www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 13 Agosto 2020

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: kukurni
[03-08-2007, a  14:31]
Re: Convegno internazionale sulle danze
ahi avvocatista! hai messo il dito sulla piaga!

ma la scuola di antropologia in italia, o la scuola di etnomusicologia, che tradizione hanno? che storia hanno?

un grande antropologo direttore di un famoso museo di etnografia in europa, grande studioso che per anni è stato visto sparire per mesi e mesi nelle montagne e tornare a prendere fiato, sconvolto, a volte malato, sicuramente affaticato, quando gli venne chiesto, ma come si fa ad essere antropologi?

la risposta fu: vai nella giungla, trova la gente che ti interessa e vivi lì per alcuni anni. poi puoi tornare e cominciare a pensare alle cose che hai imparato, che hai osservato e che forse hai compreso.

"per alcuni anni"!

si sente spesso parlare di missioni sul terreno di alcuni "mesi"! (sic) per non parlare di studi di antropologia o etnomusicologia praticati con spedizioni di alcuni giorni, con ritorni magari di un giorno, e così via. certo, nel tempo queste spedizioni vengono ripetute e sommate matematicamente, magari la sintesi viene fatta dopo alcuni anni di "osservazione", ma non ci si ferma a considerare "quanto" effettivamente sia stata lunga questa osservazione!

c'è poi il caso di un fine antropologo italiano che per anni ha ricercato in un lontano paese esotico con queste "spedizioni sul campo a tempo determinato".

ma il tizio faceva studi antropologici senza parlare la lingua locale! si avvaleva di cosiddetti informatori o traduttori.

Quale verifica poteva avere sulla qualità di quello che stava facendo o riportanto ed infine osservando? sullo scarto fra ciò che osservava e l'interpretazione che ne dava l'informatore/traduttore?

eppure questo signore in italia ha fatto una fine carriera universitaria passando attraverso varie università!

forse non a caso la scuola "antropologica" o "etnomusicologica" italiana a livello internazionale non pare abbiano lasciato un segno molto evidente!


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up