www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Martedi 11 Agosto 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Samnispentrorum
[30-05-2008, a  11:27]
BALLARELLA E TARANTELLA DEL MATESE
ESTADANZA IN CAMPANIA
CUSANO MUTRI (BN)
10-16 agosto 2008
48a edizione (1° anno cusanese)

BALLARELLA E TARANTELLA DEL MATESE
Balli tradizionali della Campania
Corso specializzato

Valido anche come
Scuola di Formazione per insegnanti
di balli popolari della Campania
della UISP Lega Danza (1° livello)

. . . . . . .

Esplorazione nel Matese. Quest'anno esploriamo una nuova area e nuovi repertori, del tutto sconosciuti persino ai rari intenditori, ai diversi appassionati ed ai molti "consumatori" di danza popolare italiana. Il Matese ed il Sannio sono zone dell'altra Italia, quella ignota e silenziosa: quasi sconosciute nel panorama etnocoreologico ed etnomusicologico italiano, sono terre quelle del Matese e del Sannio non appariscenti , che vivono il loro quotidiano rapporto di conservazione, innovazione e contraddizione con la propria identità tradizionale. Eppure qui abbiamo trovato tracce di ballarelle e tarantelle, presenza del doppio flauto e di strane percussioni. Resistono le questue rituali con corredo di canti e di musiche. La gente si ritrova ancora in varie forme espressive "proprie".

La ricchezza dei balli tradizionali della Campania. Ci saranno lezioni specialistiche sul variegato mondo della danza popolare campana. La conoscenza dettagliata dei molti balli praticati nella tradizione di una delle regioni più etnocoreuticamente ricche deriva da ventotto anni di ricerca e da una documentazione etnografica attendibile. Verrà esposta una esaustiva radiografia delle abitudini festive delle varie zone della regione, molto diverse tra loro. I partecipanti apprenderanno i balli della parte settentrionale della regione, che con la ballarella si collega al Lazio meridionale e al Molise. Tra le varie forme di ballo sul tamburo che circondano ad anello tutta l'area napoletana abbiamo scelto di studiare il modello domiziano, ancora oggi danzato nei comuni del Casertano e della zona flegrea. Dalla parte meridionale, etnicamente più lucana, sarà presentata una composita tarantellla particolarmente ricca di figurazioni

Le giornate saranno per metà laboratoriali (lezioni di ballo, lezioni teoriche di Antropologia della danza e di Storia delle tradizioni popolari) e per metà itineranti (visite e incontri a Cusano e nei comuni della zona).

• LABORATORIO SUI BALLI DELLA CAMPANIA

DISCIPLINE e DOCENTI

- Antropologia della danza: Giuseppe M. Gala (ore 6).
- Tecnica di ballo: ins. T. Biagi, P. Gala, T. Miniati e ballerini tradizionali (ore 20)
- Storia delle tradizioni popolari: (Lezioni "applicate" incontri, conferenze, visite guidate, partecipazione a feste popolari) (ore 14)
Totale delle attività didattiche: ore 40

- Per gli allievi della Scuola di Formazione da aggiungere
Esperienze di ricerca etnocoreutica sul campo: ore 8


REPERTORIO DEI BALLI
Ballarelle a una e due coppie del Matese, tarantella "figurata" della valle del Sele, ballo sul tamburo (detto anche "tammurriata") dell'area domiziana, tarantella del Sannio beneventano, tarantella di Montemarano, balli-gioco.

CONVIVIA
Incontri con studiosi, personaggi e storie di vita del Matese e del Sannio.


OSPITALITÀ

Alloggio
- Sistemazione economica: i partecipanti saranno ospitati gratuitamente dall'Amministrazione comunale di Cusano presso l'edificio scolastico con bagni e doccie della palestra, oppure in altro locale della sede parrocchiale con bagno e doccia.
- Sistemazione più confortevole: agriturismo e B&B convenzionati a pagamento da 12-15 € a notte in su. Oppure provvedere in proprio sulla ricezione disponibile in loco.

Pasti:
La colazione, il pranzo e la cena saranno consumati in ristorante: costo giornaliero complessivo 20,00 €.


VISITE, INCONTRI e FESTE
L'intera settimana - come annunciato sopra - prevede un'intensa attività di visite guidate etnografiche, artistiche e ambientali: botteghe artigiane, chiese del Matese, centri storici di Cusano Mutri e Cerreto Sannita, Museo della "Gente senza storia". Visite alle botteghe artigiane della zona, fra cui le ceramiche policrome di Cerreto Sannita e San Lorenzello. Incontri con portatori della tradizione, visione guidata di video di ricerca e possibilità di dibattiti accompagneranno il soggiorno a Cusano Mutri. Le serate saranno allietate da vari concerti della zona a base di ballo liscio, quadriglia e ballarelle.

INFORMAZIONI PIÙ DETTAGLIATE E ISCRIZIONI:


Per avere ulteriori informazioni telefonare al n. 055-295178, oppure al tel. mobile 347-5000000 / 338-6794866 / 347-6186994

email: taranta@taranta.it

Ulteriori informazioni:

http://www.taranta.it/ED08-CusMtr.html

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up