www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 17 Ottobre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Damiano
[10-11-2008, a  10:42]
Re: scambiamoci le canzoni
Ciao Piero,

sono Damiano Nicolella, uno degli ex utenti "storici" (ci sono stato almeno due anni!) di pizzicata.

Eh sì, tutti sentiamo la nostalgia di pizzicata, comunque è vero che ci si bisticciava troppo...

Ascolta, un'amica mi ha contattato per dirmi che cercavi i testi della "Passione di Cristo" delle varie regioni italiane. Io a casa, fra i tanti libri che ho, possiedo una biblioteca specializzata sul folklore pugliese, comprendente qualcosa come 150 pubblicazioni, e sui canti popolari pugliesi ho un'infinità di testi, anche inediti (qualcuno mi ha definito "etnomusicologo", ma io non mi arrogo questo titolo che non ho... tutt'al più sono un piccolo ricercatore che investe in questo i suoi pochissimi quattrini per evitare che tale patrimonio vada perduto e fra qualche anno facciamo la frittata...). Se vuoi ti posso aiutare, però (e te lo dico solo perchè sono un disoccupato cronico) dietro modico compenso ti posso mandare i testi della "Passione di Cristo" con le innumerevoli varianti dei seguenti paesi pugliesi:

(Provincia di Taranto)

Taranto
Martina Franca
Avetrana
Massafra
Statte
Palagiano
Palagianello
Montemes ola
Ginosa
Laterza
Grottaglie
Mottola
Manduria
Castellaneta
Sav a
Monteiasi

(Provincia di Brindisi)
Fasano
Francavilla Fontana
Cisternino
Ostuni
Ceglie Messapica...

...insomma, questi sono quelli che mi ricordo di avere, così a volo d'uccello. Te li posso mandare per posta o se vieni in Puglia ti posso portare in biblioteche, archivi sonori e ricercatori che li hanno trovati. Qui te ne trascrivo alcuni per darti un'idea di quello che ti posso trovare:


MASSAFRA (Taranto):

LU SCIOVEDIA SANDE
(Tratto da “Canti popolari della Settimana Santa a Massafra”
di Cosimo Scaligina, Edizioni “Tre ternise”, 2006)

Iosc’è lu Sciovedia Sande
e scenne Marì’ se mette lu mande,
non aveve chi ci scì,
sola sola si partì.

E acchiò San Pietre danande:
“Mamma Marì ce vä truvanne?”.
“Voche truvanne lu mio figliole,
l’ho perdut’e non lu trove”.

“Rete li porte di Peläte
‘ddä stä lu tuo figlie ‘nghiodäte”.
“Rete li porte di Peläte
‘ddä stä lu tuo figlie ‘nghiodäte”.

Tuppe-tuppe. “Ci è alli porte?”.
“So’ Marì lo sbinduräte”.
“Mamma mè no’ pozz’aprì,
li Ggiudè m’oni legäte”.

“M’one strinde o m’oni legäte
come nu misere carciaräte”.
“M’one strinde o m’oni legäte
come nu misere carciaräte”.

“E vä aggire da l’olda porte,
vite ca stä ‘na zingaredde.
Fatteli fä ‘nu pare de chiuove,
no te li fä fa longh’e suttile”.

Cheda zinghera maledette
‘ngi li fäsce longh’e strette.
Ggesù Criste lo molediscì,
sembe sperte lo fäsci scì.

Ggesù Criste lo molediscì,
sembe sperte lo fäsci scì.

Oggi è il Giovedì Santo
e scende Madre Maria e si mette il manto,
non aveva con chi andare,
sola sola se ne partì.

E incontrò San Pietro:
“Madre Maria che vai trovando?”.
“Vado trovando il mio figliolo,
l’ho perduto e non lo trovo”.

“Dietro la porta di Pilato
là sta il tuo figlio inchiodato”.
“Dietro la porta di Pilato
là sta il tuo figlio inchiodato”.

Toc toc. “Chi è alla porta?”.
“Sono Maria la sventurata”.
“Mamma mia non posso aprire,
i Giudei mi hanno legato”.

“Mi hanno stretto e mi hanno legato
come un misero carcerato”.
“Mi hanno stretto e mi hanno legato
come un misero carcerato”.

“E vai a girare dall’altra porta,
vedi che sta una zingarella.
Fatti fare un paio di chiodi,
non te li far fare lunghi e sottili”.

