www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 9 Aprile 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Irpino
[24-10-2007, a  17:11]
Re: Sfida all'ultimo stornello "DUE"
M’hai fatto aricordà la prima gara
che de' stornelli ebbimo fatto all’ara.
Quando cantò lo fico der bigonzo
grande stornellator, compare Arfonzo:
“Ammè m’hai detto “attento”?!? ah Pontuello !
purtroppo nun sò Irpino d’artri tempi..
sinnò t’avrei già detto: pja 'r cortello !
e in meno che se ne parli o se ne dica,
t’avrebbi ornato er fronte o la mascella
co’ ‘n ghirigoro largo quattro dita !
purtroppo so’ passati i tempi belli
quanno per pari offesa, come gnente,
t’aritrovavi senza li budelli !
ma l’onta è troppa e tosto va lavata
nun se po’ fà passà, question d’onore,
sta cosa ‘un po’ passà inosservata,
E’ giunta la tua ora, caro Pino:
te sfido all’urtim’ora coi sonetti
a te la scerta ! tiòrba o chitarrino ?”
“Se storia nun ce n’ho, io me la faccio !
e me la faccio senza arcun timore
la sfida è cominciata a core a core
emmò l’ho sfoderato er coltellaccio
e quanno ho sfoderato l’aripongo
solo quanno er nemico è sgominato,
e sse tu t’annasconni ar patronato
te pisto, t’arivorto e ricompongo
fino a chè t’arimane er fiato corto
poi co ‘na strofa sola t’arimbarzo,
co ‘na quartina stenno e t’ariarzo,
e con sonetto ar bacio te deporto,
perciò Pinuccio mio, stà ‘n campana
che te le rompo tutte le dentiere
che me te fumo come marjuàna
te manno a ripijarla ‘nder sedere !”



Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up