www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Giovedi 19 Luglio 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Giuseppe
[11-04-2013, a  14:22]
Re: Costruttori di flauti di canna.
ciao Angelo, per quanto riguarda il "dorare" i friscaletti, se vi può incuriosire, un paio di anziani costruttori messinesi attestano che anticamente le canne, dopo il sole dell'estate, venivano appese al soffitto in un locale dove era presente un focolare (esempio classico i locali adibiti alla produzione di formaggi) per il restante inverno. i fumi e il calore del focolare all'interno della stanza miglioravano ulteriormente la stagionatura delle canne, che nel frattempo assumevano una tinta più bruna. mi è piaciuta molto l'espressione di un anziano costruttore che, parlandomi di questo metodo, riferendosi alla canna disse "chidda è a sò motti" (quella è la sua morte).
Un saluto a tutti voi del forum,
Giuseppe.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up