Quella zingara maledetta
glieli fece lunghi e stretti.
Gesù Cristo la maledì,
sempre sperduta la fece andare.

Gesù Cristo la maledì,
sempre sperduta la fece andare.

TARANTO:

IL LAMENTO DELL'UCCELLO AL DOLORE DI MARIA
Tratto da "U Briviarie d'a nonne", a cura di Claudio De Cuia, 2005 Scorpione Editrice

Figliole d'a Vergena Marije,
trendatré janne 'u munne camenaste,
tridece discepule le chiamaste,
te le purtaste pe' 'na cumbagnije,
jndr'o' deserte 'a Duttrine le 'nzignaste.
Le benediciste a ttavole quedda sere,
mmienze a ttutte stave l'anema nere.
"Vune de chiste amiche m'à da tradire;
quidde ca cale 'u prime vuccone,
quidde à da essere 'u tradetore mije".
A vune a vune le piede lavave.
Stave San Bietre, sule se lagnave.
"Pietre, ci le piede tue nò te le lave,
facce de paradise tu nò ne guede".
"Me lave da cape 'o piede, Maestre mije!
Vù stateve bbuene, file mije,
ca jie me n'hagghia scere;
jndr'o Sciardine sté a lucia vere.
Addà m'aspette l'Angele d'u Padre mije,
l'hagghia ffà quedda granda vije".
Ma come a ttanda cane
le Giudeje 'u vulevene 'mmane.
"Ma ce sciate fanne, file mije?!".
"Sciame truvanne Criste Nazzarene!".
Ma se menarene le cane arraggiate,
Criste 'u purtarene tutte attaccate.
N'acijdde ca stave suse a n'alije
sendije 'a voce de Matra Marije:
"Matre de Criste, Matre de Criste,
ije a ffigghieTe l'agghie viste;
l'hagghie viste murtefecate.
Osce nò me la fazze 'na candate!".
Figliolo della Vergine Maria,
trentatrè anni il mondo camminasti,
tredici discepoli li chiamasti,
te li portasti per una compagnia,
nel deserto la Dottrina gli insegnasti.
Li benedicesti a tavola quella sera,
tra tutti c'era l'anima nera.
"Uno di questi amici dovrà tradirmi;
quello a cui do il primo boccone,
quello dovrà essere il mio traditore!".
Ad uno ad uno i piedi lavava.
San Pietro solo si lagnava.
"Pietro, se i tuoi piedi non lavo,
faccia di paradiso non ne godrai".
"Mi lavi dal capo ai piedi, Maestro mio!".
"Statevi bene, figli miei,
chè io dovrò andarmene;
nel Giardino c'è la luce vera.
Là m'aspetta l'Angelo del Padre mio,
la dovrò fare quella grande via".
Ma come tanti cani
i Giudei lo volevano tra le mani.
"Ma che fate, figli miei?!".
"Andiamo cercando Cristo Nazareno!".
Ma si avventarono i cani arrabbiati,
Cristo lo portarono tutto legato.
Un uccello che stava su un albero d'olivo
sentì la voce della Madre Maria:
"Madre di Cristo, Madre di Cristo,
io a Tuo figlio l'ho visto;
l'ho visto mortificato.
Oggi non me la sento di cantare!".

Inoltre te ne scrivo una io inedita del mio paese, MARTINA FRANCA (Taranto), che ho registrato di persona:

'U VENERDEGGHIA SANTE

'U venerdegghia sante (x 2 volte)
Matre Maria s'a puste 'u mante (x 2 volte).

Non ge n'aveve pe ce scé, (x 2 volte)
e pi la lone se ne parté (x 2 volte).

Acchié San Pitre dananze: (x 2 volte)
"Matre Maria pecciè ste chiange?" (x 2 volte)

"Jé voche 'ncierche du fegghie, (x 2 volte)
ce l'eta véste me lu descète" (x 2 volte).

Il venerdì santo
Madre Maria si è messa il manto.

Non aveva con chi andare
e con la luna se ne andò.

Incontrò San Pietro:
"Madre Maria, perchè piangi?"

"Io vado in cerca di mio figlio,
se l'avete visto me lo dite".

E te ne posso mandare molti altri, basta che mi contatti al 328/7024035 o mi mandi un'e-mail a elrescador@libero.it.

A presto!

Damiano Nicolella

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up