www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Venerdi 24 Novembre 2017

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Vecchie nenie
[15-01-2008]  
L'altro giorno mi veniva in mente una vecchia nenia che mia madre mi cantava. Faceva cosi':" maccheroni, maccheroni quanto mai sarete boni. C'era un medico napoletano ch'era tanto rinomato.....ecc.". Qualcuno la ricorda? Come continua?

Risposta Condividi


[76]   
Da: alfonso 
  Re: Vecchie nenie
[13-09-2011]  
Sette, quattordici, vintunu, vintottu,
immu alla fera di Parpalottu
pi ccattari li curuni,
li curuni l'havi 'u re:
pani, zuccheru e cafè.

Risposta Condividi


[77]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: Vecchie nenie
[13-09-2011]  
Alfonsoooooo!!!! E questa da dove viene?

Risposta Condividi


[78]   
Da: Maria Grazia Ciardi 
(Miami, Florida USA)
  Re: Vecchie nenie
[14-01-2012]  
Tirintoppete Topino

Anch'io la cercavo completa. Quando ero bambina avevo un libretto di filastrocche che poi é andato perso. Questo é quel che ricordo di questa filastrocca. Se l'hai giá trovata completa forse me la puoi far avere? Grazie

Tirintoppete Topino coda lunga e naso fino
s'incammina per il mondo e lo gira in largo e in tondo
per trovare una moglietta che gli faccia la calzetta
che gli spazzi la casina e gli allaghi la cantina
che gli lavi le scodelle e gli rompa le piú belle
che gli serva la minestra nel corbello alla finestra
che gli lavi sempre i panni e combini altri malanni
che gli metta il fuoco a letto e gli bruci casa e tetto
che per sbaglio i suoi figlioli glieli cuocia coi fagioli!

Maria Grazia Ciardi
grace_ciardi@yahoo.com

Risposta Condividi


[79]   
Da: Maria Grazia Ciardi 
(Miami, Florida USA)
  Re: Vecchie nenie
[14-01-2012]  
Anch'io la cercavo completa. Quando ero bambina avevo un libretto di filastrocche che poi é andato perso. Questo é quel che ricordo di questa filastrocca. Se l'hai giá trovata completa forse me la puoi fare avere? Grazie.

Tirintoppete Topino coda lunga e naso fino
s'incammina per il mondo e lo gira in largo e in tondo
per trovare una moglietta che gli faccia la calzetta
che gli spazzi la casina e gli allaghi la cantina
che gli lavi le scodelle e gli rompa le piú belle
che gli serva la minestra nel corbello alla finestra
che gli lavi sempre i panni a combini altri malanni
che gli metta il fuoco a letto e gli bruci casa e tetto
che per sbaglio i suoi figlioli glieli cuocia coi fagioli!

Risposta Condividi


[80]   
Da: Barbara 
(...a volte lo dimentico da dove vengo...)
  Re: Vecchie nenie
[22-03-2012]  
Non ho una buona memoria, e ricordo molto poco di quando ero piccola, ma qualcosa è tornato in mente anche a me da quando ho due birbe che scorrazzano per casa.
Ho in comune con alcuni di voi "sedia sediola", "coccia pelata con sette capelli" ed una versione leggermente di versa da quella del post n°65... la mia faceva così:

Pimpirulin piangeva
voleva mezza mela,
la mamma non l'aveva
e Pimpirulin piangeva.
A mezzanotte in punto
passava un'aereoplano
e sotto c'era scritto:
Pimpirulin stà zitto!

Ricordo che mia madre recitava questa filastrocca a mio fratello, ogni volta che faceva i capricci... La ripeteva più volte, poi la recitavo anche io insieme a lei ridendo... e alla fine mio fratello smetteva di fare i capricci e recitava anche lui la filastrocca insieme a noi...

Un'altra filastrocca ci veniva raccontata al momento di andare a letto e recitava così:

Lucciola lucciola vieni da me
ti darò un pan da re
pan da re e da regina
lucciola lucciola vieni vicina.

Una cosa che ci faceva ridere molto era quando ci prendevano una mano facendoci tenere il palmo rivolto verso l'alto, ricordo che mia zia ce lo faceva spesso; con due dita "camminava" sul palmo della nostra mano recitando:

Questa è una bella piazza
ci passa una pupazza
ci passa una pecorella
che fa be bee beee beeee beeeeeee

e con l'ultima frase le dita "correvano" lungo il braccio fino ad arrivare a farci il solletico sotto l'ascella... anche le mie bimbe ci si divertono tantissimo!

