www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 17 Ottobre 2019

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Ronna Paulina
[14-11-2007, a  00:05]
Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
O ferrivecchi per la revisione
a Betsabè nun fate sto bidone
al Cippe a ballà coi Totarella
annate senza motocarrozzella,
annate senza defribillatore,
nun serve ancora l'accompagnatore,
che qui, mò, stamo a piagne la vecchiaia,
a contà l’acciacchi tua e quelli mia
finimo tutti quanti 'n salamoia,
nun serve la badante, o porca troja!
Pur'io ci'ho l'età e l'ho vissuta,
da buatta de piselli sò scoppiata,
un ballo al Cippe nun l’ho mai evitato,
e t'ho da di' che sempre m'è piaciuto.
Me sembra che mpò troppo quà se strilla
pè quest’invito della Betsabella!
Ca si la Betta nun ve da lo vino,
domani fumerà n’antro camino
ca si la Betta nun ve da lo cacio,
le gregne le legamo e tutte brucio
Nun serve ca pè forza tu fai danza,
porta la voce, oppur porta la panza!

Per quanto poi riguarda il semolino
nun è p'Alfonso e manco per sor Pino:
"...ma quanno ch’è scoccato er mezzogiorno
me fai, a Bè, le penne all’arabbiata
e poi faccio scarpetta torno torno
e me sollevo da st’apparecchiata;
l’abbacchio mbè lo lascio a li perdenti
ch’è robba da neonati, delicata,
da regazzini ancora senza denti
o da vecchiacci senza la dentata;
io me butto all’assalto de na coda
‘n gioiello, profumata, à vaccinara
e poi me faccio un rosso che te schioda
e bevo a chi sta all'Anguillara;
fateli voi que' dù quadrucci a brodo
che ve fanno stà lèggi de budella
la pròstata s’allevia in quarche modo
e ve ridanno svejja a le cervella !"
Così descrisse un dì lontano Alfonzo,
quann'era er mejo fico der bigonzo!!!!

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up