www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 13 Agosto 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Pino Pontuali
[06-08-2007, a  11:11]
Re: Convegno internazionale sulle danze trad
A Kukurni:
Purtroppo insisto nel dire che, almeno dalle mie parti, gli anziani non hanno più la possibilità di esternare la propria tradizione musicale da almeno vent'anni. Questo perché il martellamento dei mass-media ha inculcato nella loro testa la vergogna del proprio passato, un passato che traspare dal saltarello, dalla tarantella, ecc.
Questa senzazione di disagio l'avvertii gia ai tempi delle mie prime "esplorazioni", anche nei paesi più lontani dalle grosse vie di comunicazione. Ricordo che gli anziani mi suonavano per primo, offrendomi da bere un "vermouth" (vino liquoroso diventato di moda nei tempi moderni), brani di musica commerciale appresi dalla radio o dalla televisione (Marina, Campagnola Bella, Romagna e Sangiovese, ecc.) poi, continuando la conversazione, si rendevano conto che ero veramente e benevolmente interessato al racconto della loro vita, mi proponevano di bere del vino al posto del vermouth e mi suonavano il saltarello o la ballarella.

Caro Samnispentorum (poi mi dirai cosa vuol dire),
hai ragione nel definire la discussione accademica, però può farci capire non cosa accade ma quanta voglia abbiamo di non farci condizionare, ed allora rinnovo la proposta di formare un binario parallelo dove potremmo evitare di farci cannibalizzare senza per questo dover rinunciare ad ingaggi remunerati.
Sono già quattro anni che, insieme a Raffaele Mallozzi, organizziamo "la sera tardi dell'Organetto" ed è una manifestazione sugli stili più disparati dove i musicisti addirittura si autopropongomo numerosi pur coscienti di non prendere nemmeno un euro di rimborso, ed è sempre stato un evento ad alto livello.
Rinnovo la mia disponibilità alla formazione del circuito di scambio, può servire anche a fare una mappatura della musica tradizionale al giorno d'oggi.
Sarà faticoso e forse utopistico ma sicuramente se non ci sono soldi da gestire non ci sarà nemmeno "trippa per gatti".

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up