www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Sabato 20 Ottobre 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: Salvatore
[09-04-2013, a  16:30]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Carissimo Angelo, non penso di essere il più titolato a rispondere alle Tue domande, comunque per quanto riguarda l'arte marziale di cui parli, so che è il Liu-bo. Arte creata da un maestro catanese negli anni 70 (almeno credo) codificando alcuni modi di duellare dei pastori. L'ho visto per la prima volta credo nel 1979 in una esibizione a Milano, dove è molto praticata al contrario che in Sicilia!!! dove ci sono poche scuole o palestre dove viene insegnato. Il Maestro l'ha chiamato così perchè ha unito parte del suo nome credo si chiamasse Letterio (per gli amici Liu) e bo che in giapponese significa bastone. Del perchè non bisogna carteggiare la canna, penso che sia per non togliere quella "platina" che penso protegga e dia lucentezza alla canna (è una mia opinione...). Per finire, per quello che ne sò, il bastone (in genere mandorlo selvatico o quercia in siciliano "u scigliu") raccolto verde, veniva "fuchiato" cioè passato alla fiamma non con solo paglia ma paglia e letame e veniva effettuato con una forma di rituale che non ho mai capito. Ricordo però di un mio ex allievo che un giorno venne in palestra dicendomi che non veniva ad allenarsi poichè doveva aiutare un suo amico ad effettuare questa forma di rito... per il friscalettu bruciacchiato non so forse è un modo per personalizzarlo, non penso che serva ad asciugare la canna forse per sterilizzarla... Boh! Saluti, Salvatore.

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up