www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 25 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: giancarlo
[19-02-2008, a  08:36]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Ciao Alfonso.
Il flauto curvo del quale hai pubblicato la foto è molto bello!!!

Le tue foto sono sempre molto interessanti ed originali (vedi la tibia in osso, vedi i flauti sardi rivestiti in pelle di serpente, vedi le maghiette in osso, vedi la castagnette, vedi il flauto curvo), ma sarebbe ancora più interessante sapere dove e da chi sono stati realizzati.

Costruire un flauto curvo non presenta particolari difficoltà se non due:

1) E' difficile trovare una canna curva del diametro e delle dimensioni che cerchiamo, ma se ci accontentassimo di usarne una così come si trova, per fare uno strumento si bello od artistico, colorato, sagomato ecc. , ma in un atonalità e timbro "come viene viene", è tutto più semplice.

2) La verà difficoltà è che un flauto curvo non è mai uguale ad un'altro, per cui non si ha un riferimento da cui prendere le misure, in particolare la distanza tra i fori.
Spesso quindi si deve, ogni volta che se ne fa uno, forare "ad occhio", secondo la propria esperienza... e qui si vedono i duri!!!!

PS Mi dispiace non aver avuto la macchina fotografica, per lunghi periodi della mia vita.
l'ultima l'ho rotta, facendola cadere, il giorno di Natale. (450 euro persi), per cui ora mi trovo ancora una volta sprovvisto.

Saluti, Giancarlo.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up