www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Venerdi 24 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Giancarlo petti
[12-09-2008, a  10:06]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Buongiorno e grazie a tutti!

X Pippo: come al solito hai l'occhio acuto del musicista e del costruttore esperto!
E' vero!! ...Come mai ci sono dieci fori anteriori?? ... E' impossibile utilizzarli tutti .... perchè servirebbero dodici dita!

In realtà la risposta è molto semplice: ho dovuto fare dei fori d'intonazione, per portare lo strumento alla nota base voluta, senza accorciarlo nella parte inferiore, cosa che mi avrebbe fatto perdere la parte naturalmente curva.

Quindi i tre fori inferiori non vengono digitati e restano sempre aperti, ad eccezione del terzo da sotto che potrebbe anche essere usato qualche volta!

Comunque se interessa, potrei descrivere le fasi di costruzione e le scelte affrontate durante la costruzione.


x Alfonso:
-Hai ragione, gli strumenti di Giuliano sono davvero belli ed sprimono chiaramente un'atmosfera di genuinità e spontaneità. La tipologia costruttiva è molto semplice ed "immediata".

Sia il becco che la finestrella sono facilmente realizzabili con un semplice taglio "dritto" a coltello.
E' una soluzione molto diffusa in passato anche da noi e la sua semplicità di realizzazione non sminuisce la resa sonora purchè si faccia attenzione a non fare l'apertura della finestrella troppo grande, errore molto comune ai novizi.

La definizione giusta è proprio quella che hai detto: finestrella a tacca semplice (o meglio a 'ntacca!).

-No, non ho un museo, però mi piace ogni tanto costruire qualcosa di particolare!

Spesso partendo da materiale trovato direttamente in natura, a volte "allevando" la canna e facendola crescere secondo il proprio progetto, se così si può dire.

La canna utilizzata, in effetti, l'ho obbligata a crescere in quella direzione, controllandola durante la crescita ed "invitandola" materialmente e seguire quell'andamento.

E' un processo durato due anni ed è il risultato di un'intuizione semplice, osservando quelle canne che naturalmente crescono seguendo forme "alternative".

Gradirei, a tale proposito, un commento del nostro amico Pino Pontuali, che, in agosto, ho incontrato durante una sua esibizione, per pochi minuti, e che ha avuto modo di vedere qualche strumento ottenuto "guidando" la crescita.

Mando ancora qualche foto dello strumento in questione per meglio valutarne le dimensioni.

Saluti, Giancarlo.
{{img:1523846494}}

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up