www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 16 Ottobre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: walter
[06-03-2009, a  16:41]
Re: clarini ad ancia semplice
ciao michele, ti ringrazio per la risposta ma ho il dubbio che le ance doppie si comportino differentemente da quelle semplici. Non so se hai mai provato a suonare un clarino ma se lo facessi, rimarresti sorpreso dal fatto che l'unico "foro utille" è quello scoperto (non digitato) che sta più in alto. E' probabile che facendo fori più larghi oppure aumentando la cameratura dello strumento, insomma prendendo canne più larghe, vi sia qualche influenza dei fori coperti sul cosidetto "foro utile" ma, quello che mi premeva sapere di più è il perchè, o meglio che influenza ha sullo strumento il resto della canna a partire dal foro più basso (quello di intonazione) fino alla fine della canna stessa. Posto una foto di 2 strumenti ad ancia che presentano questa caratteristica evidenziando in rosso la parte della canna di cui non mi spiego l'utilità e insieme, posto anche l'immagine di una qualsiasi ciaramella e di un flauto dolce tanto per far capire che in questi strumenti "quella parte di canna di cui non mi spiego l'ultilità" è assente e lo strumento termina col foro di intonazione e subito dopo una campana nella ciaramella e nel flauto dolce col " foro di intonazione" che altro non è che lo sbocco finale del flauto ..... il culo del flauto se così vogliamo dire, non so il termine tecnico. Io mi aspetterei di trovare una canna che si prolunga dopo il foro di intonazione più nei flauti o nelle ciaramelle, in cui come dici tu si possono ottenere note alterate con posizioni a forchetta ma , scusami se mi ripeto, io mi chiedo : visto che in uno strumento come le launeddas (o in un qualsiasi clarino) l'unico foro utile è il foro scoperto più in alto, ammettendo che con le dita si coprano tutti i fori digitabili, tranne ovvviamente il primo foro di intonazione (quello più in basso, come correttamente dicevi tu) , a che serve tutto il resto della canna ??
Spero di essere stato più chiaro questa volte, comunque grazie e a presto.{{img:109242705}}

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up