www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Mercoledi 1 Aprile 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: RonnaPaulina
[24-10-2007, a  21:21]
Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
Irpino mio, ma lassa stà er cortello
e come bon sfidante apri er ballo,
sappi che qui la sfida è de stornello
e sì lo disse puro Essabballo:

“Si tu me fumi come marijuana
io me te bevo come fussi vino
gl’Irpini che me fanno sta ‘n campana
me fanno n’baffo lungo e ricciolino.

Io la dentiera ancora nun la porto
e magno la carnaccia quale sia
s’arivo a mozzicatte sei già morto
e de sicuro perdi all’osteria.

Ma me dichi davero? o me canzoni?
Me ggiri, me rivorti, me macelli..
e com’è che te ritrovi a pennoloni?
Ma posa, tristo Irpino, sti cortelli!

Nun fa er bravaccio ch’io nun me spavento
e nemmanco me serve er coltellaccio
smargiassi come tte n’ho visti cento
e m’è bastato fà ‘no stornellaccio”

Rispose Alfò: “ Se ancora c’hai li denti
e t’è rimasta un pò de competenza
famme vedè ddù strofe sorprendenti
caro Essabbà (parlanno cò decenza)

e se t’azzardi a mozzicà sta pelle
de certo t’aritrovi senza mole
so tutto n’osso, io, ah brutto imbelle !
te manno steso a rimirà lo sole

e ssè me fate arzà, in du minuti
a ttè e quell’artro vecchio sbarbatello
ve manno dritti all’arberi pizzuti !
artro che rime e strofe de stornello...”

“Ce manni su pe' l'arberi pizzuti?
Sta' zitto, capo de' rincojoniti.
Li verzi nostri a tutti so' piaciuti.
Te cacciarraggio n'uocchio co' sti diti!

Lo vedi che t’arabbi, sei smargiasso,
pija esempio da Pino ch’è pacioso
e forze riuscirai a tenecce er passo.”
Irpino mio, non essere più iroso.


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up