www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Lunedi 20 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Michele
[22-02-2008, a  10:15]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Calogero!
Ma è tutto ok, ci si può confondere!

Una cosa: ho provato a fare i fori col trapano ieri: lo strumento tutto scordato, anche se le punte che ho usato erano di misura leggermente crescente l'uno dall'altro.... i fori bellissimi, tondi tondi, su uno strumento scordato.
Quando li faccio col saldatore ci sto tanto tempo e ogni tocco di saldatore prosegue con una verifica dell'intonazione. Molti usano il trapano, io non ci riesco (perchè?).

Ancora: la portata d'aria dovrebbe dipendere non dalla grossezza della canna ma dall'apertura alla culazza, infatti anche se fosse un tubo da 15, con un foro di un centimetro alla culazza, la portata sempre quella è, quindi potrei fare un friscaletto in La, lungo x centimetri, dove la "x" rimane invariata a prescindere dalla grossezza della canna...(questa è una riflessione che può portare alla comprensione di determinati aspetti sulle "misure" però ho il sospetto di sbagliarmi di grosso, se mi correggete ne sono grato!)

Tutt'ora, nonostante abbia capito che rispettando la regola dei 4 cm si possono far suonare bene tutte le note, certe volte, per finire di fare i fori, invado l'area proibita (entro i 4 cm dalla finestrella)... c'è qualcosa che non va!
In compenso, grazie ad un suggerimento del mitico Calogero, sono riuscito a ridurre i 4 cm a 3 cm e mezzo!!! avvicinando i fori alla finestrella di 1/2 cm e ottenendo lo stesso un buon risultato e una maggiore potenza sonora!

Sono alla ricerca di una regola, che non sia un'equazione parametrica, che mi consenta di indovinare sempre, ovviamente tenendo conto di quella piccola variabilità che poi si corregge "ad occhio", intonando i fori uno per uno... farò dei rapporti fra vari strumenti e appena possibile li posterò.

Se in tanti leggono questo forum e si cimentano sulla costruzione di uno strumento tradizionale, non è una vittoria per coloro che vogliono salvaguardare il patrimonio culturale?

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up