www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Domenica 26 Giugno 2022

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[29-09-2008, a  21:03]
Re: LEGNI
caro Michele, direi che non c'è una soluzione magica nè una regola fissa, certamente una buona soluzione è quella di utilizzare vecchi mobili, ogni parte può essere riciclabile, il manico della mia prima battente lo feci con le assi laterali (in faggio) di un cassetto di una scrivania di truciolato da buttare, oltre ad avere la larghezza e la lunghezza giusta avevano anche (una volta incollati sovrapposti) lo spessore giusto ! e certamente la scrivania aveva più di cinque anni, forse dieci..

la cassa la ricavai dal fondo di un vecchio mobile bar, anche in quel caso lo spessore era quello che ritenevo "giusto"

spesso, più che procurarsi il legno, è difficile portarlo alla misura giusta con la dovuta precisione, se ti fai tagliare un asse da un falegname per farne un manico, e ti raccomandi sulla precisione del taglio, alla fine ci sarà sempre un millimetro di differenza, che per lui non è niente, difatti se glielo fai notare ti manda a quel paese, ma per un manico è tutto.. e per togliere 1 mm di spessore da un asse con gli utlensili manuali è una tragedia..

almeno i pezzi ricavati da vecchi mobili hanno misure precise, che è comunque una buona base di partenza,

nei bricocentri spesso poi si trova del legno già tagliato con una buona precisione, faggio, mogano, abete, ma conviene comunque farlo stagionare non meno di due anni,

per le tavole armoniche credo che non ci sia alternativa all'acquisto presso i fornitori della della val di fiemme, portare una tavola di abete a 3 mm di spessore è opera da esperti artigiani..

comunque la casistica è vastissima..

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up