www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 23 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Michele
[16-10-2008, a  10:47]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Esatto Calogero!
E se ci fai caso prosegui sempre per quinte!
Il Do non ha alterazioni.
Il V grado del Do è il Sol (1-do 2-re 3-mi 4-fa 5-sol...)
quindi tu che fai? parti dal Do.... la V è il Sol e alteri con un # la nota prima dello stesso Sol (che se siamo in sol prende il nome di sensibile)-----> Fa#
Quindi la scala maggiore di Sol sarà: sol, la, si, do, re, mi, fa#, sol.
Puoi proseguire con lo stesso ragionamento.
La V del Sol è il Re (1-sol 2-la, 3-si, 4-do, 5-RE 6-mi 7-fa#)
Anche qui porteremo "la settima a sensibile", cioè alteriamo la nota prima portandola alla distanza di un semitono dal Re: il Do diventerà Do#.
Quindi la scala maggiore di Re sarà: re, mi, fa#, sol, la, si, do#, re.
Alterando col # il do, viene mantenuta l'alterazione di fa#.
Seguendo questo ragionamento la prossima tonalità è quella di La, la scala di La maggiore sarà:
la, si, do#, re, mi, fa#, sol#, la
Quindi Do non ha alterazioni, Sol ne ha una, Re ne ha due, La tre, Mi quattro, Si cinque, Fa# sei...
Quando tu in un pentagramma vedi ad esempio tre alterazioni in chiave, sai in automatico che la scala utilizzata è quella di La maggiore, senza neppure controllare che note sono, perchè queste saranno sicuramente, per la regola descritta, il Sol, il Do e il Fa. e vanno indicate per regola proprio in questa sequenza.
Questo è il circolo delle quinte, il metodo "corretto" e più rapido per l'ottenimento delle alterazioni in # nelle scale maggiori.
Per l'ottenimento dei bemolli il ragionamento è simile, ma ci si affida ad un'altra regola: il circolo delle quarte!
Il circolo delle quarte è simile al circolo delle quinte, la differenza sta nel fatto che anzichè considerare la V e alterare il suo VII grado (ricordi? nel Sol alteravamo il Fa).... bisogna considerare la quarta e alterare la sua quarta.
Esempio:
Do - non ha alterazioni
Fa - è la IV del Do, si altera la sua IV (1-fa 2-sol 3-la 4-si)
Quindi la scala di Fa maggiore sarà: Fa, Sol, La, Sib, Do, Re, Mi, Fa
E anche qui così via.....
La scala di Sib sarà: Sib, Do, Re, Mib, Fa, Sol, La, Sib
In sintesi con il "circolo delle V ascendenti" assegni i #, con il "circolo delle IV ascendenti" assegni i b.
Non so se sono stato chiaro, spero di si, anche perchè questo è il sistema "ufficiale" nonchè il migliore e più intuitivo, forse è un po' astruso ma una volta compreso dona una buona padronanza delle note.
Ciao!

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up