www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Venerdi 24 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: guglielmo
[23-12-2008, a  23:10]
Re: Chit Barocca/Chit Battente
Alfò, non è mia intenzione sminuire l’arte dei bravissimi liutai calabresi (che non sono solo a Bisignano) ed il valore dei loro strumenti, ma se cerchiamo su internet "Chitarra Battente Calabrese" in quasi tutti i link troviamo altre due parole associate: "De Bonis - Bisignano" ! Gli esecutori più abili e più noti al pubblico prediligono le chitarre Vincenzo se non addirittura (fortunati loro) Nicola De Bonis, al "I° Festival della Battente nei luogi della memoria" è stato conferito un premio al Maestro Vincenzo De Bonis !!!

Dalle mie parti si dice "il buono si scarta da solo " ...

Marcè, sicuramente i De Bonis hanno elaborato delle personalizzazioni e lo hanno fatto così bene da rendere impareggiabile l'eccellenza dei loro strumenti, ma la battente mostrata in un altro topics dal Maestro Scala datata 1755 all'apparenza non sembra discostarsi molto dai modelli De Bonis !
Che dire … se non è uno standard … peccato …

Tornando però al principio del mio ragionamento ho continuato ad indagare sulla primogenitura della battente visitando anche siti di musei musicali e molti siti di liutai stranieri (e sì, la battente si costruisce anche all’estero …orresco referens direbbe Cicerone) e gli indizi raccolti non depongono a favore della Cilentana.

L’iconografia e gli strumenti custoditi nei musei, indicano che alle origini la chitarra battente è una chitarra a cinque cori e fondo bombato come la barocca francese. Il link di seguito è del sito di un liutaio olandese (… e si lo so …). Così come in altri siti la denominazione “chitarra battente” è accompagnata dall’espressione “early instruments” che tradotto significa “primi strumenti “ …
Si nota inoltre che non ha i capotasti ma i legacci e la tavola armonica non è spezzata, ma il ponticello è mobile :

http://home.hetnet.nl/%7Esebas-vero/guitars.html

Suppongo che i liutai stranieri dediti alla ricostruzione di strumenti antichi non si rifacciano alla tradizione bensì a iconografie e documenti storici inoltre, indipendentemente dal fondo, non ho trovato chitarre battenti antiche a 4 cori.

La ricerca continua …

per ora a tutti un sereno Natale

Guglielmo


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up