www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietà, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 25 Novembre 2017

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Alfonso
[28-09-2007, a  15:06]
Re: Costruttori di flauti di canna.
<...ripeto l'invito a non usare il sughero come zeppa. Il suo uso non è tradizionale, non permette una zeppa ben levigata, non offre sufficienti garanzie di indeformabilità.
Era molto più logico, usare legno, facilmente reperibile in natura, che non sughero che, ricordiamolo, si comprava ed era usato per altri scopi...>

Giancà, sul "non tradizionale" ci andrei un pò cauto, se ci riferiamo alla tradizione dell'epoca dei nostri nonni dobbiamo tener presenti che non tutti i nonni sono uguali.., nel senso che le abitudini cambiano con il cambiare dei luoghi

dalle mie parti per esempio già all'epoca dei miei nonni e anche bisnonni c'era un grosso "surplus" di sugheri usati, sia per l'abitudine a tapparci le bottiglie di vino, olio, aceto, che per la radicata abitudine di utlizzarli per le "bottiglie" di pomodori (sulle quali veniva poi sapientemente applicata una gabbietta di spago fatta al momento), e ti assicuro che di "bottiglie" se ne consumavano certamente più di una al giorno, ma questi tappi non potevano essere riutilizzati per la stessa funzione e così rimanevano per casa aspettando una diligente riutilizzazione, ed una di queste era appunto òe zeppe dei flauti !

è chiaro che un'abitudine del genere non si poteva sviluppare, che so.., nel polesine, dove magari il piatto quotidiano erano verze in brodo.., ma da noi erano ziti... e quando non erano ziti erano "mulignane 'mbuttunate" cotte immerse intere nel sugo di pomodoro

che il sughero poi non offra sufficienti garanzie di indeformabilità pure ci andrei cauto, credo da profano che abbia una resistenza alle muffe e alla umidità superiore a qualunque legno,


c'è pure una'ltra importantissima considerazione da fare :
quando ti viene voglia di fare un flauto il tappo di sughero usato è lì disponibile che ti aspetta..
mentre trovare un rametto di legno adatto e già stagionato spesso non è così facile..

specifico che da noi questa di fare " le bottiglie" c'è ancora, ma oggi si usano i praticissimi tappi a corona, ottimi (usati..) per certi tamburelli..


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up