo che quel poco di patrimonio che ho assimilato in questi pochi anni della mia vita li regalo solo ad Amici fidati su cui posso contare, gli altri chicchessia antropologi studiosi di tradizioni, sociologhi, cantori raccoglitori ecc. se sono capaci di analizzare con discernimento ciò che faccio, buono per loro se no ciucci sono e ciucci rimanini parlo di ignoranza e non di asini.

Risposta Condividi


[22]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[16-02-2008]  
".....E' vero che molti di noi fanno volontariato propedeutico alla musica poplare nelle scuole e non solo (io lo faccio da 15 anni)......"

caro Pino, ti tingrazio per la dritta, non sapevo che anch'io stessi facendo "volontariato propedeutico"..,

"......Ho sempre constatato un grande interesse per la musica tradizionale dei ragazzi in tutte le fasce di età (elementari, medie, superiori ....la cosa però rimane sempre un evento straordinario senza seguito......"

e qui sta il bello, la cosa rimarrebbe senza seguito se non fosse che avrei in programma di scegliere fra i ragazzi delle medie quelli che mostrano interesse e portarli, indovina dove !?!

ma nel "Laboratorio di liuteria popolare" recentemente istituito con i fondi del comune !! e qui iniziare delle lezioni pratiche, insomma facendogli mettere le mani sul legno,

è ovvio che come primo approccio non gli farò costruire una battente ma credo che inizierò mostrando, per esempio, come piegare il legno per farne un tamburello..

ho notato anche che i ragazzi sono rimasti molto colpiti dal fatto che ogni cosa che gli ho mostrato fosse frutto di una qualche forma di riciclaggio,


Risposta Condividi


[23]   
Da: Tiziano 
(roma)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[17-02-2008]  
Una idea e se si potesse associare alle nostre strimpellate all'interno delle scuole un tuo intervento sulla costruzione degli strumenti corredato di diapositive filmati e quant'altro tu ritieni valido...? abbiamo gia inprogramma varie suonate all'interno di scuole e per il futuro vorremmo continuare a farne, ovviamente il tutto è in funzione dei tuoi impegni si tratta di provare. Sarebbe come mettere insieme in un contesto di gruppo quello che tu molto egregiamente puoi dimostrare da solo...pensaci!

Risposta Condividi


[24]   
Da: Tiziano 
(roma)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[17-02-2008]  
Il messaggio appena scritto è per Alfonso

Risposta Condividi


[25]   
Da: Alfonso 
(grande lucania)
  Attività dell'Osservatorio del Patr. Immat.le
[18-02-2008]  
caro Tiziano sono lusingato per l'opportunità che mi offri, il fatto è che non sono attrezzato per diapositive e filmati e so quanto sia importante tenere desta l'attenzione dei ragazzi,

a Guidonia ci sono abbastanza riuscito perchè vista la vicinanza da casa ho potuto portare un sacco di strumenti e quindi sono riuscito a tenerli svegli per 1 ora e mezza ,

ma per ora non sono attrezzato per fare altrettanto fuori Guidonia, dove potrei fare solo piccoli interventi diciamo di 30 minuti,

Risposta Condividi