www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Martedi 18 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: pentesilea 
(agropoli-milano)
  alla scoperta delle cose perdute
[08-06-2007]  
ciao vorrei sapere come posso trovare le origini delle nostre (cilentane) tradizioni, tipo da dove viene l' occhio" oppure quelle perdute tipo le calende, le supestirzioni e le feste perse i cibi perduti...avete idea di come posso fare?

Risposta Condividi


[31]   
Da: Gioia 
(dal mare)
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[16-06-2007]  
Alfo' ma che vuol dire "mbuttanata, a scapèce.sciuscitello?"? Complimenti per la foto. Ma solo tu hai foto cosi' simpatiche!!!

Risposta Condividi


[32]   
Da: Alfonso 
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[16-06-2007]  
ti ringrazio Gioia per le tue domande che mi danno l'opportunità di sfoggiare tutto il mio sapere tradizional-culinario..

-'mbuttunata vuol dire imbottita, credo che etimologicamente venga da "abbottonata" o "abbottata"

-'a scapece viene da "ex Apìcio", vuol dire "come le cucinava Apìcio", che era il famoso cuoco dell'imperatore Tiberio, è appunto una modalità di cottura che consiste nel friggere l'alimento in olio di oliva e poi marinarlo in una salsa di aglio, menta e aceto rosso (delizioso..)

-'a sciusciello non ti so dire con precisione, sembrerebbe che derivi da un particolare tipo di pane, usato in rare occasioni credo di festa, chiamato così perchè "il sciuscio" cioè il soffio d'aria faceva sì che durante la cottura della piccola pagnotta, la superficie inferiore si separasse da quella superiore creando praticamente una tasca, che si poteva quindi imbottire con ogni ben di dio,

praticamente l'equivalente della ben nota "pizza fritta" dell'area Emiliana..

ma io per diverse ragioni che non sto ad elencarti ho seri dubbi su questa interpretazione, e credo che questa cosa abbia poco a che fare con la pietanza attuale, oppure che questa col tempo sia stata "rivisitata" e adattata agli usi alimentari locali cilentani,

etimologicamente potrebbe anche avere a che fare con il carrubo, un'albero molto diffuso nel Cilento, chiamato appunto "sciusciella", ..mahh!!....



e ora un pò di "letteratura" in tema..

"A la tornata fece cocenare
lo patrone doie torza e no sciosciello
e po’ facette a tavola sedere
a canto ad isso Ciullo e la mogliere. " (G. C. Cortese. La Vaiasseide).

"La fece gialla commo a no lopino
e molla, iusto comm'a no sciosciello:
sta cosa, certo, pe lo cellevriello
non me fa requià, sera e matino! " * (Sgruttendio. La Tiorba a Taccone).

"... a fare no 'ngrattenato de no campanaro de puorco, no ciento-fegliole, idest na cajonza co lo vruodo conciato, no pegnato de torze spinose co lo lardo adacciato, na ciaulella de fave 'ngongole, no sciosciello, no piatto de sango co l'aruta, na pizza de rerita 'nfosa a lo mele, muorze gliutte, voccune cannarute, e ba' scorrenno." (Pompeo Sarnelli. La piatà remmonerata).


* "La Tiorba a taccone, de Felippo Sgruttendio de Scafato" è il titolo di una raccolta di sonetti e canzoni in dialetto napoletano che venne per la prima volta pubblicata, vivente l'autore, nel 1646.
Detto appena che la tiorba è uno strumento musicale della famiglia dei liuti, che il taccone è il plettro, e che Felippo Sgruttendio è uno pseudonimo, occorre sottolineare che questo canzoniere rappresenta una parodia del petrarchismo e una rivalutazione della poesia vernacolare considerata di basso livello durante il dominio spagnolo a Napoli.
Diversi sono i temi affrontati: In vita e in morte di Cecca, l'amore, la bellezza della donna, il dialogo con gli accademici, la vita nei quartieri popolari di Napoli, la musica, il ballo popolare.
Le analogie, in chiave ironica, quando non addirittura satirica, col canzoniere petrarchesco, sono evidenti... (da Libreria Neapolis)







Risposta Condividi


[33]   
Da: Alfonso 
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[16-06-2007]  
Maruchef,
se continui con le tue ricette prima o poi attirerai senz'altro l'attenzione di qualche talent scout di Mac Donald, insisti..!

Risposta Condividi


[34]   
Da: Maruchef 
(Oliviero in Toscana)
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[18-06-2007]  
Mecdonalz? Mmm, potrei abbinarci un allevamento di Sorci, per la carne. Ma forse io sono più per le cose perdute. Al Mecdonalz ci vado solo per picchiare e fare le boccacce al Claun brasiliano.

(Ronald(o))

Che ne dici, piuttosto che elargire ricette ai ristoranti, di organizzarci un raduno culinario? 50 euro a testa e dalla mattina alla sera cuciniamo/mangiamo/enogastronomiamo e ci scappa pure la suonata.

Da parte ma condizione obbligatoria che gli inviti siano decisi all'unanimità dai cuochi ufficiali. Cuochi che nomino grazie al potere del Cappero di Pantelleria e del Nero d'Avola: Maruchef per la Sicilia, e per le altre due Sicilie Betsabea ed Alfonso.



Risposta Condividi


[35]   
Da: betsabea 
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[18-06-2007]  
Ma io cucinavo proprio bene una volta sai? poi a furia di fare leddiète..
L'idea del raduno non è male.. pensa che ne viene fuori se ci incontriamo tutti quanti!!
(io dovunque vado cerco i posti migliori per mangiare le cose locali! vi linko questo sito carino e garantito: www.buoniposti.it)


Menu di Betsabea - prima parte:

Antipasto (starter):
Crostini caldi con un velo di burro e 'nduja e/o con sardella e olio.
Crostini freddi con cipolla di Tropea, pomodori di Belmonte, capperi di.. Pantelleria.
Zippulelle fritte con fiori di zucca e/o con biancomangiare (pescetti)
Affettati e sottoli vari (soppressata, magularu, l'olivi schiacciati, i milangiani, i pumadori sicchi etc etc).
Milangiani ripiene, piparedi arrustuti, pipi e patati

1° Vino: Savuto DOC dell'omonima valle



Risposta Condividi


[36]   
Da: pentesilea 
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[19-06-2007]  
Wow quante splendide ricette...Alfonso hai veramente una cultura eno.gastro.etimologica notevole...ma quindi a quando questo succulento ed invitante incontro eno-gastro-musicale...???



Risposta Condividi


[37]   
Da: Alfonso 
  Re: alla scoperta delle cose perdute
[11-10-2007]  
sabato prossimo a Salento !

Risposta Condividi