www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Lunedi 20 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Giancarlo Petti
[03-09-2008, a  10:10]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Buongiorno a tutti!

Anche se con un pò di ritardo voglio rispondere a Michele confermando che, in effetti, con le alte temperature la cera tende un pò ad ammorbidirsi, ma confermo i vantaggi che ha: permette di sostituire l'ancia senza dover rifare il fusto, è perfetta dal punto di vista della fedeltà alla tradizione, è ecologicamente perfetta.
Per quanto riguarda l'ancia ("la provo e mi esce una nota, la alleggerisco e mi prende una nota (anche una quarta) più bassa), devi far attenzione che l'ancia abbia la stessa larghezza per tutta la sua lunghezza (scusa il gioco di parole), che "l'alleggerimento" sia uniforme e che non ci siano zone dell'ancia che, prevalendo sulle altre,( come spessore) diano un risultato piuttosto che un'altro!
Altra cosa importante è cercare di uniformare la quantità di aria e la modulazione del soffio, perchè con la stessa ancia, se si cambia intensità di fiato e imboccatura, si ottengono note diverse, ma questo i suonatori di ciaramella come Michele e come me, lo sanno bene ..ed a loro discapito!
Saluti, Giancarlo

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up