www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 4 Aprile 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Gianfranco Preiti
[16-02-2007, a  19:42]
Re: Conosciamoci meglio
Ciao a tutti, approfitto dello spazio e mi presento.
Sono Gianfranco Preiti, 1955. sono nato a Roma ma i miei genitori sono di Gioia Tauro (RC).
Quindi figlio di emigranti, con tutti i contrasti culturali che ne derivano.
I primi accordi sulla chitarra li ho imparati da mio padre (ex barbiere: obbligo del mandolino). Sempre da lui sono venuto a conoscenza dell’esistenza della battente. “ è una chitarra con tutte prime”. Mah?! ma se sono tutti mi cantini, che cavolo di accordi vengono fuori?….
La prima battente che ho avuto era un ibrido, mezza francese, mezza battente, a 4 corde doppie con lo scordino (‘u cardicchiu). Il liutaio era un certo Ricciotto Scudellà (sordo/muto) oggi scomparso, di Delianuova (Aspromonte) di lui ho anche un mandolino. La seconda è stata una battente di Costantino.
Alla fine degli anni ’70 andai a frequentare un corso di battente al Gianni Bosio: insegnante era Antonello Ricci. Penso sia stato il primo esperimento dell’associazione in proposito. Abbiamo fatto una lezione, poi Antonello mi propose di suonare con lui. Per 12 anni abbiamo suonato insieme (ogni tanto mi sogno riturnella). Devo molto ad Antonello, così come a Roberta Tucci.
Per ritornare ai contrasti degli emigranti provo a riassumere: i Beatles, il rock anni ‘60/’70, la classica, i liuti, la battente, la tarantella, il mandoloncello, mescolate bene e vedete che casino ne esce fuori.
Provo a fare qualche foto delle mie battenti per il sito.
Approfitto per salutare calorosamente in primis Alfonso, così gentile e disponibile, e poi voi tutti
A leggerci e vederci presto
Gianfranco Preiti

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up