C'era poi una canzoncina, che io associo sempre ai lunghi viaggi in macchina (non andavamo mai tanto lontano, ma a me quei "viaggi" sembravano interminabili...), e recitava così:

Un elefante si dondolava
sopra il filo di una ragnatela
e ritenendo la cosa interessante
andò a chiamare un altro elefante.

Due elefanti si dondolavano
sopra il filo di una ragnatela
e ritenendo la cosa interessante
andarono a chiamare un altro elefante.

Tre elefanti si dondolavano
sopra il filo di una ragnatela
e ritenendo la cosa interessante
andarono a chiamare un altro elefante.

...e così via... io e mio fratello perdevamo spesso il conto, e allora si ricominciava da capo...

In ultimo, chi di voi non ha mai fatto la "conta" con questa?

Ammaramà ciccì coccò
tre galline sul comò
che facevano l'amore
con la figlia del dottore
il dottore si ammalò
ammaramà ciccì coccò



Risposta Condividi


[81]   
Da: Montasio 
(Roma)
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2013]  
Chi ricorda nel gioco della " cavallina " le parole da pronunciare prima di ogni salto??? Io ricordo: 1 - Monta la luna; 2 - Il bue; 3 - tre le filgie del re; 4- La raspatura del gatto con 4 dita; 5 - ................ !!!!!! Si arrivava fino a 10 !!! Chi ha + neuroni di me mi aiuti.

Risposta Condividi


[82]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Vecchie nenie
[18-01-2013]  
A Bracciano (RM), dove sono nato, questo gioco si faceva fino a circa 60 anni fa e si chiamava "salta la mula".
Ci si divideva in due squadre. La squadra che per prima impersonava la mula metteva una persona in piedi, appoggiata con la schiena a un palo o a un albero o ad un muro, a fare la testa della mula. Tutti i suoi compagni di squadra si disponevano uno dietro all'altro, piegati a 90°, con la faccia rivolta a terra e la schiena piegata parallela al terreno. Ciascuno teneva con le braccia i fianchi del compagno che lo precedeva. Il primo della fila teneva i fianchi di quello che era in piedi, appoggiato al palo o all'albero. Si formava così una lunga fila di schiene che partiva dalla persona appoggiata all'albero.
I giocatori dell'altra squadra, uno alla volta, dovevano saltare a cavallina sopra la mula, spostandosi poi in avanti lungo le schiene degli avversari, verso la testa della mula, per far spazio ai compagni di squadra che dovevano ancora saltare.
Lo scopo di questa squadra era quello di collocare più giocatori possibili sulla mula (se qualcuno scivolava dalla mula e cadeva, non poteva risalirci sopra, causando una penalità alla propria squadra). Una volta che tutti avevano saltato, la mula doveva reggere il peso di coloro che stavano in groppa senza rompersi per il tempo necessario affinché chi era sopra avesse avuto il tempo di dire:"Tre tre giù giù, tre tre giù giù, tre tre giù giù; ce vengo e ce ritorno, ce vengo e ce ritorno, ce vengo e ce ritorno un'altra volta". Nel caso che chi stava sotto cedeva per il peso doveva stare sotto anche la volta successiva.
Si faceva poi cambio: chi faceva la mula ora saltava e chi saltava diventava la mula.

Vince la squadra che dà vita alla mula più resistente.


Risposta Condividi


[83]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2013]  
Bellissimo! Lo facevamo anche noi, con i ragazzi della parrocchia, fino a tutti gli anni '90 in qualche gita. Sarebbe bello riproporlo al "Torneo dei giochi tradizionali" che si svolge ogni anno a giugno a Ceglie Messapica (Br).

Risposta Condividi


[84]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2013]  
Cari amici di alfonsotoscano.it,

leggendo le parole di Pino Pontuali mi è venuto in mente un gioco che facevamo in quarta elementare (1991) in cerchio, gioco che con alcune varianti i bambini delle elementari qui a Martina, per quello che ho potuto vedere io, si fa ancora oggi. Ci si mette in cerchio, ogni bambino tiene con la mano destra la sinistra del bambino alla sua destra, e battono a turno il palmo su questa mano (ricorda un po' l'effetto domino). Mentre si passa di mano in mano tutto il cerchio recita la seguente filastrocca:

"C'è un pon pin
popolin popolànschi
po po lìn, po po lìn, po po là!
Acadèmi solfàri, solfàri,
bim bum, BAM!"

