www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Domenica 22 Luglio 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Angelo
[10-04-2013, a  19:25]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Salve a tutti, in particolare a i miei interlocutori Giancarlo e Salvatore!
Mi compiacio con Salvatore per aver aggiunto ulteriori informazioni per quanto riguarda l'arte del bastone siciliano!
Per quanto riguarda la superficie esterna del friscaletto, diciamo che, in parte Salvatore e in gran parte Giancarlo hanno toccato, anche se non specificando del tutto, la funzione della "scorcia" della canna!
Per tornare all'argomento "superficie esterna canna", bisogna dire sin da subito che, sia la carteggiatura, sia la "fuchiatura", sono dei trattamenti esterni superficiali legati alla "rigidità" del cannolo, rigidità che è legata alla "vibrazione", vibrazione che è legata alla "purezza" del suono.
IN sintesi
Carteggiando:
- si ha un miglioramento estetico se la canna presenta macchie causate da muffe, batteri o altro;
- perdendo la superficie esterna, la canna perde rigidità, vibra meno, si ottiene un suono meno "puro", inoltre, assorbe più facilmente umidità (le fibre della canna non sono come quelle del legno!), peggiorando ulteriormente la rigidità, quindi, compromettendo ancor di più il suono;
- strumento meno protetto da liquidi, sudore o altro (paradossalmente, nel cercare di migliorare l'estetica carteggiando, si rischia di rendere lo strumento più vulnerabile dal punto di vista estetico nel futuro!!!).
"Fuchiando":
- la superficie esterna e parte degli strati interni, in modo graduale, diventano più rigidi, per cui la canna vibra meglio e di conseguenza si ottiene un suono migliore;
- migliora il non asssorbimento di umidità, diciamo che contrasta più efficacemente la perdità di rigidità (responsabile diretta della purezza del suono, come scritto prima!) dovuta al vapore acqueo che rende le fibre meno compatte e più morbide;
- miglioramento estetico? Soggettivo;
- nei punti spigolosi, a causa dell'aumento di rigidità superficiale, la canna si può scorticare più facilmente, inoltre sempre in questi punti, dove il fuoco si "concentra" di più, si otterranno dei colori più intensi e si rischia di bruciare e annerire le parti.
Spero di non avere tralasciato niente!
Una buona serata a tutti ;-)


Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up