www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 23 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Michele
[23-02-2008, a  11:14]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Pippo sembra davvero un bel lavoro... i fori come li hai fatti?

Dico:
1) Io di solito la zeppa di fico la prendo un po' più grossa e poi la scartavetro fino a farla entrare giusta giusta, Calogero mi ha suggerito una cosa semplicissima: "prendi un pezzo di legno di fico (lui usa l'oleandro) e lo infili nella canna, quando si ferma il punto giusto è quello, segni e poi tagli gli estremi; pare una fesseria invece così facendo la zeppa risulta più aderente e me ne sono accorto facendo una prova...il suono era più potente!

2)Ho letto su internet, in un sito che spiega la costruzione del wistle irlandese, che per abbassare l'intonazione si può mettere della cera nella finestrella, ho fatto la prova ed è risultato vero... chiudendo parzialmente la finestrella la tonalità dello strumneto si traspone un po'... ora... d'accordo con Giancarlo, la tonalità deriva principalmente da sezione e lunghezza... ma se la nota cambia (e anche di un ssemitono o più) modificando la finestrella, possiamo annoverare questa come una variabile nell'accordatura dello strumento, anche qui ha ragione Giancarlo, si può fare ad occhio ma ci sono delle misure che sono quelle della perfezione! Variando le dimensioni della finestrella è possibile, quindi, a parità di altre misure, modificare l'intonazione! Se mi date conferma o avete da aggiungere potrebbe essere occasione per pippo di trasportare il suo friscaletto (però in sib), anche se ieri notte consigliai di lasciarlo com'è.

3)le tonalità più usate in Sicilia mi risultano essere: La, Do, Sol, Sib

Il sib credo derivi dal fatto che qualcuno si è cimentato nella musica da banda col friscaletto e, come si sa, la tonalità preferenziale degli ottoni (tromba, trombone, etc) è proprio il Sib...

Salutamu!

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up