www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Venerdi 24 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: giancarlo
[10-06-2008, a  17:25]
Re: Costruttori di flauti di canna.

Già... Scapoli!!!!
Ci risiamo quasi!
...Alfò non ho la certezza di venire a Scapoli, ma se lo facessi... porterei anche qualche altro strumento ancora in fase di realizzazione (sono da forare) e dalla forma molto particolare!

Uno è lungo un metro e 10, due sono in osso, l'altro.... è un capolavoro!
Ho aspettato due anni per far crescere una canna con la forma voluta.

E' davvero un flauto atipico (ha la forma di un sassofono), ma per adesso non posterò la foto, casomai più in la (anche perchè Calogero me lo copia e se lo vende su E Bay!!!! ....Ah!...Ah!...Ah! Calò... non te la prendere! ... scherzo, però so che sei studente ed hai bisogno di soldi!!!!).

Tornando all'esemplare della foto:

-Per la finestrella nessun problema.
Sono partito con circa 5 mm x 5mm e poi dopo aver realizzata la zeppa, ho leggermente all'argata e allungata, micrometricamente, per avere il suono come desiderato.

-Per il portavoce nessun problema.
Sinceramente non capisco la fissa che molti hanno, cioè "la distanza del portavoce".
Io lo faccio alla fine, in corrispondenza dell'ultimo foro o poco sopra (uno o due millimetri).
L'importante è che gli altri siano stati accordati, altrimenti ...addio!

-Per la distanza del primo foro dalla culazza.... esperienza ed intuito, con un occhio al diametro della canna.
Mi è andata bene, ma poteva andare anche meglio, infatti se avessi fatto il foro, leggermente più sotto, sarebbe venuto più largo e quindi sarebbe stato più facile fare i semitoni.

-Lo stesso dicasi per i fori superiori. Diversificando un po di più il passo (accorciando la distanza tra loro) sarebbero stati di dimensione maggiore.

Comunque va bene così!

Ha un suono bellissimo ed è particolare per i "tre diametri" della canna, per il taglio obliquo inferiore, scoglio in più per "intonare" la nota base, per la zeppa a tutto tondo, per il canaletto, pressocchè inesistente.

Ah... dimenticavo: la zeppa (o meglio il tappo dovrei dire) aderisce alla perfezione alla canna, senza nessun tipo di collante, tant'è che si puo sflilare e rimettere senza problemi.

...Quasi quasi li dono al museo di Scapoli!

Se ci sono flauti indiani, sardi ecc. ecc., potranno esserci anche quelli Molisani?

Boh???

Saluti, Giancarlo.




Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up