www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Mercoledi 26 Giugno 2019

Forum: clicca qui per aprire un nuovo argomento   
Da: Davide 
(ra muntagna)
  La Chitarra Barocca
[11-03-2007]  
Mi piacerebbe approfondire l'argomento "chitarra barocca". Chi sa, scriva. E' ammesso tutto: la sua storia, le forme, accordature, link di liutai, cd nei quali poterla ascoltare, repertorio, compositori, musicisti considerati virtuosi di tale strumento (tipo Bream per la classica per intenderci), paralleli con altri strumenti (anche con la battente o almeno quella che alcuni di noi considerano battente quindi Alessandro stai calmo), tecniche ecc....insomma tutto ma, proprio tutto quello che avete da dire su questo meraviglioso ed espressivo strumento. Chissà se questa volta riusciremo finalmente a parlarne. Grazie Davide Polizzotto.

Risposta Condividi


[46]   
Da: Gianfranco p. 
  Re: La Chitarra Barocca
[07-03-2008]  
come giustamente diceva Marcello il diapason è fondamentale per il calcolo degli spessori.
qualche variabile in più può essere l'altezza dei ponticelli e la forma / altezza dei tasti e perchè no anche le nostre mani ed il modo di suonare.
penso alla fine che, molto semplicemente, bisogna solo fare un pò di prove con i diversi calibri
Gianfranco

ps. a volte, quel battimento del sol può essere piacevole

Risposta Condividi


[47]   
Da: Claudio 
(Saronno)
  Re: La Chitarra Barocca
[07-03-2008]  
Grazie a Marcello e a tutti gli altri per le informazioni, è sempre una ricchezza entrate nel forum!!!
claudio

Risposta Condividi


[48]   
Da: anselmo 
(Riano inta lu Cilientu)
  Re: La Chitarra Barocca
[07-03-2008]  
io ho usato per parecchio tempo corde di acciaio armonico datemi da costantino. la particolarità del diapason lungo adottato da de bonis almeno sulla mia battente fa si che bisogna usare spessori sottiili il sol e anche il la risultano lenti la difficoltà è l'accordatura che in parte la si risolve aumentando lo spessore, trovare il giusto compromesso facendo piccole variazioni. l'impressione che ho sempre avuto, usando un sol uguale alle altre corde, è che si generano delle armonici e delle micro variazioni tonali del tutto particolari come quelle che si ascoltano in certi canti che ai più può risultare come una stonatura. credo che solo l'orecchio e il gusto personale possa determinare la scelta.
il consiglio che mi sento di dare è quello di usare quanto meno possibili variazioni di spessore con salti di spessore il minimo possibile.
sto cercando di costruire un ponticello con diverse distanze di diapason delle varie corde con un configurazione a V .
per il calcolo effettivo dello spessore delle corde di un dato materiale per un certo diapason credo di aver visto in rete qualcosa se lo ritrovo vi faccio sapere il link un nome di programma è stringmaster.
a presto

Risposta Condividi


[49]   
Da: Salvatore Venerato 
(kalukapu)
  Re: La Chitarra Barocca
[07-04-2008]  
In questi giorni ho provato le corde per battente di Musikalia (sono della gato di Napoli, costola della galli) e non mi sono piaciute... Poco sonore e tutte di ugual spessore (0.08)!!!!

Ho scritto alla Dogal e non sapevano neanche che producevano una muta per battenti, grazie al codice che mi dato Marcello si sono accorti che esistevano, ed ora le ho ordinate ad un negozio perchè loro non spediscono più a privati!!!! Cos' è pazz...

Vi saprò dire...
Un saluto
Salva

Risposta Condividi


[50]   
Da: anselmo 
(Riano inta lu Cilientu)
  Re: La Chitarra Barocca
[07-04-2008]  
ne salvatò le dogaline le trovavo da Loveri a San Sebastiano a Napoli fino a 4 -5 anni fa ed ogni volta che andavo il proprietario mi diceva che erano finite perchè le aveva conprate tutte Bennato. ho desistito dall'impresa anche perchè erano scomparse dal commercio. così ora le cordiere me le assemblo io con corde per chitarra acustica che compro facilmente ovunque. ciao anselmo

Risposta Condividi


[51]   
Da: maurizio 
(calabria)
  Re: La Chitarra Barocca
[07-04-2008]  
le dogal non sono buone proprio per la differenza di spessore, la verità è che dovresti davvero metterle tutte uguali 008 oppure 009 al massimo, ma dipende da che chitarra suoni.


Risposta Condividi


[52]   
Da: Salvatore Venerato 
(kalukapu)
  Re: La Chitarra Barocca
[08-04-2008]  
Ciao Maurizio, credo tu sia Maurizio C..., io suono una Costantino De Bonis, e volevo "sperimentare" o meglio studiare, provare a suonare con corde di spessore diverso per poter suonare anche nella parte alta del manico senza avere un sol molto molle rispetto alle altre corde...

Saluti
Salva

Risposta Condividi


[53]   
Da: nicklion 
(Cosenza)
  Re: La Chitarra Barocca
[08-04-2008]  
Ciao a tutti, anch'io suono una Costantino De Bonis e devo dire che necessariamente ho dovuto sostituire il G (sol) 008 con una corda 010 rispetto alle altre ed ho risolto il problema di cui avete parlato. Lo consiglio!!! Saluttissimi

Risposta Condividi


[54]   
Da: nicklion 
(Cosenza)
  Re: La Chitarra Barocca
[08-04-2008]  
.....dimenticato io uso le Daddario che costano 1 eur l'una ma sono ottime!!
A presto Nick

Risposta Condividi


[55]   
Da: maurizio cuzzocrea 
  Re: La Chitarra Barocca
[08-04-2008]  
d'addario, ottime.
però se c'è problema sul sol non sono le corde, ma è la chitarra che è un po'...
comunque se sei a cosenza vai a parlare con mario artese, magari vedi pure le battenti che sta ultimando

Risposta Condividi


[56]   
Da: nicklion 
(Cosenza)
  Re: La Chitarra Barocca
[09-04-2008]  
Grazie, ho visto con interesse il sito del maestro Artese e sicuramente ci farò un salto. A presto

Risposta Condividi


[57]   
Da: Salvatore Venerato 
  Re: La Chitarra Barocca
[09-04-2008]  
Scusa Maurizio ma in che senso è la chitarra che è un pò...
Il mio problema è il sol che è molto molle rispetto alle altre corde...

Salva

Risposta Condividi


[58]   
Da:  
  Re: La Chitarra Barocca
[06-12-2008]  
Scusatemi mi chiamo matteo è sono un ohbbista liutaio di chitarre bantenti ed altri stumenti leggendo sul forum delle matassine di acciaio armonico per realizzare le corde vorrei chiedere dove è possibile comprarle ed ultimo sono veramente buone ? un grazie a tutti coloro che hanno voglia di rispondere e un saluto a tutti ...a risentirci appena afvrò più tempo a disposizione.

Risposta Condividi


[59]   
Da: alfonso 
( )
  Re: La Chitarra Barocca
[06-12-2008]  
Caro Matteo, ti do il benvenuto nel forum ma ti avverto che hai fatto un pò di confusione,

se cerchi notizie sulle corde per battente e matassine di acciaio devi cliccare sull'argomento "quali corde per la nostra bambina ?", lì troverai tutte le notizie che cerchi,

questo topic invece è dedicato alla chitarra barocca, che è una cosa diversa dalla chitarra battente

Risposta Condividi