www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 25 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Giancaro
[14-03-2008, a  11:10]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Ciao a tutti, scusate l'assenza dei giorni scorsi, ma non ho tantissimo tempo.

Ho notato che la discussione e l'interesse per l'argomento flauto di canna (che non è solo friscaletto) è in aumento.

Mi dispiace un pò che ci si stia troppo attaccando a presunti "schemi aurei", a misure considerate universali!

Vi assicuro e ribadisco che non è perfettamente così e che si migliora nella tecnica solo esercitandosi.

La strada giusta è quella della sperimentazione personale, partendo da alcuni riferimenti che devono restare tali!

Chi è poco esperto e relizza un flauto facendo prima i fori (perchè ha le misure o lo schema) e poi il canaletto, la finestrella, la zeppa, non opera correttamente e non sperimenta il vantaggio e la "maestria" di fare i fori uno dopo l'altro, solo dopo aver intonato quello che lo precede.

Le misure vanno adattate e modificatesecondo la canna specifica, che non è mai perfettamente cilindrica.

Se volete una dritta, riferitele sempre al diametro interno della canna, mai a quello esterno.

Perchè? A parità di diametro esterno, conta tantissimo lo spessore delle pareti, cioè due canne dello stesso diametro esterno, daranno tonalità diverse se le pareti hanno spessore diverso, e vi assicuro che non è facile trovarne canne uguale tra loro.

Dirò anche un'altra cosa, che a qualcuno potrebbe sembrare blasfema: i friscaletti del bravo artigiano Occhino, che gradirei sapere se è ancora in vita, è se lo è augurandogli di esserlo ancora per molto, diversamente, senza voler mancargli di rispetto, non sono poi così "perfetti".

Uno dei difettucci riscontrabili? Per esempio hanno la finestrella troppo grande.
(ai seguaci delle sue misure consiglierei di ridurla, sia in larghezza che in lunghezza, di un 35%).

In ogni caso restano dei buoni strumenti e poi ... chi sono io per dire il contrario????

Ps x Antonio: vedo che ti stai appassionando, sei mio corregionale (Pietracatella?) e qualche volta ci incontreremo. ...Lascia perdere gli schemi, procurati un flauto e cerca di copiarlo!!!

Saluti!
Giancarlo

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up