Al "bim bum bàm" l'ultimo bambino che ha avuto la mano destra battuta dal compagno alla sinistra afferra saldamente la mano sinistra del compagno alla sua destra. Se riesce a dire "bàm!" e a battere la sua mano sinistra sul palmo di detto bambino vince, e il bambino colpito esce dal cerchio. Se il bambino alla sua destra riesce a divincolare la mano dalla presa del compagno, in modo che chi dice "bàm" colpisce sè stesso, è quest'ultimo ad uscire dal cerchio. Le liti che succedevano...

Risposta Condividi


[85]   
Da: Damiano Nicolella 
(Martina Franca TA)
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2013]  
E' passata da poco l'Epifania e vi riferisco la filastrocca che recitavamo la sera del 5 gennaio nei lontani anni Ottanta, insegnatami da mia madre:

"La Befana vien di notte,
con le scarpe tutte rotte,
col cappello alla furlana,
viva viva la Befana!"

Al che io mi mangiavo la testa su come fosse 'sto cappello alla furlana che nessuno aveva mai visto. Anni dopo ho capito che voleva dire "cappello alla friulana"... Come è arrivata quest'espressione friulana in Puglia sarebbe tutta da indagare.

Risposta Condividi


[86]   
Da: Pino Pontuali 
  Re: Vecchie nenie
[20-01-2013]  
Per terminare la risposta a Montasio, ammetto che la memoria non assiste nemmeno al sottoscritto, però cercando sul web ho trovato la descrizione di una versione del gioco:

Estratto dal sito molto interessante sui giochi del xx secolo:
http://www.cartesio-episteme.net/giochi.pdf

"Il gioco dei salti più praticato era allora «Uno monta la luna».
Per le fasi preliminari ricalca il precedente. Conta, scelta di chi si doveva mettere «sotto» ma non più fuori del marciapiedi e sempre nello stesso punto per tutto il gioco.
I saltatori dovevano pronunciare delle frasi e compiere dei gesti ad ogni salto. Quindici erano i salti e altrettante le frasi e il resto. Proviamo a ricostruirli tutti, anche se per alcuni resta il dubbio sulla successione e sulla esatta denominazione.
Uno, monta la luna - salto normale
Due, er bue - salto normale
Tre, la fija der re - salto normale
Quattro, la lametta si raccoglie - al salto doveva seguire immediatamente la raccolta di qualcosa precedentemente sistemata al di là del saltato
Cinque, er cioccolato - saltando si doveva dare una sculacciata a chi stava sotto Sei, er carcetto in c. - nel saltare si doveva dare un calcio nel sedere del saltato Sette, i piomboni - nel saltare, anziché poggiare sulla schiena di chi stava sotto le palme delle mani, si dovevano chiudere i pugni
Otto, l'incrociatore - si doveva arrivare alla fine del salto con i piedi incrociati Nove, la fija der re fa le prove - salto normale
Dieci, pasta e ceci - salto normale
Undici, li tamburini - nel saltare bisognava battere più volte le mani aperte sulla schiena del saltato
Dodici, i tamburini parteno - si ripeteva il salto precedente con l'aggiunta di pacche sulla schiena del paziente amico piegato
Tredici, la sgujata - nel saltare si doveva cadere di peso sul povero «sotto»
Quattordici, me preparo - prima del salto si faceva finta di sistemare un po' qualcosa
Quindici, me la squajo - si saltava e si doveva rimanere in cerchio vicino al saltato. Appena l'ultimo aveva terminato di saltare si doveva scappare perché il «sotto» per liberarsi cercava di acchiappare qualche compagno. Chi veniva preso doveva mettersi sotto, altrimenti toccava di nuovo al precedente."

Risposta Condividi


[87]   
Da: zammarelli 
  Re: Vecchie nenie
[21-01-2013]  
il ricordo di Pino mi ha fatto ricordare un gioco che facevamo da piccoli a Salento (Sa) e si chiamava "Jumo", mi sembra, ed era identico nello svolgimento. Inoltre la versione della cantilena riportata era (in cilentano):
un'avant' a luna
doi mont'a lo voi
tre la figlia del re
quatto la coda ro 'atto
cingo San Frangisco monaco re Cristo
sei alla casa mei
sette ....
non me li ricordo più

Risposta Condividi


[88]   
Da: massimo 
(olevano)
  Re: Vecchie nenie
[05-01-2015]  
ok

Risposta Condividi