www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 13 Agosto 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: kukurni
[07-08-2007, a  15:06]
Re: Convegno internazionale sulle danze
grazie Pino per la risposta!

concordo con le cose che dici, in verità vere, ma rimango ottimista e qualcosa l'ho vista negli ultimi tempi, poco, pochissimo, molto ben celata, sia fra i vecchi che i giovani, e la speranza è come rinata, speriamo!

vermouth? si, divertente, è vero a me veniva dato con mio fratello un bicchierino di vermouth dolce bianco la notte di capodanno per brindare insieme ai miei nonni, perchè i genitori erano a bisbocciare! e che buono che mi sembrava! soprattutto quel fondo aromatizzato! hahahahahaha

direi che il vermouth ha preso il posto del rosolio piuttosto che del vino! o forse del vino dolce, quello che veniva offerto alle signore!

ma un pensiero tira l'altro e così per associazione arrivano le boccie, il tre sette, scopa....

perchè in verità è tutta una lunga storia che si dipana lungo un filo, non credi?

per questo oggi non riesco più a pensare musica, canto, ballo come tre momenti scissi, almeno nella cultura popolare. sono tre elementi strettamente interconnessi, che si nutrono reciprocamente e dove comanda in primo luogo il sentire piuttosto che la abilità, la grande maestria.

sarebbe molto bello sedere intorno ad un tavolino e chiacchierare sotto l'ombra del pergolato con un bicchiere di vino in mano piuttosto che attraverso questo mezzo così "incredibile"! e riprendere la dimensione del tempo e dello spazio, no?


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up