www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Domenica 25 Ottobre 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Calabria Logos
[17-12-2006, a  23:16]
Re: Che fine ha fatto Carlo D'Angiò?
Tra le canzoni preferite della mia giovinezza (per la verità ero già un giovane-adulto) ve n'era una in particolare capace di creare un'atmosfera davvero incredibile ... per me carica di antiche suggestioni.

Si chiama "Nannarè" ... Marcello la conoscerà senz'altro.

Dalla prima volta che ho ascoltato questo brano, ho guardato sempre con un occhio di simpatia Eugenio Bennato che la interpretava caldamente.
Ho sempre attribuito a lui questo pezzo, fin quando non ho scoperto che era stato scritto da Carlo D'Angiò.

"Nannarè" è un classico esempio di come la semplicità spesso è vincente, a dispetto di chi intende le composizioni valide solo se presentano grosse elaborazioni musicali.

Carlo Grillo
{{img:343113703}}

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up