www.alfonsotoscano.it la musica degli ignoranti
 

Calendario   |   Corsi, seminari e stage   |   Libri, cd, demo   |   archivio audiovideo   |   la chitarra battente   |   mostra   |   annunci   |   la chiazza    |   proposte artistiche     artigiani & hobbisti    |   i portatori della tradizione    |    eventi trascorsi   |   le feste da non perdere   |   articoli   |   Cilento   | nonSoloMusica   |   home   |   la battente vista da..

 

in questa piazza puoi dire quello che vuoi senza bisogno di registrazione/iscrizione, qui ci si incontra per fare quattro chiacchiere oppure per spaccare il pelo in quattro, come preferisci...

resta inteso che se ti metti a rompere le scatole i tuoi interventi verranno cancellati senza pietŕ, e questo vale in particolar modo per coloro che scelgono di rimanere anonimi pur usando uno pseudonimo    

 
Torna all'elenco argomenti | Messaggi | Martedi 17 Luglio 2018

Nuovo oggetto
Icon:
Titolo:

Descrizione:

Usa gli Smileys Inserisci un'immagine

Nome:
Vengo da:
Email:

Inserisci la parola che leggi qui sopra prima di inviare:
Stai rispondendo al messaggio di: stefano
[13-06-2010, a  18:27]
Re: Costruttori di flauti di canna.
Ciao a tutti e scusate il ritardo nella risposta ma sono impegnato molto sia per il lavoro sia per la ricerca di un contatto sicuro che mi possa inviare il bamu dalle Ande.
Concordo nelle osservazioni generali sulla fisica dei flauti ( fisica dei tubi sonori ) .
La frequenza della nota generale è direttamente proporzionale secondo una costante che chiamiamo genericamente K al valore 2 λ o 4λ a seconda che siano tubi aperti o a estremità chiusa.
Ma nella generazione di un suono ( strumento e voce che sia) bisogna tener conto del suo timbro che è dato dalla somma della nota fondamentale F0 e delle due armoniche con frequenza Fn= (n+1)*F0 per n= 1,2,3....
Ovviamente ogni componente esprime una quantità di energia che deve essere trasferita all'aria per porre in movimento l'aria che poi va a mettere in vibrazione il timpano dell'orecchio.
Ora se pensiamo ad un circuito elettrico ci viene in mente che passa maggior corrente ( energia ) laddove la resistenza ( impedenza acustica) del filo e piccola...con questa similitudine diciamo che un flauto trasferisce bene energia ( soprattutto le armoniche pari..... ovvero in rapporto di ottava) quando la sua costruzione è tale da rendere minima l'impedenza acustica tubo-aria.
Bene per rendere minima l'impedenza acustica ( massimo il trasferimento di energia non basta determinare in modo corretto la lunghezza della colonna d'aria ( distanza del bisello dal foro ) ma correlarla al diametro del tubo ( con dimensione inversamente proporzionale secondo una k1 alla frequenza della nota ).
Questa correlazione tiene conto anche del materiale usato e dello spessore delle pareti del tubo.
A questo si aggiunge che il diametro del foro deve essere proporzionato non solo alle dimensioni delle dita ma anche all'altezza del suono ( frequenza generata) tenendo conto che la vibrazione non si genera all'esterno del foro ma nella metà della sua sezione.....
Sicuramente questa sintesi è un po' densa ma se ne può riparlare...e se per caso non vi vedete rispondere datemi una scrollata scrivendomi a : liutaio_andino@hotmail.it

Il forum del sito della chitarra battente ©ZIXForum 1.14 by: ZixCom 2006Up