www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 13 Aprile 2024

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Damiano Nicolella
[17-01-2009, a  12:56]
Re: Conosciamoci meglio
Ciao a tutti, lo sapevo che prima o poi doveva capitare...

In attesa che Carlo Trono muova la sua mole torrepadulesca e ripristini Pizzicata, vi racconto qualcosa di me.

Mi chiamo Damiano Nicolella (Dami per gli amici), ho 27 anni, vivo a Martina Franca, città troppo barocca in provincia di Taranto con madre martinese e padre napoletano. Studio troppo, penso ancora di più, ho sofferto molto, do fastidio a morire a qualsiasi persona sopra i dieci anni che abbia in mano qualcosa di vagamente simile a un tamburello (anche giocattolo) finchè non si decide a suonarlo (una cara amica ha detto una volta: "Hai un tamburello in mano? Non voltarti, c'è Damiano!"). Altrettanto fastidio mi danno tutti i ricercatori da Bari in giù che devono fare le tesi di laurea e vogliono sapere come si ballava la pizzica pizzica martinese negli anni Trenta o chi fabbricasse le castagnole sulla Murgia (l'altopiano dove vivo, come in una canzone di Gianni Togni: "e guardo il mondo da un oblò...").

Balla palomma,
tìne a facce bianche e tonne,
quanne t'impare a legge e scrive
tànn t'impare a fà l'amore.

(Scusate, sto ascoltando i cantori di Villa Castelli e mi è scappata una cantata).

Canto, canto, canto per non rimanere in un cantone, per sfogarmi, per dare sfogo alla vita che mi esce dalle vene, per dare una voce a tutta la disperazione che mi porto dentro, per illudermi di stare bene. Cinquant'anni fa probabilmente sarei stato tarantato, oggi purtroppo è tutto annegato in un mare di Haldol. Ho molti amici, pochi veri, molti falsi, tanti ammiratori e ancora di più detrattori. I pochi spiccioli che riesco a strappare dal mio lavoro di guida turistica e dalle rarissime volte che lavoro (è questa la condanna mia e del Sud) li investo in ricerca etnografica (gestisco un piccolo museo delle tradizioni popolari qua a Martina).

Palomme palummielle,
ca ncile viè vulanne,
démme nu pécche a mmème
c'ì cappà cuss'anne.

(Scusate, un altro stornello che mi è sfuggito).

Bè, basta, scusate il disturbo.

Ahie lu core
ca seruocheme sta more,
jé nangia puozze chiange
ca nà mà dète u fegghie ancore,
e ce m'ere dète u fegghie
l'era chiange nuotte e regghie,
e mé ca na me l'à dete
ca puozza avè na sckuppettète.

Addò t'à pezzechete donna gentile,
tene na cosa lunga e stretta,
fusce come na sajetta,
'nda lu mandile,
nda lu mandile, 'nda lu mandile,
tene na cosa lunga e stretta 'nda lu mandile.

Sande Cuoseme de la Macchie,
addò stiè te vienghe a jacchie,
cu la volontà de Dì
e la Vergine Marì.

E megghierma sepe fà,
e ce cazze sepe fà!
Sepe fréscere 'u baccalà,
e lu baccalà sé té,
à fatte viecchie na vèle chié!

'A fiemene ca demiène l'anche,
ce na jè putttene, ce na jè puttène,
a fiemene ca demiène l'anche
ce na jè puttene, pecche le manche
(dedicato a una ragazza che mi ha tradito)

Scusatemi ancora, avevo bisogno di farmi una cantata.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up