www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 4 Aprile 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Pier Filippo
[23-11-2009, a  10:04]
Re: Tarantelle Calabresi
ritengo che ogni repertorio vada suonato con lo strumento
giusto e quindi mi sono informato da vari "indigeni" e da vari costruttori di
organetti e ho appreso che da un pò di tempo ordinano dalla calabria
organetti flautati in 3^ con ance accordate ad ottave diverse in tonalità prevalente MI.
Richiedono ance fatte a mano o tipo fatte a mano.
Qualcuno, per ottenere l'effetto tremolo le ordina in 4^.
Ma mi hanno detto che l'effetto tremolo va ottenuto con la pressione della
mano destra, che come detto precedentemente, impugna il dorso della tastiera.
Comunque sono d'accordo con il maestro Pontuali di analizzare una tarantella riggitana e studiarne i segreti.
Basta scegliere il tipo di tarantella.
Ci pensi tu Tiziano o lasciamo l'iniziativa al M° Pontuali?

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up