www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 25 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: gianluca zammarelli
[08-04-2008, a  18:48]
Re: Costruttori di flauti di canna.
riguardo la posizione: chiaramente questa tecnica era utilizzata per flauti tradizionali a 4 fori, percui col coltello a occhio si segnava la posizione (non troppo vicina alla tacca, diciamo 2-3 cm), inoltre il penultimo foro veniva fatto perpendicolare al portavoce. In questo tipo di flauto tutti i fori erano dello stesso diametro (stesso ferro infuocato) e poi lievemente aggiustati; il motivo di ciò era nella diteggiatura incrociata a quarta eccedente.
Per flauti più evoluti (anche se con la diteggiatura incrociata puoi arrivare a più di un ottava), consiglio di regolarsi a occhio in base alle proprie dita e sicuramente non oltrepassare i 3 cm dalla tacca

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up